Espandi menu
cerca
Il grande silenzio

Regia di Sergio Corbucci vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hallorann

hallorann

Iscritto dal 7 ottobre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 89
  • Post 12
  • Recensioni 532
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il grande silenzio

di hallorann
10 stelle

Storia di cacciatori di taglie, di fame, vendetta e morte. Siamo nell’innevato Utah dove si aggirano banditi affamati di cibo e in attesa di un’amnistia e cacciatori di taglie senza scrupoli capitanati dallo spietato Tigrero, Corbett lo sceriffo ligio alla legge e dal cuore d’oro, Silenzio il muto con una dolorosa vicenda personale alle spalle, una vedova di colore e un paese Snowhill ostaggio di un usuraio Pollycut dal passato ambiguo.

 

Locandina

Il grande silenzio (1968): Locandina

 

Jean-Louis Trintignant

Il grande silenzio (1968): Jean-Louis Trintignant

 

I western necrofili di Sergio Corbucci colpiscono ancora per la carica barocca che li accompagna. Le psicologie dei personaggi principali sono sempre un marchio originale, oltre allo scenario inedito e indimenticabile. Il pistolero muto Silenzio (da un suggerimento di Marcello Mastroianni) conserva negli occhi un dolore vissuto da bambino, una ferita al collo, una Mauser e una dolcezza nel rapporto con Pauline. Solo Jean Louis Trintignant poteva restituire queste caratteristiche e dare forza enigmatica al singolare protagonista. Lo sceriffo federale Gedeon Corbett è un uomo buono dalla battuta pronta, crede nella giustizia e non nella vendetta (motore di un mondo crudele e di uno Stato che lui vorrebbe cambiare). Un idealista che, oggi come ieri, non trova spazio. Chissà se dietro c’era, quale modello ispiratore, Bob Kennedy. Frank Wolff era uno straordinario e indimenticato interprete d’esportazione. Tigrero parla piano e con fare persuasivo semina morte e piombo rosso sul candore bianco della neve. Egli è l’incarnazione umana del vil denaro, del demone del dollaro che tutto decide e governa. Klaus Kinski asciugato da tic e sguardi febbrili è lucido e mefistofelico come lo sarà sotto la direzione di Herzog. Luigi Pistilli, conciato come un Shylock luciferino, è sinistro e decisivo ogni volta che appare. Mario Brega un servo brutale. Eccellente la Pauline di Vonnetta McGee, così come Marisa Merlini nei panni di Règine.

 

Klaus Kinski

Il grande silenzio (1968): Klaus Kinski

 

Le musiche di Ennio Morricone, poco invasive ed enfatiche, sono prevalentemente lente e inesorabili come la cattiva sorte che attende i buoni, in altri passaggi elettrizzano la tensione. THE HATEFUL EIGHT di Quentin Tarantino è un esplicito omaggio al film in numerosi punti e al regista romano Sergio Corbucci, il quale nel 1968 con questo sublime IL GRANDE SILENZIO firmò uno dei suoi migliori film di sempre.

 

Frank Wolff

Il grande silenzio (1968): Frank Wolff

 

Jean-Louis Trintignant, Vonetta McGee

Il grande silenzio (1968): Jean-Louis Trintignant, Vonetta McGee

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati