Espandi menu
cerca
Lezioni di piano

Regia di Jane Campion vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 44
  • Post -
  • Recensioni 2018
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Lezioni di piano

di Furetto60
8 stelle

Bella storia.Grande "pathos"

Verso la metà dell'Ottocento Ada McGrath,alias Holly Hunter, una donna scozzese vedova e  muta sin da bambina, si reca in Nuova Zelanda, insieme a sua figlia Flora per convolare a nozze ,per procura,con  il colono inglese Alistair Stewart, un uomo che ovviamente non conosce.Durante il trasferimento in una sperduta isola, è costretta dal neomarito a rinunciare al trasporto del suo amato pianoforte,perchè troppo impegnativo e dispendioso.La rinuncia al piano, è sconvolgente per Ada,perchè la musica che suona è la sua sola forma di comunicazione  con il mondo esterno,attraverso il quale Ada riesce a esprimere le sue emozioni.Questo episodio complicherà ulteriormente il rapporto con un  marito,poco paziente e sostanzialmente disinteressato ai sentimenti della sposa. Lo strumento viene venduto e sistemato nella capanna del socio del marito,Baines,alias Harvey Keitel un inglese misantropo e analfabeta, che ha familiarizzato molto con gli indigeni maori,adottandone usi e costumi,ma poco socievole  con i suoi conterranei.Molto attratto da Ada stringerà un patto con lei e con il marito,consentirà alla donna di suonare il piano,in cambio delle sue lezioni.Ben presto però questi incontri diventeranno sempre più "bollenti",anche se Ada soprattutto all'inizio è riottosa, stringerà con lui un patto segreto e scellerato.In verità mentre Alistair è un uomo arido e convenzionale,Baines è molto sensibile e romantico e tra lui e Ada sta nascendo qualcosa.Flora però in un impeto di gelosia per la madre,racconta ad Alistar di questa strana "liaison"suscitandone la cieca ira violenta ,perchè  si sente doppiamente tradito dall'amico e dalla moglie.In un raptus di rabbia stacca il dito ad Ada,con un'accetta,per impedirle di suonare,attribuendo a questa "passione" la colpa dell'adulterio.In seguito a questo traumatico episodio,la salute e l'equilibrio della donna si deterioreranno in modo preoccupante, Alistair intuirà così che il legame tra Ada e Baines è forte e non è solo frutto di insana passione,cosi la lascerà andare.Dopo un abortito  tentativo di suicidio,legata maldestramente con una fune al suo piano,all'ultimo momento si libererà, lasciandolo  sprofondare  negli abissi marini, ricostruirà la sua vita con Baines e Flora, imparando persino a parlare.
La regista Campion, tratteggia con garbo e  maestria,l'erotismo sottile e delicato, che si consuma fra Ada e Baines,sullo sfondo di una location incantevole, viene rappresentata l'eterna lotta fra desiderio e morale, tra istinto e ragione.

Interpreti ispirati, ritmo lento,musiche di sottofondo raffinatissime,storia di grande "pathos".

Ha fatto giustamente  incetta di premi.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati