Espandi menu
cerca
La spia che venne dal freddo

Regia di Martin Ritt vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Carlo Ceruti

Carlo Ceruti

Iscritto dal 16 maggio 2004 Vai al suo profilo
  • Seguaci 31
  • Post -
  • Recensioni 3728
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La spia che venne dal freddo

di Carlo Ceruti
10 stelle

Stupendo film spionistico tra i capisaldi del genere.

E' un bellissimo film spionistico cinico, pessimista, amaro e disilluso che, raccontandoci un'insidiosa guerra tra spie orientali e occidentali durante la Guerra Fredda, ci mostra un mondo pieno di trappole e trabocchetti, dove ognuno appare immorale, inaffidabile e sembra possedere una doppia (o tripla) faccia; un mondo dove i tradimenti e le congiure sono il pane quotidiano e dove non c'è posto per sentimenti sani come amicizia o amore. Ritt non prende le parti di nessuno dei due schieramenti in lotta e, se da una parte critica aspramente il freddo e totalitario regime comunista, dall'altro non risparmia bordate alla società occidentale, anch'essa persa in trame delittuose, criminali e disumane.

La vicenda è tremendamente tragica e l'atmosfera di per sé gelida si fa via via più tesa fino a raggiungere il culmine della tensione in un processo da incubo svolto in un tribunale improvvisato, in cui i giudicanti sembrano molto più simili ad automi che ad umani.

Richard Burton, nel ruolo di un agente inglese depresso e alcolizzato, che decide di intraprendere una difficile missione aldilà del muro di Berlino, è stupendamente intenso e coinvincente. Il finale è secco e amaro e resta estremamente impresso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati