Espandi menu
cerca
La doppia vita di Madeleine Collins

Regia di Antoine Barraud vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 7
  • Recensioni 3664
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La doppia vita di Madeleine Collins

di barabbovich
7 stelle

Judith (Virginie Efira, formidabile nella girandola di espressioni visive che squaderna per tutto il film) è la moglie di un celebre direttore d'orchestra (Salomone) che le ha dato due figli e un'esistenza principesca in terra di Francia. Lei, che di professione fa l'interprete, con la scusa dei suoi frequenti viaggi all'estero si trasforma in Margot (o Madeline nel finale, con esplicito richiamo al binomio onomastico che fu di Kim Novak nell'hitchcockiano  Vertigo) quando, in Svizzera, divide un modesto appartamento con il prestante Abdel (Gutiérrez) e la piccola Ninon. Ma, a mano a mano che la sua vita va faticosamente avanti in mezzo a un mare di bugie, la verità viene a galla.
Antoine Barraud (autore anche della sceneggiatura con Héléna Klotz) mette in scena lo scompiglio interiore di una donna che non riesce a rinunciare alla bigamia. Dietro le sue scelte ci sono ragioni tanto nascoste (che in più di un momento rischiano di far smarrire lo spettatore nell'intricato plot narrativo) quanto audaci, che sarebbe davvero riduttivo rubricare come semplice follia. Sicché questo thriller esistenziale - giocando costantemente sul tema del doppio - vira costantemente su intrecci sempre più aggrovigliati e colpi di scena che vengono dipanati grazie a una sceneggiatura mirabile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati