Espandi menu
cerca
Oh Mercy

Regia di Arnaud Desplechin vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 269
  • Post 173
  • Recensioni 4000
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Oh Mercy

di alan smithee
4 stelle

Roschdy Zem

Oh Mercy (2019): Roschdy Zem

FESTIVAL DI CANNES 2019 - CONCORSO Roubaix, città industriale del nord della Francia, al confine col Belgio, zona calda per reati legati principalmente all'immigrazione e alle problematiche dell'integrazione, il commissariato di polizia non conosce soste nemmeno nella sera di Natale. Il suo zelante responsabile, Daoud, uomo pacato e riflessivo, ma tenace, solo negli affetti familiari (anche se si schernisce bonariamente con un laconico "tutti noi abbiamo una famiglia") e votato al suo lavoro come ad una missione, si divide tra un caso e l'altro utilizzando esperienza mediata con astuzia e capacità di persuasione, qualità in cui eccelle.

Antoine Reinartz

Oh Mercy (2019): Antoine Reinartz

Sara Forestier, Léa Seydoux

Oh Mercy (2019): Sara Forestier, Léa Seydoux

Lo vediamo mentre smaschera un finto incendio colposo di un auto, che cela maldestramente in realtà un tentativo di frode assicurativa, e altri casi di abituale competenza e ordinario disordine civile. Fino a che ci scappa il morto, e allora il gioco si fa serio, costringendo l'uomo ed il suo giovane aiuto appena diplomato, efficiente ma inesperto, a tirare le somme riguardo all'omicidio di una vecchia signora, trovata strangolata in casa sua. Indiziate in modo sempre più compromettente, figurano due ragazze conviventi dal comportamento sempre più ambiguo, che nasconde un intrigo che lentamente verrà portato alla luce in tutta la sua controversa dinamica.

Roschdy Zem, Sara Forestier

Oh Mercy (2019): Roschdy Zem, Sara Forestier

Roschdy Zem, Antoine Reinartz

Oh Mercy (2019): Roschdy Zem, Antoine Reinartz

Che un regista sofisticato e sensibile come Desplechin si sia dato al polar, avrebbe potuto risultare un aspetto insolito ma stimolante e curioso. Il risultato tuttavia non riesce a creare nulla di buono o interessante, eccetto la figura saggia e conciliante del poliziotto capo Daoud, a cui presta volto, corpo e complete sfaccettature caratteriali, l'ottimo ed ispirato attore Roschdy Zem. Tutto il resto è, ahimè, fuffa e piattezza, incongrue ed inconciliabili per un giallo anche a sfondo antropologico come ambisce questa produzione, a partire dalla dinamica con cui è trattata la scoperta del cadavere (ovvero, quasi completamente trascurata), fino alle caratteristiche dei personaggi delle due indiziate, a cui prestano il volto le due solitamente brave Léa Seidoux e Sara Forestier, qui impacciate dalla fiacca approssimazione dei rispettivi personaggi.

Sara Forestier, Léa Seydoux

Oh Mercy (2019): Sara Forestier, Léa Seydoux

Apprezziamo il tentativo insolito e persino coraggioso del cineasta, ma consiglieremmo a Desplechin di tornare sui propri assai collaudati e brillanti passi precedenti; questo film, tra l'altro, non fosse che per la fama dell'autore, è davvero un mistero per come possa essere finito in Concorso.... o forse no.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati