Espandi menu
cerca
Tango Libre

Regia di Frédéric Fonteyne vedi scheda film

Recensioni

L'autore

nickoftime

nickoftime

Iscritto dal 15 novembre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 71
  • Post 18
  • Recensioni 1082
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Tango Libre

di nickoftime
6 stelle

Prima di “Tango libre” il contributo cinematografico di Frederic Fonteyne almeno in Italia era fermo a due opere come “Una relazione privata”(1999) e “La donna di Giles”(2004) che da soli erano comunque in grado di delineare le preferenze di un regista particolarmente interessato a storie di amori impossibili declinati da uno sguardo tendenzialmente pessimista. Se infatti nelle prime due opere per motivi diversi le relazioni dei protagonisti erano costrette a subire le ricadute di una condivisione fuori dal comune, moralmente anticonformista e con una fine nota ancor prima di cominciare – “Una relazione privata” era l’autopsia di un rapporto già concluso e rivissuto in prospettiva nelle interviste degli ex amanti – con quest’ultimo film presentato nella sezione “orrizonti” della rassegna veneziana il romanticismo eccentrico ed un po’ malato di un menage a trois trova una variante positiva (ma non per questo meno eclatante)nella passione per il tango che fa incontrare Alice moglie di Antonio ed Amante di Dominic — compagni di cella per una rapina conclusasi con l’assassinio di un poliziotto — e Jean Christophe il secondino innamorato della donna, incontrata per caso durante una serata danzante. Una coincidenza che fa da detonatore ad una storia di passione e di gelosia che rimetterà in discussione le posizioni di partenza.

Se la vicenda raccontata da Fonteyne risulta piuttosto tradizionale nella messa in scena delle emozioni, così non è per le dinamiche relazionali che il regista traduce facendo coesistere l’anomalia delle situazioni con il modo di fare scontato e la naturalezza un po’ idiota di chi si trova a viverle. E’ così per Alice chiamata a sdoppiarsi per corrispondere all’immagine del partner di turno, ed è così anche per i suoi amanti che accettano di condividere la stessa donna nonostante uno (Antonio) sia un uomo violentemente geloso e l'altro (Dominic) refrattario a qualsiasi forma di compromesso. Un carrozzone al quale appartiene di diritto anche Jean Christophe votato ad un amore passivo e rassegnato, disposto ad accettare le vessazioni e gli insulti del marito di Alice pur di portare avanti il coacervo di desideri repressi destinati ad esplodere nel rocambolesco finale. Fonteyne è bravo a sporcare il sottofondo drammatico con tocchi di non sense ed a caricare i personaggi di una goffaggine dai toni surreali che è evidente nelle postura allampanata e nello sguardo un po’ vacuo di Jean Christophe, oppure per parlare anche del contorno, nella personalità ottusa e bambinesca del suo capo, incapace di capire ciò che lo circonda. Altrettanto credibile è la resa di una condizione di marginalità che investe non solo gli ambienti, a parte quello della prigione strutturalmente separato, anche la sala da ballo volutamente dimessa, le abitazioni di periferia in cui vivono Jean Christophe ed Alice, arredate in maniera vistosa oppure dozzinale, e persino le musiche quando virano ad un vintage dal sapore provinciale. Ma come gli è solito, ai film di Fontane manca sempre qualcosa. In questo caso a dividersi le colpe sono una scrittura senza sfumature nella caratterizzazione dei personaggi ed incapace di cambiare ritmo quando si tratta di uscire fuori dall’empasse che deciderà il destino dei personaggi, e poi una mancanza generale di empatia che alla fine determina il senso di freddezza tipico dei film troppo costruiti.
(icinemaniaci.blogspot.com)

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati