Espandi menu
cerca
Schiavo della violenza

Regia di Robert Stevenson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 159
  • Post -
  • Recensioni 2631
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Schiavo della violenza

di jonas
5 stelle

Un ex militante comunista, che ha fatto carriera come dirigente portuale e non ha mai rivelato il proprio passato alla moglie (del resto appena sposata, pochi giorni dopo il loro primo incontro), viene ricattato dagli ex compagni che intendono usarlo per creare tensioni sociali. Il titolo originale I married a communist deve essere sembrato eccessivo persino agli americani, visto che poi lo hanno sostituito con The woman on Pier 13. Ciò non toglie che si tratti di un reperto archeologico della guerra fredda, altamente istruttivo sull’immaginario paranoico degli sceneggiatori dell’epoca: i rossi sono viscidi, ghignanti, subdoli, il loro capo ha l’aria porcina, e soprattutto la parola “comunista” viene sistematicamente usata come sinonimo non di “nemico” ma di “alieno”. Viene in mente un’osservazione di Italo Calvino sul suo soggiorno statunitense del 1959-60: “La domanda che un visitatore italiano si sente continuamente fare dagli americani di media cultura è: È ancora forte in Italia l’infiltrazione comunista?; e quando spieghi loro che finché penseranno che il comunismo è un’infiltrazione non capiranno niente di quel che succede nel mondo, sembra che si parli di cose cui non avevano mai pensato”. Alla rozzezza ideologica fa da riscontro l’improbabile côté sentimentale, con una giornalista mondana che manipola il giovane cognato del protagonista e finisce per innamorarsene. Un film che si guarda con un certo imbarazzo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati