Trama

Maurice e Joseph, due fratelli ebrei che amano giocare con le biglie, fuggono per tutta la Francia sotto l'occupazione tedesca durante la Seconda guerra mondiale. Dovranno ricorrere a un'incredibile dose di malizia, coraggio e ingegno per sfuggire alla barbarie nazista.

Approfondimento

UN SACCHETTO DI BIGLIE: DAL ROMANZO DI JOSEPH JOFFO

Diretto da Christian Dugay e sceneggiato dallo stesso con Jonathan Allouche, Alexandra Geismar e Benoît Guichard, Un sacchetto di biglie racconta la storia di Maurice e Joseph, due piccoli fratelli ebrei che nella Francia occupata dai nazisti mostrano un incredibile coraggio per sfuggire agli orrori della guerra e ricongiungersi alla loro famiglia.

Con la direzione della fotografia di Christophe Graillot, le scenografie di Franck Schwarz, i costumi di Juliette Ménager e le musiche di Armand Amar, Un sacchetto di biglie adatta l'omonimo romanzo autobiografico di Joseph Joffo, pubblicato nel 1973 e già trasposto sul grande schermo da Jacques Doillon nel 1975. Nel romanzo, Joffo ripercorre la storia di due fratelli che, a seguito della brutalità e della violenza della Seconda guerra mondiale, combattono a modo loro l'antisemitismo e il razzismo. Muovendosi da Parigi al sud della Francia, i due fratelli, Joseph e Maurice, su indicazione dei genitori non rivelano mai di essere ebrei. Joseph, in particolar modo, non si separa mai dalle sue biglie, assurte al ruolo di magico talismano contro i nazisti e il regime di Vichy e simbolo del bene della cerchia familiare. Sulla strada, affronteranno la loro sfida per la libertà e per la sopravvivenza, vivendo quello che è un vero e proprio viaggio iniziatico. Tra incontri fortuiti e peregrinazioni, consolideranno il loro spirito di fratellanza per sfuggire al male incarnato dal funzionario delle SS Alois Brunner, responsabile del rastrellamento degli ebrei a Nizza. La Nizza della primavera del 1942, dove i fratelli Joffo contano di nascondersi dalle persecuzioni, non è una città libera come i due pensano: è infatti uno dei territori che i francesi hanno concesso all'Italia dopo l'offensiva del 1940, un'area in cui le difficoltà economiche e le persecuzioni hanno finito con il generare il malcontento della popolazione e l'opposizione al regime nazista da parte della chiesa cattolica (si pensi che nel dicembre 1942, le autorità in seguito alle rimostranze della popolazione si rifiutano di timbrare la parole "ebreo" sui documenti di identità, opponendosi apertamente alle richieste di estradizione dei tedeschi). Al periodo "morbido" dell'occupazione italiana si sussegue però un periodo altrettanto duro di occupazione tedesca, il cui simbolo è proprio Brunner, che fa dell'Hotel Excelsior il suo quartiere generale. La sua missione è sin da subito chiara: arrestare 30 mila ebrei. Ne riuscirà a deportare ben 2.170.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Un sacchetto di biglie è Christian Duguay, regista, montatore, direttore della fotografia e compositore di origine canadese, che il pubblico italiano ha avuto modo di apprezzare grazie a sontuose produzioni televisive come Anna Karenina, Coco Chanel, Cenerentola, Sotto il cielo di Roma e Il giovane… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Dolorosa e commovente storia (vera), attenuata nei suoi aspetti più crudi e violenti, per non dimenticare la tragedia dell'antisemitismo. Risaputo ma necessario.

    commento di Leo Maltin
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Uscito nelle sale italiane il 15 gennaio 2018
Il meglio del 2017
2017
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito