Espandi menu

cerca
Lady Bird

Regia di Greta Gerwig vedi scheda film

Commenti brevi
  • Mi è piaciuto molto il montaggio e l'idea di evocare l'atmosfera di un ambiente attraverso veloci sequenze di scene apparentemente incompiute, che in realtà si incastrano perfettamente come le tessere di un puzzle in cui lo stato mentale del personaggio prevale sulla narrazione, pervadendola di empatia.

    commento di andenko
  • Proclama il suo nome. Declama la sua città. Dichiara la propria indipendenza.

    leggi la recensione completa di mck
  • Forse il titolo vagamente affine allo splendido Birdman, voleva solo essere di buon auspicio. Forse.

    leggi la recensione completa di LAMPUR
  • Una commedia sofisticata che affronta con delicatezza e sensibilità un “coming of age” femminile , che tuttavia, nel suo sguardo intellettuale ed un po’ freddo, manca di un respiro potente che trasmetta fino in fondo la passione che anima un’adolescente alla ricerca di se stessa e di una via di fuga.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Vuoto a perdere

    leggi la recensione completa di siro17
  • Prima prova registica di Greta Gerwig in un racconto autobiografico che si impernia sul passaggio dall'età adolescenziale a quella adulta, con tema centrale la difficoltà del rapporto madre figlia.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Film interessante, quasi sempre piacevole, ma certamente non un capolavoro.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un film può piacere per tanti motivi. Anche perché ti fa vedere quello che non hai avuto. Tra chiesa e ubriacature, recitazione e debiti per studio al college, letture di riviste porno, fumate strane di sigarette ai chiodi di garofano e mangiare ostie non ancora consacrate, sedute per terra con le gambe allungate sul muro a ssieme alla fare teatro

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Adorabile commedia di formazione, scritta e recitata benissimo

    leggi la recensione completa di lino99
  • che sia davanti o dietro la macchina da presa, la Gerwig porta sempre con sé la consueta spontaneità, dolcezza, dolenza, sincerità, leggerezza...cose non da poco, specie se le si gestisce con tale equilibrio. da segnalare il grande Jon Brion alla colonna sonora.

    commento di giovenosta
  • Uno buon film ben costruito, che scorre facendosi seguire con piacere. Segno che Greta Gerwig sa bene cosa e come raccontare: l’adolescente che deve imparare a camminare da sola e che da “Lady Bird “deve diventare per forza Christine McPherson, affrontando il futuro che l’aspetta, lasciando la provincia per la città.

    leggi la recensione completa di michemar