Espandi menu
cerca
Qui rido io

Regia di Mario Martone vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 287
  • Post 192
  • Recensioni 5349
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Qui rido io

di alan smithee
8 stelle

locandina

Qui rido io (2021): locandina

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - CONCORSO Scarpetta ovvero il re della Napoli che si diverte e che frequenta il teatro come luogo ove dare sfogo alla propria passione per le maschere popolari.

L'uomo che fece passare di moda quel monumento del teatro leggero che trovò in Napoli il suo personaggio centrale in Pulcinella, fino a quando Scarpetta non lo fece adombrare a favore del suo Felice Sciosciammocca, che lo rese famoso e ricco, oltre che erede, naturale oltre che d'arte, dei tre grandi fratelli attori ed autori De Filippo (Titina, Eduardo e Peppino), figli mai riconosciuti ma nemmeno mai rinnegati né finanziariamente né tantomeno negli affetti.

Toni Servillo, Cristiana Dell'Anna, Salvatore Battista, Alessandro Manna, Marzia Onorato

Qui rido io (2021): Toni Servillo, Cristiana Dell'Anna, Salvatore Battista, Alessandro Manna, Marzia Onorato

Toni Servillo

Qui rido io (2021): Toni Servillo

Un uomo di successo che viveva con la paura che tutto ciò potesse finire come era iniziato, e per questo diffidente nei confronti di quel misterioso cinematografo e di quella nuova comicità (anche di personaggi come Totò) che poi, a tutti gli effetti, nacque dalla sua tradizione, dalla sua verve e dalla sua mimica nell'affrontare con esuberanza ed istrionismo il palco.

Dopo Il sindaco del rione sanità, tratto da De Filippo, questo Qui rido io è una sorta di seconda tappa dedicata dal grande autore al teatro della tradizione napoletana.

Nei panni del protagonista, impensabile poter immaginare qualcuno che meglio di Toni Servillo potesse prendere le redini di un personaggio così eccentrico e complesso, per restituirne così nel dettaglio il tratteggio e la sintesi.

Toni Servillo, Alessandro Manna

Qui rido io (2021): Toni Servillo, Alessandro Manna

Gigioneggiando, certo, ma a ragion veduta e a maggior gloria di un personaggio che ha fatto la storia della cultura napoletana a cavallo tra '800 e '900, amato incondizionatamente dalle folle, detestato dalla intellighenzia invidiosa e permalosa (leggasi D'Annunzio) del suo stile impagabile di parodiare in modo avuto e talvolta pure irriverente.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati