Espandi menu
cerca
Dies irae

Regia di Carl Theodor Dreyer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 162
  • Post -
  • Recensioni 2674
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Dies irae

di jonas
10 stelle

Nella Danimarca del ’600, una vecchia accusata di stregoneria rinfaccia all’inquisitore un terribile scheletro nell’armadio: aver protetto una sua presunta “collega” per sposarne in seconde nozze la bella figlia. Lui non vuole aiutarla e la abbandona alle torture e al rogo, non senza prima averle impedito di lanciare accuse postume. Nasce una passione tra il figlio dell’inquisitore e la giovane matrigna, che per la prima volta in vita sua conosce l’amore: fattasi sempre più ardita, una sera rivela la sua relazione al marito, che ne muore. Nell’ultima scena, di altissima tensione drammatica, la madre dell’inquisitore (una matriarca che ha sempre odiato la nuora, considerandola un corpo estraneo nell’ordine familiare) accusa la donna di aver provocato la morte del marito con arti magiche. Il nipote, preso da scrupoli di coscienza e da rimorsi (per il suo adulterio, per aver velatamente desiderato la morte del padre), si schiera con la nonna. A quel punto la vedova confessa di essere una strega, andando anche lei incontro al rogo. Il film parla di molte cose (gli effetti del fanatismo, la religione come strumento di potere, il senso di colpa, l’amore, la morte) ma non dà mai l’impressione di essere sovraccarico, al contrario: come di norma in Dreyer, la messa in scena è spoglia ed essenziale, la recitazione quasi ieratica. Soprattutto, è un’opera di sublime ambiguità: resta incerto il motivo per cui alla fine la donna si riconosce colpevole (perché disgustata dal comportamento dell’amante e stanca della vita? per subire sulla sua pelle la sorte a cui era scampata la madre? per punirsi del torto fatto al marito? perché è veramente una strega?). In ogni caso, un capolavoro.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati