Espandi menu
cerca
Rule 34

Regia di Julia Murat vedi scheda film

Recensioni

L'autore

EightAndHalf

EightAndHalf

Iscritto dal 4 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 220
  • Post 54
  • Recensioni 921
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Rule 34

di EightAndHalf
6 stelle

Nel Brasile di Bolsonaro la democrazia sta morendo, e se oggi la democrazia muore in un paese, questo costituisce un fallimento per tutto il mondo. Con queste parole Julia Murat presenta il suo Regra 34 a Locarno 75, storia di una ragazza studentessa di legge di giorno e camgirl la notte, tentata dall’autolesionismo e dal godimento che può generarle il dolore fisico. Il film è un ping pong fra i fittissimi dialoghi tenuti nelle lezioni di giurisprudenza di Simone, la protagonista, in cui si dibatte sulla giustizia punitiva e sul femminicidio come risultato di un male sistemico come il maschilismo patriarcale, e i suoi passatempi sessuali online e con amici: Julia Murat ci tiene a dire che Simone è libera, ha una sessualità fluida e non intrattiene alcuna relazione tossica. Non ci sono traumi semplicistici che spieghino la sua psicologia, perché i suoi feticismi di per sé non sono un problema: Simone può disporre delle sue umiliazioni come meglio crede, senza che questo influenzi la sua lucidità negli studi e nelle riflessioni di natura antropologica, né la maturità delle sue relazioni private. Cos’è dunque che la spinge a rischiare sempre di più?, a procurarsi sempre più dolore?, a spingersi sempre più in là? Murat guarda con affetto alla sua protagonista, non nasconde la sua ansia per ogni nuova prova, ma mostra un’altra faccia dell’emancipazione, imprevedibile inquietante e affascinante, senza dare risposte ma accumulando ottomila domande. Un film intelligentissimo, proveniente da un Brasile arrabbiato che per ora al cinema (con autori come Gustavo Vinagre) esprime un’urgenza politica che è difficile trovare altrove nel mondo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati