Espandi menu
cerca
Carlos

1 stagioni - 3 episodi vedi scheda serie

Serie TV Recensione

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 267
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su

di bradipo68
10 stelle

L'ultimo film di uno dei più talentuosi cineasti viventi d'Oltralpe è una delle macchie più evidenti e devastanti della lacunosa distribuzione italiana.E'stato venduto per ogni dove ma non da noi sia nella durata originale di 330 minuti(che è quella che ho visto io),sia in una versione cinematografica più breve e di durata variabile.Ma naturalmente noi non vedremo mai niente anche se all'estero circola già il dvd.Carlos è la ricostruzione storicizzata di una delle figure più inquietanti del terrorismo negli anni 70 e 80,una figura dai contorni così oscuri che ancora oggi non si sa quali siano effettivamente state le sue azioni criminali.O meglio se ne conoscono poche,comunque sufficienti ad assicurarlo a vita nelle patrie galere francesi.Infatti una didascalia all'inizio ci dice che quello che vedremo è una ricostruzione giornalistica il più fedele possibile partendo dalle poche certezze che si hanno della tumultuosa vita del terrorista.Dal punto di vista visivo il film di Assayas è entusiasmante:se la destinazione del prodotto nominalmente è televisiva ebbene io non me ne sono accorto perchè questo è cinema a tutti gli effetti.E del migliore.Quello che colpisce subito è la babele di linguaggi che caratterizza il film che è girato in moltissime locations.Per gli standard europei è un prodotto ad alto budget,curato nei minimi particolari a cui il regista francese regala la sua impronta personale,il suo modo incantevole e sinuoso di muovere la macchina da presa(vedere il lungo piano sequenza della festa nella terza parte con la cinepresa che si muove leggiadramente attorno a Carlos e alla sua partner),l'alternarsi di scene action che non hanno nulla da invidiare a quelle hollywoodiane esemplari per come sono secche ed essenziali,con scene più intime in cui assistiamo a quello che si agita dietro la facciata del terrorista perfetto e temerario,capace con le armi ma anche capace di muoversi sul versante diplomatico come il più consumato dei politici.A giudicare da questo film però la sua vita privata non deve essere stata affatto semplice.La ricostruzione degli anni '70 è schietta,viene ricreata soprattutto un atmosfera pesante,sulfurea in cui c'è un grande agitarsi di diplomazie che scelgono vie traverse per arrivare ai loro scopi e continui cambi di prospettiva.Dal punto di vista storico parliamo di ieri ma quegli anni sembrano ormai lontanissimi:non ci sono lotte religiose tra arabi e il resto del mondo,si ragiona per blocchi politici,c'è un continuo calpestio della legge per fini secondi.Al punto da proteggere un terrorista come Carlos,facendolo addirittura vivere protetto dentro a una specie di prigione dorata in vari Paesi medioorientali.Ma il mondo diventa troppo piccolo per lui e le sue protezioni vengono sgretolate a poco a poco da fattori economici e politici.La figura di Carlos e dei suoi complici non è idealizzata come potrebbe sembrare:i terroristi agiscono con violenza per ideologia e non sono giustificati in nulla,sono raccontati quasi con neutralità anche perchè il marasma politico che si agita attorno alle loro azioni  moralmente non è molto meglio di loro.Assayas dirige un film lunghissimo di grande complessità ma è tutto assolutamente lineare,la moltiplicazione dei personaggi e dei punti di vista è assolutamente necessaria per l'organicità della narrazione.E' probabilmente il Munich che Spielberg non è riuscito a girare perchè in parte frenato da scomode verità storiche,è la trasposizione per immagini di un brano di storia globale in cui tutte le tessere vanno magicamente a ricomporre il mosaico in maniera perfetta .Sugli anni di piombo sono stati girati molti film:se in qualcuno ho trovato qualche analogia è forse nel film di Edel La banda Baader-Meinhof(ma forse il film tedesco per la minore durata soffre di un'eccessiva compressione di avvenimenti e personaggi) mentre pur nella differente statura e caratura ideologica forse c'è anche qualche punto di contatto con la figura dell'idolo delle banlieue francesi,Jacques Mesrine, descritto con grande proprietà dei termini da Richet nel suo dittico Nemico pubblico N° 1(Carlos però era un convinto marxista,Mesrine dal punto di vista ideologico era molto più confuso).Di grande valore la prova di Edgar Ramirez nei panni del terrorista:oltre alle acrobazie linguistiche(parla inglese,francese e tedesco indifferentemente)è da notare un cambiamento drastico anche nel corpo dell'attore che segue la metamorfosi del vero Carlos a costo di ingrassare in modo considerevole.E'il primo film che vedo quest'anno ma di sicuro lo ricorderò a lungo,perchè ho avuto l'impressione di trovarmi di fronte a un capolavoro.Giù il cappello.

Su Olivier Assayas

una regia eccellente per un'opera monumentale

Su Edgar Ramirez

prova eccellente

Su Alexander Scheer

piuttosto bravo

Su Nora von Waldstätten

notevole

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati