Espandi menu
cerca
Old Boy

Regia di Chan-wook Park vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Nic90

Nic90

Iscritto dal 22 agosto 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci -
  • Post -
  • Recensioni 10
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Old Boy

di Nic90
8 stelle

Appena rilasciato da un posto di polizia dopo una notte brava, il giovane Dae-su, padre di una piccola bambina, viene inspiegabilmente rapito nella notte. Passerà quindici anni rinchiuso in una stanza, maturando un odio viscerale per il suo carceriere. Improvvisamente liberato e animato da un profondo sentimento di vendetta, si dannerà anima e corpo per scoprire le ragioni della sua prigionia. Sarà aiutato da una giovane ragazza conosciuta per caso e di cui s’innamorerà. Ma la ricerca non sarà altro che l’inizio di un’atroce vendetta che il carceriere stesso aveva in serbo per lui da tempo.

 

Tratto da un manga e parte centrale della “trilogia della vendetta” del regista Park Chan-wook, Old Boy si presenta come un film crudo, tetro e pessimista nella possibilità dei personaggi di riappacificarsi con gli errori del proprio passato.

 

Il regista contribuisce a creare un clima cupo a partire dalla fotografia. I colori smorti dei palazzi di una tipica città coreana, la perenna oscurità e penombra, le pareti spoglie e fredde degli interni danno vita ad un quadro surreale, ostile, claustrofobico anche una volta che Dae-su è uscito dall’isolamento.

 

Purtroppo per Dae-su, la sua prigionia diviene simbolica una volta scampato da quella fisica. La ricerca meccanica di vendetta lo lega inevitabilmente alle cattive scelte del suo passato, quasi a suggerirci che non è possibile espiare le proprie colpe, solo provare altro dolore.

 

E il carceriere, interpretato in modo esemplare da Yu Ji-tae, aderisce perfettamente a questo modello, sprofondando fino all’ultimo nei rimorsi del passato.

 

Film non poco violento, riesce a smorzare questa sua inclinazione con alcune scelte stilistiche del regista, tra cui il combattimento in stile videogioco nei corridoi della prigione.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati