Espandi menu
cerca
Sicilian Ghost Story

Regia di Antonio Piazza, Fabio Grassadonia vedi scheda film

Recensioni

L'autore

zombi

zombi

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 13
  • Recensioni 1652
  • Playlist 277
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Sicilian Ghost Story

di zombi
8 stelle

sembra un racconto per spaventare gli amici intorno al fuoco, ma gli orchi sono uomini in carne ed ossa

un giro vorticoso di telecamera introduce e abbandona il film. all'interno di quello che sembra una ventre di roccia, da dove l'acqua sgorga e ritorna. una storia bellissima e semplicissima, due ragazzini si rincorrono fuori dalla confusione sociale, all'interno di un bosco, giocando e amoreggiando come due ragazzini sono capaci di fare, fino a quando sono sorpresi da un feroce cane nero.

è un amore contrastato quello tra luna e giuseppe, poichè giuseppe è figlio di un pentito, di un infame, e la madre di luna non vuole assolutamente che lei lo frequenti.

ma lei è testarda e non molla. tanto più quando giuseppe non si presenta l'indomani a scuola e non torna più.

luna si preoccupa e sembra proprio essere l'unica a farlo, e questo suo concentrarsi sulla sparizione di giuseppe la isola in un mondo che diventa solo suo, ricco di disperazione e paure che lei documenta sulle pareti della sua stanza.

i momenti fantastici diventano sempre più invasivi fino a prendere il sopravvento sulla vita reale in un'angosciosa ricerca di quel bambino che nessuno sembra voler cercare.

è una sicilia atavica quella ricercata da grassadonia e piazza. legata al suo passato, tra rovine della magna grecia e simbologie animalesche, in cui la bella favola di un amore fresco e giovane viene stroncato dalle forze del male rappresentate  dalla manovalanza della malavita, sorta di omuncoli deformi e senza volto che obbedendo agli ordini di quelli che dovrebbero essere uomini d'onore, uccidono e sciolgono nell'acido un bambino di 13 anni.

l'orrore e il raccapriccio di ciò che rimane di un corpo sciolto nell'acido, si confonde rovesciato nelle acque di un laghetto e nel pantano sul fondo. lo sforzo dei due registi è quello di cercare di parlare di mafia in un modo diverso, e non per annacquarlo nella simbologia fiabesca, per renderlo mostruosamente lontano dalla realtà. 

la realtà è perfettamente rappresentata dalla triste e disillusa consapevolezza degli adulti. la madre di luna pur di non vedersela strappare dalla mafia, la preferisce internata in un istituto; i suoi amici cercano di farle capire ciò che loro hanno già ben compreso, innocenti complici di un silenzio e di una paura che è simile alla paura di ciò che si nasconde nel buio o nell'armadio, quando da piccoli si ha terrore di ciò che si nasconde nel buio .

SICILIAN GHOST STORY è un racconto goticheggiante su una piaga che sembra corrodere l'isola sin da quando i monumenti antichi hanno cominciato a rappresentare vestigia di un passato mitico, dove la bellezza è perennemente minacciata da brutture strutturali nate abbandonate e storture sociali e mentali che ci fanno ben conoscere il male da temere con cui convivere perchè ormai inoperabile.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati