Espandi menu
cerca
Il settimo figlio

Regia di Sergey Bodrov vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 274
  • Post 180
  • Recensioni 4442
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il settimo figlio

di alan smithee
4 stelle

locandina

Il settimo figlio (2014): locandina

IL SETTIMO FIGLIO, del discontinuo ma talvolta notevole regista russo Sergey Bodrov (Il prigioniero del Caucaso, Decisione rapida, Mongol) è un fantasy tratto dall'omonimo romanzo di Joseph Delaney, che ci riporta in un passato lontano quanto imprecisato: un Medioevo dominato dalla stregoneria nera che soggioga quella bianca ed innocua per sottomettere le redini di una umanità sempre più indifesa e allo sbando. La strega più temuta, Mamma Malkin, si è liberata ed un cavaliere incappucciato già in età, ma ancora arzillo, sa bene che per catturarla ha bisogno dell'intervento del settimo figlio maschio di un settimo figlio precedentemente in attività.

locandina

Il settimo figlio (2014): locandina

Una volta trovatolo, l'uomo ha tempo solo pochi giorni per insegnare al ragazzo, volonteroso ma acerbo, le tecniche per sconfiggere il male: la luna piena e rossa, condizione indispensabile per agire contro la strega e il suo esercito, sta per apprire in cielo e l'istruzione del novello messia deve limitarsi a pochi giorni.

Jeff Bridges, Julianne Moore, Olivia Williams, Ben Barnes, Djimon Hounsou sono solo i più noti tra i nomi di un cast potente che cerca di dare luce ad un filmetto molto banale e pieno di deja-vu.

locandina

Il settimo figlio (2014): locandina

 

Qui, a parte qualche panoramica da vertigine, ed un inseguimento-lotta con un gigantesco goblin apparso da sottoterra (una serie di belle sequenze, bisogna ammetterlo), il film frana in vezzi e macchiette da congrega di streghe e nella gigioneria di un Jeff Bridges pettinato ancora da Drugo, doppiato malissimo da una voce francese che lo rende un clown farsesco e, nuovamente come nel capolavoro dei Coen, affiancato da una (questa volta) manierata e smorfiosa Julianne Moore che pare divertirsi molto (beata lei), al contrario di tutti o quasi gli spettatori, stanchi del solito filone ormai davvero usurato e ripetitivo.

locandina

Il settimo figlio (2014): locandina

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati