Trama

Fabienne è una diva del cinema francese che è circondata da uomini che la amano e la ammirano, dall'ex marito al suo agente. Quando pubblica le sue memorie, la figlia Lumir (trasferitasi negli Stati Uniti per scappare dall'opprimente madre) torna in Francia con la sua famiglia. L'incontro tra le due donne è destinato a trasformarsi presto in scontro: emergeranno verità mai raccontate, si sistemeranno conti lasciati in sospeso e si confesseranno amore e risentimenti.

Approfondimento

LE VERITÀ: IL PRIMO FILM ALL'ESTERO DEL GIAPPONESE KOREEDA

Diretto e sceneggiato da Hirokazu Koreeda, Le verità racconta la storia di Fabienne, una star del cinema francese circondata da uomini che la adorano e la ammirano. Quando Fabienne pubblica la sua autobiografia, la figlia Lumir - assente da tempo - fa ritorno a Parigi da New York con il marito Hank e la figlioletta Charlotte. L'incontro tra Fabienne e Lumir si trasformerà velocemente in confronto e resa dei conti.

Con la direzione della fotografia di Eric Gautier, le scenografie di Riton Dupire-Clément, i costumi di Pascaline Chavanne e le musiche di Alexeï AïguiLe verità è il primo progetto di Koreeda al di fuori del Giappone. A raccontarne la genesi sono le parole dello stesso regista in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Venezia 2019: "Se ho osato avventurarmi in un film all'estero, in una lingua che non è la mia e con una troupe totalmente francese, è solo perché ho avuto la fortuna di incontrare Juliette Binoche, colei che ha fatto scattare la scintilla. Ci siamo conosciuti quando è venuta in Giappone nel 2011 e mi ha detto allora che avremmo un giorno dovuto far qualcosa insieme. Il suo suggerimento è stato il punto di partenza per questo progetto: vorrei prima di ogni cosa esprimerle tutto il mio rispetto e la mia gratitudine per l'audacia mostrata.  Al centro della sceneggiatura di Le verità c'è il copione di una storia che ho iniziato a scrivere nel 2003 sulla notte in un camerino di un'attrice teatrale alle prese con i conti di fine carriera. Ho trasformato quella storia, inizialmente nata per il teatro, in una vicenda che coinvolge un'attrice di cinema e la figlia che ha messo da parte il proprio sogno di diventare anch'ella attrice. Durante la riscrittura, ho chiesto diverse volte a Catherine Deneuve e Juliette Binoche cosa significasse per loro la recitazione e le loro risposte hanno finito per entrare nella storia di Fabienne e Lumir, ridefinendola".

"Ho voluto che la storia si svolgesse in autunno - ha proseguito Koreeda - perché volevo sovrapporre ciò che la protagonista affronta alla fine della sua vita con ciò che il paesaggio parigino offre alla fine dell'estate, la sua stagione più bella. Spero che il pubblico noti come il verde dei giardini cambi lentamente con l'avvicinarsi del dell'inverno, accompagnando l'evolversi della relazione tra madre e figlia e colorando quel momento della loro esistenza. Durante le riprese, Ethan Hawke mi ha detto che nel fare un film non è importante parlare la stessa lingua: ciò che conta è condividere la stessa visione dell'opera che si desidera realizzare. Le sue parole e il suo supporto mi hanno aiutato a rimanere me stesso e a non perdere fiducia in ciò in cui da sempre credo. Grazie a Ethan, la piccola Clémentine (Grenier) - alla sua prima esperienza da attrice - ha trovato in maniera naturale la sua dimensione ideale, rivelando forte personalità e vitalità. Io ed Ethan l'abbiamo diretta insieme: Ethan da davanti alla telecamera ed io da dietro. Come spesso fanno i bambini sul set dei miei film, Clémentine ha osservato con filosofia il confronto tra gli uomini della storia leggermente sopraffatti e le donne intrappolate dal loro passato".

Ha poi aggiunto: "Ho fatto in modo che Le verità fosse un film non solo serio ma anche spensierato, in cui dramma e commedia convivono come nella vita reale. Spero che la chimica tra gli attori e lo sguardo divertito della bambina riescano a stabilire il giusto tono con cui seguire la vicenda. E infine.. Non riesco a terminare il mio pensiero senza menzionare Catherine Deneuve. Non si è mai lamentata dei continui cambi di sceneggiatura, mantenendo inalterata la sua voglia di recitare. Avere il mio film nella sua filmografia, prestigiosa quanto la storia del cinema francese, è per me fonte di orgoglio e di ansia. Sul set, Catherine era allegra, adorabile e deliziosamente birichina: l'intera troupe era come sotto incantesimo al suo cospetto. Se una fresca brezza di allegria e libertà si avverte lungo il film (ambientato principalmente all'interno di una casa di famiglia), lo si deve al fascino e alla delicatezza di Catherine e Juliette".

"Le verità - ha concluso il regista - è il risultato di tutti gli sforzi e la fiducia che i miei attori e la mia troupe ha rimesso in me; è stato realizzato dai migliori professionisti sulla piazza, a cominciare dal direttore della fotografia Gautier. Spero che il piacere che ho provato io a stare sul set si percepisca sullo schermo e che gli spettatori lo assaporino. Il mio lavoro è dedicato a Kirin Kiki, attrice giapponese la cui scomparsa mi ha profondamente segnato sia come regista sia come uomo e amico. Cosa rende tale una famiglia? La verità o le bugie? Che cosa scegliere tra una crudele verità o una gentile bugia? Sono queste le domande che ho continuato a pormi durante le riprese. Mi auguro che chiunque veda il film colga l'occasione per trovare le proprie risposte".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Le verità è Hirokazu Koreeda, regista e sceneggiatore giapponese. Nato a Tokyo nel 1962, Koreeda ha cominciato a lavorare nel mondo dei documentari televisivi agli inizi degli anni Novanta, dopo essersi laureato nel 1987 alla Waseda, e ha presentato il suo primo lungometraggio, Maborosi, al Festival di… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 76 - CONCORSO - FILM DI APERTURA La verité (che noi fantasiosi titolisti trasformiamo al plurale) è il titolo della autobiografia che una delle più celebri attrici francesi viventi si appresta a lanciare sul mercato. La donna, che vive in una bella villa parigina vagamente decadente, circondata per lo più da uomini maturi, tra l'ex marito agente e l'amante… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
7 stelle

Venezia 76 – Concorso ufficiale. Riallacciare un legame turbolento dopo un’interruzione di lungo corso, è un’azione complicata, soprattutto quando almeno una delle personalità coinvolte ha un grado di malleabilità prossimo allo zero. Puntualmente, riemergono le criticità accantonate e il tempo trascorso difficilmente agevola chi avrebbe qualcosa da… leggi tutto

2 recensioni positive

2019
2019

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
8 stelle

Il primo film “occidentale” (per la precisione, europeo) di Hirokazu Kore’eda sembra essere scritto e diretto da Olivier Assayas. La vérité somiglia molto ad una delle commedie verbose del regista francese, ambientate nelle ville dell’alta borghesia e popolate generalmente da personaggi tutti riconducibili al mondo dell’arte (qui Juliette Binoche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Venezia 76

obyone di obyone

E anche quest'anno è finita. Prima che i leoni vengano assegnati meglio spendere due parole e dare le proprie indicazioni sui film. Non è stata un'edizione esaltante, per quel che ho visto, ma la mia…

leggi tutto
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 76 - CONCORSO - FILM DI APERTURA La verité (che noi fantasiosi titolisti trasformiamo al plurale) è il titolo della autobiografia che una delle più celebri attrici francesi viventi si appresta a lanciare sul mercato. La donna, che vive in una bella villa parigina vagamente decadente, circondata per lo più da uomini maturi, tra l'ex marito agente e l'amante…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Venezia 76 – Concorso ufficiale. Riallacciare un legame turbolento dopo un’interruzione di lungo corso, è un’azione complicata, soprattutto quando almeno una delle personalità coinvolte ha un grado di malleabilità prossimo allo zero. Puntualmente, riemergono le criticità accantonate e il tempo trascorso difficilmente agevola chi avrebbe qualcosa da…

leggi tutto

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
5 stelle

Cos’è la verità per Hirokazu Kore-eda? Stiamo parlando di un regista che ha sempre fatto della ricerca dell’essenziale obbiettivo primario del suo Cinema, ozu-iano nelle pretese e interessato alla delicatezza dei modi e dei movimenti, finanche al didascalismo più fuori tempo massimo (la penultima Palma d’Oro, Shoplifters, 2018, parla da sola). Ma se si…

leggi tutto
Venezia 2019: Giorno 1

Venezia 2019: Giorno 1

  Comincia oggi la 76ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Due sono i titoli in concorso che gli accreditati stampa seguiranno… segue

Post
locandina
Foto
locandina
Foto
Catherine Deneuve
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito