Espandi menu
cerca

Trama

Nella Russia post sovietica, una giornata nella vita della famiglia Petrov durante un'epidemia di influenza rivela come al di là delle placide apparenze le cose possano prendere una piega del tutto fuori dall'ordinario. Mentre lui è un artista dei fumetti deluso dalla vita, lei è una bibliotecaria con una certa predisposizione a uccidere uomini violenti.

Approfondimento

PETROV'S FLU: DA UN BESTSELLER RUSSO

The Petrovs in and around the Flu, romanzo dello scritto e Alexey Salnikov, è stato pubblicato per la prima volta sul Volga Magazine nel 2016. Ha poi vinto il National Bestseller Award, ha ricevuto il premio della critica NOSE ed è divenuto in breve tempo un volume amato non solo dalla critica ma anche dai lettori. Lo stile insolito e il linguaggio vivace usato dall'autore hanno attratto il produttore Ilya Stewart, che ne ha opzionato i diritti. "In quel momento, Kirill Serebrennikov e io stavamo finendo di lavorare su Leto e stavamo pensando a quale poteva essere il prossimo progetto a cui dedicarci. Ed è stato in quel momento che ci è venuta l'idea di far adattare il romanzo a Kirill. Per una strana coincidenza, proprio in quel momento, Kirill aveva lavorato alla messa in scena dello stesso testo per il Gogol Center Theater, uno dei maggiori teatri d'avanguardia della Russia. Ci è sembrato un segno del destino, anche se i due progetti sono completamente diversi e indipendenti. Il lavoro di Salnikov è talmente ricco da prestarsi a diverse interpretazioni", ha sottolineato il produttore.

"Il romanzo - ha aggiunto Serebrennikov - è così ricco di temi, motivi, argomenti e punti focali. Ed è strutturato come una sinfonia: alcune trame emergono, alcune si dissolvono e altre continuano a ripetersi, come se fossimo bloccati dentro la mente febbrile del protagonista. Adoro tale struttura sinfonica".

Ha poi dichiarato il regista: "Sono convinto che i film si girino da soli: è il film stesso che sceglie ciò di cui ha bisogno e ciò di cui può fare a meno, inclusi gli attori che vi reciteranno. Capita che quelli "sbagliati" sono impegnati in altri set, che non arrivino ai provini o che vengano licenziati ancora prima di cominciare a girare. Petrov's Flu ha "scelto" le persone giuste e credo che abbia messo insieme una squadra di grandi attori con cui è stato interessante lavorare. Per la parte di Petrov ho provinato diversi attori ma la scelta finale è ricaduta su Semyon Serzin, attore e regista teatrale. Petrov non è un personaggio facile: è un osservatore, quasi un narratore. Chi lo doveva interpretare, era chiamato ad abbandonare la sua espressività per diventare poco appariscente, silenzioso, ordinario. Petrov rappresenta lo spettatore: è i nostri occhi, i nostri sentimenti, i ricordi della nostra infanzia... è spiritualmente molto maturo, ama suo figlio ed è un talentuoso fumettista. Ecco perché serviva un attore in grado di essere "caldo", sensuale, dolce. senza che fosse necessariamente una star. Semyon è un grande artista e, per di più, ha una mentalità da regista: ecco perché è perfetto come Petrov".

"Per me - ha concluso - Petrov's Flu rappresenta il tentativo di far capire cos'è la Russia è per tutti, condividendo i nostri ricordi d'infanzia, le nostre paure e le nostre gioie, dicendo al pubblico cosa amiamo e odiamo e cosa ci fa infuriare e cosa adoriamo, e mettendo in piazza la nostra solitudine e i nostri sogni. Volevo che questo film fosse molto sensuale e pieno d'amore. Non avevo pianificato di girarlo: in qualche modo, è arrivato all'improvviso, mi ha catturato e sono stato felice di innamorarmene. In un momento particolarmente buoi nella mia vita, è diventato un modo per sfogarmi e la mia principale fonte di felicità, e forse anche la mia ancora di salvezza".

Leggi tuttoLeggi meno
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - CONCORSO Nella Russia degli anni '90, una epidemia di influenza forte crea un malessere fisico che si accompagna ad uno stato allucinatorio in grado di fare compiere alle sue vittime, viaggi labirintici ed avventure al limite dell'incubo ad occhi aperti. Tramite il loro figlio bambino, il primo del nucleo che contrae lo stato febbrile, la coppia formata dal… leggi tutto

1 recensioni positive

2021
2021

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - CONCORSO Nella Russia degli anni '90, una epidemia di influenza forte crea un malessere fisico che si accompagna ad uno stato allucinatorio in grado di fare compiere alle sue vittime, viaggi labirintici ed avventure al limite dell'incubo ad occhi aperti. Tramite il loro figlio bambino, il primo del nucleo che contrae lo stato febbrile, la coppia formata dal…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
scena
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito