Trama

L'esercito serbo ha occupato Srebrenica. Aida, un'insegnante di inglese di mezza età con il marito e i due figli oramai grandi, cerca rifugio e protezione in una base ONU. Lavorando come traduttrice per le Nazioni Unite, Aida si sente al sicuro. Tuttavia, l'apparato di protezione ed empatia intorno a lei inizia pian piano a crollare: Aida dovrà allora pensare a come salvare la sua famiglia.

Approfondimento

QUO VADIS, AIDA?: IL MASSACRO DI SREBRENICA

Diretto e sceneggiato da Jasmila Zbanic, Quo vadis, Aida? si basa su eventi realmente accaduti e racconta la storia di Aida, un'insegnante e traduttrice d'inglese di mezza età che nella Bosnia del 1995 si rifugia con il marito, i due figli e altri 30 mila rifugiati, in una base militare delle Nazioni Unite gestita da forze di pace olandesi. Mentre l'esercito serbo invade la sua città e hanno inizio una serie di retate fatali, un ultimatum delle Nazioni Unite viene ignorato dalle forze d'invasione che bombardano incessantemente i civili. La protezione garantita dalle Nazioni Unite viene pian piano meno e la situazione si aggrava con l'arrivo del comandante dell'esercito della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, Ratko Mladic (che negli anni a venire sarebbe stato condannato come criminale di guerra per le sue gesta durante la guerra nell'ex Jugoslavia). Con le forze di pace azzerate e i rifugiati abbandonati come agnelli al macello, Aida si affretta a salvare la sua famiglia all'interno della cosiddetta zona sicura.

Con la direzione della fotografia di Christine A. Maier, le scenografie di Hannes Salat, i costumi di Malgorzata Karpiuk ed Ellen Lens, e le musiche di Antoni Lazarkiewicz, Quo vadis, Aida? ha al centro una storia di coraggio e resilienza contro la mostruosità di cui è capace l'uomo. Mentre si assiste alle lotte della protagonista per salvare la sua famiglia, Quo vadis, Aida? avanza come un incubo a occhi aperti nei corridoi più bui dell'animo umano, chiamato ad aggrapparsi a tutte le sue forze per sopravvivere al conflitto e ai ricordi a esso connessi. Ha spiegato la regista in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Venezia 2020: "Quo vadis, Aida? si basa su quanto accaduto nella città bosniaca di Srebrenica, al centro della sistematica uccisione di circa 8 mila abitanti alla fine del conflitto nel 1995. Ciò che è avvenuto rappresenta un trauma per tutta la Bosnia: durante la guerra, una zona della città fu dichiarata sicura dalle Nazioni Unite ma nel luglio del 1995 ciò non è servito a salvare la vita dei civili uccisi. Il mio film parla di una donna alle prese con un gioco di guerra tra uomini. Parla di coraggio, amore e resilienza – e anche di quanto può accadere se non riusciamo a reagire tempestivamente ai primi segnali di pericolo. Sono una sopravvissuta della guerra in Bosnia. Un giorno hai tutto, il giorno dopo la maggior parte delle cose che conoscevi non esiste più. Solo perché riteniamo che alcune cose siano inimmaginabili, non significa che non possano accadere".

"Ho attinto molto dalla realtà - ha proseguito la Zbanic - ma ho anche lavorato di fantasia, raccontando però fatti, circostanze e figure verosimili. Molti spunti vengono dal libro Under the UN Flag, Sotto la bandiera delle Nazioni Unite, scritto da Hasan Nuhanovic. Ho scelto di farne un lungometraggio di fiction e non un documentario perché volevo dare risalto al dramma di una donna e ai suoi sentimenti. Volevo che il pubblico fosse chiamato in causa e si ponesse molte domande. Anche se le istituzioni e i governi ci deludono, abbiamo ancora la libertà di provare sentimenti per gli altri e di poterli aiutare. Purtroppo, viviamo in una società in cui a far da guida in tutti i settori è l'egoismo, un atteggiamento che sta guidando la Terra e l'essere umano verso il disastro più totale. Cosa accadrebbe se invece mettessimo in atto altruismo e solidarietà?".

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

Tre domande alla regista Jasmila Zbanic

1. Da dove nasce l'idea del film?

La sistematica uccisione di circa 8 mila abitanti della città bosniaca di Srebrenica alla fine del conflitto nel 1995 rappresenta un trauma per tutta la Bosnia. Durante la guerra, una zona della città fu dichiarata sicura dalle Nazioni Unite ma nel luglio del 1995 ciò non è servito a salvare la vita dei civili uccisi. Srebrenica è a circa 40 minuti di volo da Vienna e a meno di due ore da Berlino: fa paura pensare che tale genocidio è avvenuto davanti agli occhi degli Europei dopo che gli stessi, negli anni passati, hanno ripetuto milioni di volte "Mai più". Sono una sopravvissuta della guerra e ho sempre desiderato che qualcuno raccontasse con un film ciò che è realmente avvenuto. Non pensavo mai che tale compito toccasse a me. La storia di Srebrenica mi ha ossessionato per molto tempo, ho letto tutto ciò che potevo leggere e dopo quattro film ho sentito che era arrivato il momento di raccontarla, a dispetto di tutti gli ostacoli che avrei potuto incontrare.

2. Che tipo di ostacoli?

La Bosnia produce un solo film all'anno e i fondi statali sono ridotti all'osso. Ho ricevuto solo il 5% dei fondi di cui necessitavo per il film. L'industria cinematografica, dopo il disfacimento della Jugoslavia, è ridotta al minimo, non esistono più relazioni con altri Paesi e girare un film è come attraversare il deserto. Quindi, è complicato realizzare un film come quello che avevo in mente io. Da un punto di vista della storia, invece, occorre ricordare come Srebrenica sia rimasta nella parte gestita dai serbi bosniaci. Il governo di destra nega ancora il genocidio e celebra i criminali di guerra. Fortunatamente, al di là della politica contraria, ho trovato il sostegno di produttori che hanno creduto nel progetto sia bosniaci sia appartenenti ad altri nove differenti Paesi europei. Ci hanno creduto perché non parla solo di Bosnia o Balcani ma degli esseri umani in generale.

3. Chi è Aida, la sua protagonista?

Aida è una donna divisa tra due differenti mondi: è bosniaca, la sua famiglia è nelle stesse condizioni di altri 30 mila residenti di Srebrenica, ma lavora per le Nazioni Unite. Ciò rende la sua posizione molto ambigua. Ada crede nelle Nazioni Unite, è convinta che la sede rappresenti un posto sicuro per la sua famiglia e di avere certi privilegi. Il film ripercorre ciò che succede quando il suo mondo cade a pezzi ed è costretta a cambiare la sua visione delle cose.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Quo vadis, Aida? è Jasmila Zbanic, regista e sceneggiatrice bosniaca. Nata a Sarajevo nel 1974, si è diplomata all'Accademia di Arte Drammatica della città e, prima di dedicarsi alla regia, ha lavorato come burattinaia in un teatro di Vermont e come clown per un seminario della regista Lee Delong. Il… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • In un paio di scarpe sportive che all'inizio del film un fratello aveva chiesto in prestito all'altro è racchiusa tutta la mostruosità dell'orrore che gli uomini sono purtroppo capaci di infliggere ai loro simili.

    leggi la recensione completa di port cros
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

port cros di port cros
8 stelle

  77ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2020 – In Concorso     La tragedia di Srebrenica, il peggiore crimine di guerra commesso in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale viene portata sullo schermi dalla regista bosniaca Jasmila Žbanic in quello che per me è un possibile Leone d'Oro.   La scelta - azzeccata - dell'autrice è… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 77 - CONCORSO Una madre sola in una posizione leggermente privilegiata a causa del suo lavoro, contro un sadico gioco di guerra tutto maschile con cui si compirà il genocidio di Srebrenica, che sradicò dalle proprie famiglie e causò la morte di quasi quattromila civili. Aida è una maestra che si è riciclata come interprete nell'ambito del sanguinoso… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2020
2020

Venezia 77

obyone di obyone

Ce l'abbiamo fatta!! Abbiamo sopportato stoicamente l'uso delle mascherine per un paio d'ore, giusto il tempo per mettersi in fila e guardare i film che tanto amiamo. Ma è stato questo gran sacrificio? Non…

leggi tutto

Venezia 2020: i magnifici 7

port cros di port cros

Oltre al post che riassume le mie impressioni sulla mia prima volta alla Mostra del Cinema di Venezia, ho deciso di fare anche la consueta playlist dei 7 migliori film (in e fuori concorso) visionati durante la mia…

leggi tutto
Playlist

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

  77ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2020 – In Concorso     La tragedia di Srebrenica, il peggiore crimine di guerra commesso in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale viene portata sullo schermi dalla regista bosniaca Jasmila Žbanic in quello che per me è un possibile Leone d'Oro.   La scelta - azzeccata - dell'autrice è…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 77 - CONCORSO Una madre sola in una posizione leggermente privilegiata a causa del suo lavoro, contro un sadico gioco di guerra tutto maschile con cui si compirà il genocidio di Srebrenica, che sradicò dalle proprie famiglie e causò la morte di quasi quattromila civili. Aida è una maestra che si è riciclata come interprete nell'ambito del sanguinoso…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
5 stelle

La prima sensazione che sovviene guardando Quo Vadis, Aida? di Jasmila Zbanic è che non sembra affatto un film di un paese dell’ex Jugoslavia. Che sia un bene o un male potrebbe essere una questione annosa, ma a parte l’anonimato andante della messa in scena, quasi del tutto priva di guizzi e di idee visive, a turbare è la “normalità” con cui la messa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Venezia 2020: Giorno 2

Venezia 2020: Giorno 2

In un'atmosfera di grande tranquillità, come dimostrano le foto che i nostri inviati inviano puntualmente, è partita la 77ª Mostra del… segue

Post
scena
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito