Espandi menu
cerca
La bellissima estate

Regia di Sergio Martino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 130
  • Post 16
  • Recensioni 8688
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La bellissima estate

di mm40
4 stelle

La bellissima estate è un lavoro dalle mire eccessive, troppo ambiziose per il team Martino (Sergio regista e il fratello Luciano produttore; entrambi inoltre sceneggiatori al fianco di Sauro Scavolini); un melodrammone dalle atmosfere ottocentesche (l'alta borghesia, il conflitto di classe, l'infanzia lacerata con un retrogusto di buonismo deamicisiano) che, per quanto illustrato con sufficiente cura, non risulta mai 'vero'. Tutto molto impostato, artificioso, come un lungo fotoromanzo lacrimevole; e questo nonostante le buone interpretazioni, compresa quella del piccolo Duilio Cruciani. Nel cast anche Senta Berger, Caterina Boratto e caratteristi non disprezzabili come John Richardson e Renzo Marignano, nonchè Lino Toffolo in un ruolo laterale che contribuisce a sdrammatizzare un minimo le fin troppo cupe e angosciose atmosfere della storia. Bella la colonna sonora firmata - l'unica nella sua intera carriera - dal pianista Alberto Pomeranz. Fra le cento, mille banalità di cui la trama è farcita, spicca però il discorso sul senso di colpa da parte di chi ha raggiunto il benessere (il piccolo Gianluca si ritrova preso in giro a scuola ed emarginato a causa del fatto che è milionario): un concetto, certo, molto sessantottino, ma sviluppato in modo più approfondito ad esempio di quello psicologico (l'elaborazione del lutto della madre, ad es.), che è invece piuttosto grezzo all'interno del film. 4/10.

Sulla trama

Una giovane vedova tace la morte del marito (in un incidente durante una gara automobilistica) al figlioletto, troppo innocente per sopportare la notizia. Finita l'estate, si trasferisce con il bambino in un'altra città: ma il piccolo capisce che qualcosa non va e si fa sempre più inquieto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati