Espandi menu
cerca
Harold e l'automobile

Regia di Hal Roach vedi scheda film

Recensioni

L'autore

marco bi

marco bi

Iscritto dal 23 dicembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 60
  • Post 6
  • Recensioni 307
  • Playlist 44
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Harold e l'automobile

di marco bi
8 stelle

I momenti migliori: Harold litiga col vicino che gli annaffia la macchina scoperta e poi sfonda il box in retromarcia (un classico); quando l’auto non cammina più Harold prende un fiammifero per vedere se il serbatoio della benzina è vuoto; scivola più volte, altro classico dell’umorismo, su una buccia di banana; corre appresso alla macchina..

 

Harold Lloyd

Harold e l'automobile (1920): Harold Lloyd

 

Conosciuto anche con il titolo italiano 'Che bella automobile'. Harold Lloyd, il solito borghese occhialuto, maldestro, ingenuo ma ottimista, sogna che la sua fidanzata si sposa con un altro. Si sveglia e, dovendosi recare a teatro per recitare, va a prendere la sua bella e nuova automobile nel box … arriva a teatro quando la recita è finita ma la sua ragazza è felice lo stesso di vederlo arrivare.

 

 

Harold Lloyd

Harold e l'automobile (1920): Harold Lloyd

 

 

I momenti migliori: Harold litiga col vicino che gli annaffia la macchina scoperta e poi sfonda il box in retromarcia (un classico); quando l’auto non cammina più Harold prende un fiammifero per vedere se il serbatoio della benzina è vuoto; scivola più volte, altro classico dell’umorismo, su una buccia di banana; corre appresso alla macchina che si muove da sola (più e più volte ed anche in velocità!); va contromano, investe un corteo, è inseguito da poliziotti in moto e sale con tutta la macchina su un treno merci.

 

Harold Lloyd, Mildred Davis

Harold e l'automobile (1920): Harold Lloyd, Mildred Davis

 

Tanti corti di Lloyd (magari il regista non risulta lui ma credo che era lui che decideva su tutto) sono meglio dei lungometraggi che invece soffrono del metodo poco ortodosso da lui usato che consisteva nell’inventare le gag e poi costruirci un film intorno. Altra sua invenzione da ricordare usata spesso: inizia il film e noi vediamo una costruzione scenica che ci fa immaginare una situazione magari positiva…poi si allarga l’inquadratura e invece la situazione e molto diversa da quella che sembrava.

 

Harold Lloyd

Harold e l'automobile (1920): Harold Lloyd

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati