Espandi menu
cerca
Niente da nascondere

Regia di Michael Haneke vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post 7
  • Recensioni 3034
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Niente da nascondere

di barabbovich
8 stelle

La vita di Georges (Auteuil), curatore di una rubrica letteraria televisiva, di sua moglie Ann (Binoche), editrice, e del loro figlio dodicenne sembra scorrere nella più assoluta normalità, finché non vengono loro recapitate, una dopo l'altra, alcune videocassette contenenti immagini strappate al loro quotidiano, accompagnate da sinistri disegni prodotti con tratto infantile. Le riprese - dapprima centrate unicamente sul loro appartamento - si estendono alla casa avita di Georges e a quella dove abita il figlio di un colono di famiglia, morto insieme alla moglie durante la violentissima repressione di Parigi del 1961 a danno degli algerini. Georges comincia a sospettare che si tratti di una vendetta del bambino allora rimasto orfano al quale, per colpa sua, non fu data la possibilità di una nuova famiglia. La polizia è impotente e le tracce che sembrano portare all'amico d'infanzia non sono forse quelle giuste.
Haneke confeziona un film algido, con almeno un paio di scene da fare accapponare la pelle, superbamente interpretato dai due protagonisti, in cui il "gioco" delle videocassette, pur non contenendo alcun esplicito elemento di ricatto, fa da sponda ai sensi di colpa di Georges. Ed è proprio su questi che si innesca la parabola esistenziale di una famiglia divorata dai reciproci sospetti, figlio incluso: nel finale (semi)aperto, che tocca una dimensione quasi metafisica, lo spettatore - coinvolto nel voyeurismo del film - si trova a dover dare un'identità a chi ha architettato la macabra trovata (guardando attentamente i titoli di coda si capisce qualcosa). Ma il film va assai oltre la trama gialla che propone: la sola idea che qualcuno ci possa spiare ci lascia sprofondare negli abissi dei nostri sensi di colpa, a cui cerchiamo goffamente di fare fronte nella convinzione, apparente, di non avere niente da nascondere. Premio al festival di Cannes per la migliore regia.   

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati