Espandi menu
cerca
I sette samurai

Regia di Akira Kurosawa vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4472
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I sette samurai

di sasso67
10 stelle

Un capolavoro del cinema, avventuroso e sentito, girato con una maestria impeccabile, con un senso dello spettacolo difficilmente raggiungibile, con una sensibilità raramente eguagliata e con una forza espressiva che ha pochi pari nel panorama storico della decima musa. Più volte imitato, portato nel far west o nello spazio, "I sette samurai" è un classico intramontabile, eccezionale di per sé e ancor più importante nella storia del cinema: serve a comprendere anche una grossa fetta del cinema giapponese futuro, e trova un nipotino in un film come "Zatoichi" (2003) di Takeshi Kitano. Kurosawa, che nonostante le molte differenze non esiterei a paragonare da vicino al John Ford di "Ombre rosse" e della "Pattuglia sperduta" (se non a quello della "Carovana dei mormoni"), crea un pathos degno dei drammi scespiriani (che non a caso porterà sullo schermo con "Il trono di sangue" e "Ran"), ma sa stupendamente stemperarlo con l'ironia dei buffoni di turno, come il magnifico soldato fanfarone interpretato con trasporto dal grande Mifune. La magia di Kurosawa, però, sta anche nella com-passione che sente e fa sentire per i propri personaggi, sia samurai sia contadini, contrapposti a quella specie di raffigurazione del male assoluto che è il capo dei banditi, rappresentato come una specie di distruttore alla Gengis Khan. E non è nemmeno vero, come pure è stato sostenuto, che il regista disprezzi i contadini, che critica per la loro grettezza e cattiveria, ma che giustifica, criticando allo stesso tempo, attraverso le parole di Kikuchiyo, la tradizionale violenza della casta dei samurai. Giustamente votato al posto numero 5 nella classifica dei più bei film di tutti i tempi sull'Internet Movie DataBase, "I sette samurai" (meritoriamente riproposto dalla rivista "Ciak" nella originaria versone di 200 minuti), si avvale di uno dei più grandi registi della storia, di una fotografia fuori dall'ordinario e di attori eccellenti: in particolare i due interpreti che recitano nelle parti che spiccano, anche grazie a loro, sopra le altre, il già citato Toshirô Mifune e Takashi Shimura. Grande.

Su Toshiro Mifune

Un mito. Il volto del Giappone per tutti gli anni cinquanta e sessanta.

Su Takashi Shimura

Un'icona del cinema giapponese e di quello di Kurosawa in particolare. Bravissimo.

Su Akira Kurosawa

Uno tra i dieci registi più grandi di tutti i tempi. Questa è una delle occasioni in cui è riuscito a dimostrarlo pienamente.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati