Espandi menu
cerca
Renfield

Regia di Chris McKay vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 124
  • Post 42
  • Recensioni 3009
  • Playlist 58
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Renfield

di undying
4 stelle

La prima, di due, pellicole Universal del 2023 che riportano sullo schermo il conte Dracula. Questo, nelle intenzioni del regista (Chris McKay, anche produttore) dovrebbe essere inteso, addirittura, come seguito diretto del film originale girato da Tod Browning nel 1931.

 

locandina

Renfield (2023): locandina

 

New Orleans, ai giorni nostri. In un ospedale abbandonato si è stabilito Dracula (Nicolas Cage), assieme al fedele Renfield (Nicholas Hoult), del quale si serve per procurarsi le vittime indispensabili a saziare la sua sete di sangue. Renfield vorrebbe emanciparsi dal rapporto subalterno con il suo padrone, motivo per cui frequenta un gruppo di supporto per persone problematiche la cui esistenza è resa infelice da relazioni più o meno intime, ma sempre di tipo "tossico". L'occasione per cambiare vita giunge a Renfield quando incontra Rebecca Quincy (Awkwafina), poliziotta di New Orleans impegnata a contrastare una cosca criminale guidata da Bellafrancesca Lobo (Shohreh Aghdashloo) e suo figlio Teddy (Ben Schwartz).  

 

Nicolas Cage

Renfield (2023): Nicolas Cage

 

Strano, e sinceramente evitabile, tentativo Universal di dare seguito, molto tardivamente, a un grande classico, Dracula, al punto che lo stesso Cage viene posto in vece di Lugosi, trucco compreso - anche se di fatto, poi, sul set si atteggia imitando Christopher Lee -, durante alcune sequenze di flashback in bianco e nero estrapolate dalla pellicola originale diretta da Tod Browning nel 1931. Girato con un budget stratosferico (65.000.000 di dollari), basato sull'originale idea di dare spazio al personaggio del subalterno Renfield, il film tenta la via della commedia demenziale senza mai riuscire a smuovere un sorriso. Forse anche a causa di una violenza grafica molto spinta, pur se ad effetto fumettistico, cioè a dire poco, o per nulla, scioccante. E così, davanti ai nostri occhi, scorrono amputazioni di arti, teste mandate in frantumi, fiumi di sangue: effettacci gore e splatter garantiti da un portafoglio di spesa ben poco comune, inseriti con taglio sarcastico in un contesto gotico anacronistico, ossia adattato ai tempi moderni. Il protagonista, Renfield, finisce per essere oscurato dall'ombra di Dracula, virtualmente sempre presente. E questo, considerato che a dargli corpo è Nicolas Cage - già in passato succhiasangue, nel ruolo di Peter Loew in Stress da vampiro (Robert Bierman, 1989) -, finisce per rendere, più che ironica, patetica e grottesca l'intera operazione. Secondo tentativo, dopo il pessimo L'uomo invisibile (Leigh Whannell, 2020), di adattare ai giorni nostri i mitici personaggi horror della Universal, cavalcando la nostalgia di un pubblico radicale e irremovibile, disposto ad accettare ogni tipo di adattamento, anche quello più sciocco e superficiale. Basta che sullo schermo appaiano di nuovo "uomini invisibili", "vampiri" o altre icone di una cinematografia oggi tramontata, di fatto irrecuperabile. Renfield sarà seguito, sempre nel corso del 2023, da Last Voyage of the Demeter, altra produzione Universal sul conte Dracula. Il dramma è che a questo punto, sicuramente, c'è da aspettarsi lo stesso trattamento per la creatura di Frankenstein, l'uomo lupo e, ovviamente, la mummia. Sceneggiatura indifendibile a cura di Ryan Ridley, Robert Kirkman e Ava Tramer. Regia d'ufficio, surclassata dal cast tecnico al lavoro su un set multimilionario, a cura di Chris McKay (anche finanziatore dell'opera), cineasta/produttore qui al suo terzo kolossal, preceduto da La guerra di domani (film del 2021, realizzato con un budget di "soli" 200.000.000 di dollari) e da quella bambinata di LEGO Batman - Il film (2017, budget: 80.000.000 di dollari). Renfield approderà nelle nostre sale la prossima settimana, mentre già da oltre un mese circola nella maggior parte del mondo. Al momento è risultato un mezzo flop - avendo incassato solo 24.000.000 $ - che ha diviso in parti uguali, su posizioni diametralmente opposte, i pareri di critica e pubblico.

 

Nicolas Cage

Renfield (2023): Nicolas Cage

 

Curiosità [1]

 

"La sindrome di Renfield, nota anche come vampirismo clinico, è un raro disturbo psichiatrico che riguarda quegli individui affascinati dall'idea di bere sangue o convinti di essere un vampiro. Questa sindrome prende il nome dal personaggio RM Renfield del romanzo di Bram Stoker, "Dracula", poiché il personaggio consuma insetti vivi per ottenere la loro forza vitale."

 

"Il regista Chris McKay ha ammesso che il film è, in realtà, da considerarsi come sequel del Dracula di Tod Browning (1931)."

 

"Dracula è uno dei tre personaggi che Nicolas Cage ha cercato di interpretare sin dall'inizio della sua carriera. Gli altri due sono il Capitano Nemo e Superman. Nel 2018, Cage ha dichiarato di essere troppo vecchio per Superman, quindi si è concentrato sull'ipotesi di interpretare il Capitano Nemo e Dracula."

 

"Vero e proprio fan di Dracula e della pellicola originale diretta da Browning, Nicholas Cage si è preparato per il ruolo osservando i modi distintivi in cui Dracula è stato caratterizzato sullo schermo da Bela Lugosi, Frank Langella e Gary Oldman. 'Cosa posso aggiungere di diverso?' - ha detto - 'Voglio che appaia in un modo unico. L'abbiamo visto interpretato bene, l'abbiamo visto recitato meno bene, quindi cosa possiamo fare? Sto pensando di concentrarmi davvero sul movimento del personaggio... per dargli un tono perfetto di commedia e horror'."

 

 

NOTA

 

[1] Letteralmente, dall'imdb.

 

Nicolas Cage

Renfield (2023): Nicolas Cage

 

"Vengo da una vecchia famiglia, e il vivere in una casa moderna mi ucciderebbe. Una casa non può essere resa abitabile in un giorno, e dopo tutto, quanti pochi giorni concorrono a fare un secolo!"

(Dracula, dall'omonimo romanzo di Bram Stoker)

 

Renfield (2023): Trailer ufficiale italiano

 

F.P. 17/05/2023 - Versione visionata in lingua inglese (durata: 93'34") / Date del rilascio: Ungheria, Israele, Ucraina, Slovacchia, Singapore, Venezuela, Perù, 13/04/2023; Canada, Ecuador, Spagna, Regno Unito, Finlandia, India, Islanda, Lituania, Polonia, Turchia, Taiwan, Norvegia, Stati Uniti, 14/04/2023; Corea del Sud, 19/04/2023; Hong Kong, 20/04/2023; Emirati Arabi, Brasile, Colombia, Danimarca, Messico, Portogallo, Kuwait, 27/04/2023; Belgio, 10/05/2023; Australia, Germania, Italia, Paesi Bassi, 25/05/2023; Francia, 31/05/2023

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati