Espandi menu
cerca
Onward - Oltre la magia

Regia di Dan Scanlon vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ilcausticocinefilo

ilcausticocinefilo

Iscritto dall'11 giugno 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 34
  • Post 30
  • Recensioni 86
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Onward - Oltre la magia

di ilcausticocinefilo
5 stelle

Una delusione. Un film che non ci si aspetta dalla Pixar. Piatto, banale e più in linea con il basso standard Disney degli ultimi anni. Una storia esile e un'animazione non particolarmente memorabile. Peccato.

 

* Ho messo l'avviso spoiler ma state tranquilli: oltre ad essere indicati non sono veri e propri spoiler in senso stretto che rivelano elementi essenziali della trama [comunque sia, se volete riuscite ad evitarli facilmente, ecco tutto]

 

 

In attesa dell’uscita del prossimo progetto di Docter (Soul) che si spera risollevi la situazione, c'è da dire che sembra comunque già da alcuni anni di assistere ad un generale e triste declino della casa californiana, sia in termini di qualità in senso assoluto che in termini di “distinguibilità”. In altre parole, dà sempre più l’idea di essersi ridotta ad una mera filiale Disney, dai cui codici e stilemi si discosta sempre meno (ed è un qualcosa di cui si ha l’impressione almeno dai tempi di Ribelle – The Brave). E si tratta davvero di un tristissimo destino per quello che è (è stato) uno dei maggior studi d’animazione di sempre, capace di sfornare capolavori della settima arte come Monsters & Co., Gli Incredibili, Wall-E

 

 

scena

Onward - Oltre la magia (2020): scena

 

 

Invece, in questo caso, già il titolo (pericolosamente piatto, più che in passato [lett. “[In] Avanti”]) pare quasi un fosco presagio: rivela già in qualche misura quella mancanza di idee della quale si ha sentore sin da prima di iniziare la visione, semplicemente dando uno sguardo alla sinossi del film. E della quale si ha infine dolorosa conferma a pochi minuti dall’inizio della proiezione.

 

Diretto da quel Scanlon regista del pessimo (e inutile) seguito di Monsters & Co., Onward purtroppo si afferma (insieme a quello e perfino più di Cars) come il punto più basso sinora toccato dalla Pixar. E’ un film per buona parte della durata assolutamente piatto, privo di idee degne di particolar rilievo, esilissimo dal punto di vista narrativo (la storia poggia su fragilissime basi e l'intero percorso di viaggio non ha molto senso e non regala neanche sensazionali idee visive) e, in conseguenza di tutto ciò, molto poco appassionante anche, è presumibile, per i più piccoli ai quali è chiaramente rivolto.

 

 

scena

Onward - Oltre la magia (2020): scena

 

 

Dopo il già mediocre (e, anche in questo caso, del tutto inutile) terzo seguito di Toy Story, a strettissimo giro la Pixar torna con un altro film dalle basse (bassissime) pretese che ricorda pericolosamente la peggio Disney degli ultimi vent’anni.

I tratti distintivi della casa di produzione di Emeryville (quelli che ne hanno fatto un gigante del settore) sono andati persi per strada. L’inventiva, l’originalità, la sorpresa, la complessità, la densità e profondità (pensiamo, giusto per fare un esempio, ad Up), la meraviglia dei film d’un tempo si sono definitivamente smarrite e quel che rimane è unicamente un medio prodotto d’intrattenimento destinato al consumo e, si suppone, a favorire la vendita di pupazzetti e gadget (un po’ come nel caso del Viaggio di Arlo).

 

Peccato che, persino in confronto a quest’ultimo film del 2015, Onward non riesca a distinguersi neppure al livello “minimo”, se vogliamo “meramente tecnico”, delle animazioni che, per quanto (e ci mancherebbe) di buona qualità, non riescono ad impressione più di tanto al pari di quelle della maggior parte degli altri film della casa, e del film su Arlo stesso nel quale la “pupazzosità” da cartoon di bassa lega dei personaggi strideva alquanto proprio in virtù dell’eccezionale complessità e cura nel dettaglio degli sfondi, qui invece mai particolarmente impattanti o memorabili.

E, dunque, anche in questo “campo” nel quale di solito mai gli animatori Pixar deludono (nemmeno nel caso dell’ultimo Toy Story, per rimanere negli ultimi tempi), purtroppo questo film non lascia il segno e, seppur mai platealmente scadente tecnicamente, rimane quasi sempre palesemente spento, scialbo, incolore, e pertanto si dimentica ben presto.

 

 

scena

Onward - Oltre la magia (2020): scena

 

 

Anche perché poche sono le idee se non originalissime quantomeno riuscite e non troppo scontate: le potremmo addirittura ridurre a tre

 

(MINI-SPOILER:

ovvero, quella, fulminea, degli unicorni, delle “gambe portate al guinzaglio” e della patatina al formaggio trasformata in agile imbarcazione [quasi delle gag demenziali]

FINE MINI-SPOILER).

 

 

scena

Onward - Oltre la magia (2020): scena

 

 

Ma sono sprazzi, anche molto brevi, che si perdono nel mare di banalità, cliché e stanchezza dell’insieme.

In un mondo di citati unicorni fuori controllo che si azzuffano tra i rifiuti e di fatine cattive che manco gli Hells Angels, tutto si dimostra però in linea generale pericolosamente freddo e, come già detto, poco avvincente, nonché vagamente (e, sottolineiamo, vagamente) emozionante solo negli ultimissimi minuti, quando comunque ormai è troppo tardi.

E quando si è ormai dovuti passare inermi e impreparati, tra le altre cose, anche per diverse cadute di tono e ritmo

 

(MINI SPOILER: come nel caso della madre che si lancia al salvataggio con tanto di musichetta “cazzuta” di sottofondo o nel caso cardine della mappa “di degustazione” compilata da una bambina che guarda caso conduce davvero alla meta… FINE MINI-SPOILER)

 

davvero pesanti e ridicole anche nell’ottica del film per bambini.

 

 

scena

Onward - Oltre la magia (2020): scena

 

 

 

Se già l’ultimo film originale Pixar, Coco, palesava nella prima parte certe carenze in questo senso di puerilità veramente asfissiante (manco i bambini non capissero oltre la battutina cretina o la continua prosaica illustrazione in V.O. degli eventi), in confronto a questo film assurge quasi al grado di capolavoro dell’animazione al pari di altri della casa californiana, grazie ad un paio di scene indubbiamente riuscite (qui del tutto assenti).

Onward si riduce invece ad un triste elenco. Pochi personaggi interessanti, poche innovazioni o anche solo belle scene dal punto di vista visivo, poca emozione, in definitiva: poca cosa. Davvero un peccato. Davvero un peccato.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati