Espandi menu
cerca
Dunkirk

Regia di Christopher Nolan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

yume

yume

Iscritto dal 19 settembre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 130
  • Recensioni 436
  • Playlist 47
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Dunkirk

di yume
10 stelle

Avere vent’anni ed essere ancora vivi, reduci dall’inferno. Si esce dal cinema chiedendosi come è stato possibile continuare a vivere, dopo.

locandina

Dunkirk (2017): locandina

Terra, acqua, aria, fuoco: ci sono tutti gli elementi di Empedocle dalla cui fusione derivano la vita e la morte.

Conosci innanzitutto la quadruplice radice
Di tutte le cose: Zeus è il fuoco luminoso,
Era madre della vita, e poi Idoneo,
Nesti infine, alle cui sorgenti i mortali bevono

 

Empedocle, frammento B 6

 

Nolan prende l’uomo, masse di uomini e singoli individui, in primo piano o in panoramiche infinite e colloca tutto in un vortice primordiale dove l’acqua si fonde con l’aria, la terra brucia col fuoco, il fuoco invade l’acqua e l’aria alimenta il fuoco.

E’ il Caos primigenio, dove tutto finisce e ricomincia, e il dolore dell’uomo è incommensurabile, non si misura uno strazio così.

 

Innanzitutto la claustrofobia: 400.000 inglesi e francesi, stretti alle spalle dai tedeschi sulla spiaggia bellissima e tristissima di Dunquerque/Dunkirk, sono bloccati come topi in trappola.

Molti di loro non avranno scampo. E quel che più colpisce è il silenzio dell’uomo davanti al muggito degli elementi e al rimbombo delle armi.

Silenzio immobile, c’è forse un attimo in cui l’essere umano capisce, e allora tace.

Nolan è riuscito a filmarlo quell’attimo.

Davanti c’è il mare, oltre il mare le bianche scogliere di Dover, navi grandi e piccole in acqua, aerei nel cielo.

Gli uomini aspettano, l’ultimo ragazzo è arrivato correndo dall’ultimo villaggio evacuato, è l’ultimo dei sopravvissuti, il nostro filo di Arianna fino all’ultima scena.

La ripresa aerea filma gli uomini fermi sull’arenile come file di formiche, i pontili si piegano sotto il peso, aspettano, sperano di imbarcarsi, andarsene a casa da quell’inferno in cui sono finiti senza peccato.

Dall’alto aerei nemici sganciano bombe, uomini ne cadono a mazzi, in mare affondano, silurate o bombardate, perfino navi della Croce Rossa che ne avevano appena caricati un bel mucchio e le brave crocerossine avevano distribuito sollecite tazze di thè e pane e marmellata.

Manca il respiro, per tutto il film.

Nolan supera sé stesso, stavolta, non si può più dire “Non amo i film di guerra”, questo non è un film di guerra, è starci dentro, alla guerra, non sentirsela raccontare comodi in poltrona, si sta male, veramente male.

 

Un dispiegamento di forze così è raro, ma dominarle, imprimere alle scene l’ordine, il senso, dominare gli eventi, questo è da demiurgo che organizza il Caos.

Forse c’è qualche difettuccio, poca cosa che è da piccoli travet andare a spulciare, il respiro è immenso, il martellamento continuo, si vorrebbe starne fuori ma poi si resta incantati, così alta è la maestria e così profondo lo sguardo sul mondo.

Le scogliere bianche arriveranno, alla fine, e sul trenino del ritorno a casa ci si potrà rincantucciare sul sedile e chiudere gli occhi, la testa appoggiata sulla coperta tesa da mani pietose.

Avere vent’anni ed essere ancora vivi, reduci dall’inferno.

Si esce dal cinema chiedendosi come è stato possibile continuare a vivere, dopo.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati