Espandi menu
cerca
Giù la testa

Regia di Sergio Leone vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 7
  • Recensioni 3333
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Giù la testa

di barabbovich
5 stelle

Durante la rivoluzione messicana, nel 1916, il bandito Juan (Steiger) si unisce a Sean, un dinamitardo irlandese (Coburn), per svaligiare una banca. Soltanto più tardi capirà che Sean è un rivoluzionario che combatte con Villa e Zapata. E, dopo la diffidenza iniziale e a seguito dell'uccisione dei suoi 5 figli, subirà una metamorfosi che lo porterà ad abbracciare a pieno titolo la causa antidittatoriale.
Con una strizzatina d'occhio alla rivoluzione di casa nostra ed una al botteghino, Leone realizza il suo film meno sincero, dall'incedere discontinuo, con una prima parte che impasta echi da commedia a registri più tipicamente western, verbosa e prolissa, ed una seconda che accende tonalità più drammatiche venate di un politichese addomesticato alle esigenze del western. Così, nonostante alcuni momenti da ricordare di grande bellezza figurativa ed alcuni preziosismi (i due protagonisti hanno lo stesso nome: Sean e Juan, ossia Giovanni), il film non convince. L'artificiosità della messa in scena è palmare, la musica di Morricone azzarda un'altalena pirotecnica tra citazioni colte e melodie pop e Steiger, "l'inventore del ghigno perpetuo" (Kezich) è francamente intollerabile [1996].

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati