Trama

In un paese tormentato dall'incombere di una guerra, due sorelle vivono un profondo conflitto. Durante un viaggio sono costrette a fermarsi in una cittadina sconosciuta perché una delle due si sente male a causa del suo alcolismo. È l'occasione che fa esplodere i profondi costrasti tra le due donne, entrambi a loro modo egoiste e prevaricatrici. Muto testimone è un ragazzino, figlio di una delle due. Dopo l'ennesimo litigio la malata viene abbandonata dalla sorella al suo destino.

Note

Conclusione della trilogia del "silenzio di Dio" (dopo "Come in uno specchio" e "Luci d'inverno"), è uno dei film più metaforici e azzardati dell'autore, che si spinge fin quasi alla maniera di se stesso. La foresta di simboli e la tetragona upezza possono, a selta, affascinare o sconcertare.

Commenti (2) vedi tutti

  • Un Bergman assolutamente minore ma non in questo caso sgradevole…anzi!!! Un gioiello…triste racconto sorretto come sempre da due donne che sono fantastiche! Donne che solo Bergman sa trovare!

    commento di cinefilo87
  • Il meno cervellotico e indigesto dei film di Bergman. Umano.

    commento di Ramito
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Elvia di Elvia
10 stelle

Il Silenzio di Dio, questo il titolo che avrebbe dovuto rappresentare l'ultimo capolavoro del regista svedese Ingmar Bergman, della cosiddetta "trilogia" religiosa (insieme ai precedenti Come in Uno Specchio e Luci d' Inverno), smorzato poi nel solo Il Silenzio dallo stesso Bergman per attutirne appena il pessimismo. Sullo sfondo di una città misteriosa e dalla lingua… leggi tutto

12 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ethan di ethan
6 stelle

Due sorelle, Anna (Gunnel Lindblom) e Ester (Ingrid Thulin), insieme al figlioletto della prima, Johan (Jörgen Lindström), stanno attraversando in treno un paese imprecisato quando Ester si sente male e devono quindi fermarsi in un albergo. Mentre Ester si 'cura' a forti dosi di alcool e sigarette e Johan, per combattere la noia, si aggira per i corridoi dell'hotel, incontrando nani e… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

2018
2018
2017
2017
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

chinaski di chinaski
8 stelle

il sudore e il silenzio tra le linee di un corpo femminile, il sorgere del sole riflesso negli occhi di un bambino, gli scompartimenti di un vagone ferroviario, passano le stazioni e i carrarmati, scorrono le immagini oltre i finestrini come proiezioni nello sguardo – i profili intagliati nella luce – le lenzuola morbide in cui affondare, inseguendo aerei invisibili – i…

leggi tutto

Recensione

ethan di ethan
6 stelle

Due sorelle, Anna (Gunnel Lindblom) e Ester (Ingrid Thulin), insieme al figlioletto della prima, Johan (Jörgen Lindström), stanno attraversando in treno un paese imprecisato quando Ester si sente male e devono quindi fermarsi in un albergo. Mentre Ester si 'cura' a forti dosi di alcool e sigarette e Johan, per combattere la noia, si aggira per i corridoi dell'hotel, incontrando nani e…

leggi tutto
2015
2015

Recensione

logos di logos
9 stelle

Se dovessimo davvero considerare Come in uno specchio, Luci d’inverno e Il silenzio come una trilogia religiosa del rapporto tra uomo e Dio, possiamo dire che l’ultimo rivela come la coscienza infelice non sia più in qualche modo legata a una trascendenza, che ancora si presenti nelle distorsioni della follia o nelle più svariate forme di amore, secondo una fede laica…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2014
2014

Recensione

zombi di zombi
5 stelle

versione bim non censurata e con illuminanti differenze tra la versione italiana del tempo e quella originale restaurata con l'aiuto del cinema ritrovato bolognese. due sorelle di ritorno da una villeggiatura si fermano nell'hotel di una città a causa dell'aggravarsi della malattia di ester(thulin). ovunque ci sono segnali allarmanti di una movimentazione militare. convogli carichi di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2012
2012

Recensione

emmepi8 di emmepi8
8 stelle

  Ultimo film della trilogia del “Silenzio di Dio” di Bergman, da lui stesso volutamente composta, e diciamo che il titolo ed i contenuti sono pienamente in linea con il titolo di questo film. Un film che in Italia fu tagliato per ragioni di censura ed in accordo con lo stesso regista; una pellicola in bianco e nero, genere più che amato ed in linea con il modo preferito di vedere il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

lore tore di lore tore
8 stelle

Silenzio di Bergman è un’opera della metà degli anni ’60. I protagonisti sono ancora una volta al femminile: due sorelle che, dopo dieci anni, non sono ancora riuscite a metter da parte l’astio provato nei reciproci confronti, in seguito ad un’aspra lite in passato. Durante il ritorno da un viaggio le due sorelle sono costrette, per via della malattia della sorella maggiore, a passare…

leggi tutto
2011
2011
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2010
2010

Recensione

OGM di OGM
10 stelle

Con Bergman l’incomunicabilità diventa un’ermetica poesia che, però, vive intensamente la ricchezza d’espressione del reale. Non c’è, infatti, modo più drammaticamente efficace di segnalare il vuoto che indugiare su tutto ciò che gli sta intorno, su tutto il resto che chiede disperatamente di essere completato da quell’unico…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

Elvia di Elvia
10 stelle

Il Silenzio di Dio, questo il titolo che avrebbe dovuto rappresentare l'ultimo capolavoro del regista svedese Ingmar Bergman, della cosiddetta "trilogia" religiosa (insieme ai precedenti Come in Uno Specchio e Luci d' Inverno), smorzato poi nel solo Il Silenzio dallo stesso Bergman per attutirne appena il pessimismo. Sullo sfondo di una città misteriosa e dalla lingua…

leggi tutto

Recensione

mm40 di mm40
8 stelle

E' un film in cui Bergman riesce ad inserire, attraverso uno spesso strato di riferimenti simbolici e citazioni più o meno dirette, un intero, personalissimo universo di ansie, prima fra tutte quella della morte. Si presuppone che il bambino che osserva perplesso, curioso ma spaurito, testimone di una frattura famigliare e di un lento quanto inevitabile declino fisico rappresenti il regista…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Segreti di famiglia

Redazione di Redazione

Vite apparentemente normali, persone ordinarie, tutto scorre all'insegna della tranquillità. Ma la macchina da presa indaga, la storia fa il suo corso e appaiono le prime ombre: è il passato che chiama. Scomode…

leggi tutto

Hotel

Redazione di Redazione

Non-luogo d'incontro ideale per anime in viaggio, nascondiglio perfetto per fuggiaschi cronici (o occasionali), scenario di traffici oscuri, luogo d'elezione per incontri illeciti. Dall'Overlook al Bates Motel, dal…

leggi tutto
Playlist
2008
2008
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito