Trama

Agli inizi del XIX secolo, Hugh Glass (Leonardo DiCaprio), un cacciatore di pellicce, viene attaccato da un orso durante una battuta di caccia. I suoi compagni lo abbandonano al suo destino, convinti che non possa sopravvivere. Salvatosi dall'incidente, Hugh elaborerà un piano di vendetta nei confronti di coloro che lo hanno tradito.

Approfondimento

REVENANT - REDIVIVO: LA VERA STORIA DI HUGH GRASS

Diretto da Alejandro González Iñárritu e sceneggiato dal regista con Mark L. Smith, Revenant - Redivivo si basa in parte su un romanzo di Michael Punke per ripercorrere la vera storia di sopravvivenza e trasformazione del leggendario Hugh Grass. Sullo sfondo della frontiera americana, un anno dopo essere partito per una spedizione in un deserto inesplorato, Glass viene brutalmente assalito da un'orsa prima di essere abbandonato dai componenti della sua stessa squadra di cacciatori. Da solo e prossimo alla morte, Glass si rifiuta di cedere alla morte e, sospinto dalla forza di volontà e dall'amore per la moglie nativo-americana e per il figlio, intraprende un'odissea di 200 miglia attraverso il vasto e selvaggio western alla ricerca di John Fitzgerald, l'uomo che lo ha tradito. Quello che inizia come un viaggio di vendetta diventerà ben presto una saga eroica contro tutte le avversità per ritornare a casa e ottenere redenzione.

Con la direzione della fotografia di Emmanuel Lubezki, le scenografie di Jack Fisk, i costumi di Jacqueline West e le musiche firmate da Ryuichi Sakamoto (con Bryce Dessner e Carsten Nicolai), Revenant - Redivivo riporta lo spettatore nell'America di frontiera del 1823, dove tra l'incomparabile bellezza del paesaggio e i misteriosi pericoli in esso insiti si dipana la trasformazione di un uomo costretto a sopravvivere non solo per se stesso ma per ridare valore alla sua dignità ferita, ottenere giustizia, aggrapparsi alla fede e ritrovare la famiglia. Girato nelle terre selvagge e ancora incontaminate di Canada e Argentina, Revenant - Redivivo è il primo film "storico" realizzato da Iñárritu, che ha richiesto al suo protagonista (l'attore Leonardo DiCaprio) intensi sforzi fisici e mentali a causa della crudeltà della narrazione.

Per capire in che contesto si muove Hugh Glass, occorre ricordare come il commercio di pellicce, prima della corsa all'oro e al petrolio, fosse l'attività più redditizia degli Stati Uniti dal tardo Seicento fino alle prime decadi del Novecento. Raggiunte oramai le Montagne Rocciose come zona di caccia, Hugh Glass lavorava per conto della Rocky Mountain Fur Company, una società che usava il cosiddetto "rendezvous system", non costruendo capanne o fortini per i suoi uomini, costretti a contare solo sul proprio istinto di sopravvivenza. Tra gli ostacoli che la compagnia si trovava ad affrontare vi era anche l'opposizione dei Arikara, popolazione autoctona che viveva  lungo il corso del Missouri da oltre mille anni.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

L'epopea di Hugh Glass ha inizio nel 1823 quando come tante altra migliaia di uomini vive del commercio di pellicce e vede le zone selvagge del West con i suoi abitanti come qualcosa da conquistare e addomesticare. In viaggio verso quell'ignoto che tante vite ha spezzato, Glass vede la sua esistenza cambiare quando si ritrova di fronte all'animale più pericoloso che popola le foreste americane: un esemplare femmina di grizzly che lo lascia più morto che vivo. Nonostante le ferite riportate, Glass riesce a sopravvivere ma è costretto a fare i conti con la solitudine e un tradimento umano che pesa più della stessa aggressione. Motivato dalla voglia di vendetta, inizia così il suo cammino di riscatto attraverso insidie ignote e culture sconosciute, che gli permetterà di spogliarsi di ciò che era prima e divenire un uomo nuovo, un redivivo che scampato alla morte vedrà il mondo con occhi diversi. Della vita di Glass prima del 1823 si conosce relativamente poco: nato a Philadelphia nel 1773, si crede abbia trascorso diversi anni in mare come pirata prima di unirsi alla spedizione del capitano Andrew Henry per esplorare il fiume Missouri per un viaggio che si rivelerà spartiacque e seminale. A interpretarlo in Revenant - Redivivo è l'attore Leonardo DiCaprio.

Le sorti di Hugh Glass vengono determinate dalla volontà del compagno di viaggio John Fitzgerald, portato in scena da Tom Hardy e mosso dalla paranoia, dalle recriminazioni e dall'amarezza. Pieno di pregiudizi, John è un'anima in pena che ha in fondo paura degli altri perché non li riesce a capire e comprendere fino in fondo. Con niente da perdere, spera nei suoi lucrativi traffici per vederli poi svanire nel nulla in pochi secondi. Un sopravvissuto anch'egli, a differenza di Glass ha scelto di diventare uno spietato assassino. Il capitano Andrew Henry, deluso e ingannato da Fitzgerald, ha invece il volto di Domhnall Gleeson.

Il cast di Revenant - Redivivo è completato dagli attori Will Poulter (è Jim Bridger, una delle guide più leggendarie del West), Forrest Goodluck (è Hawk, il figlio che Glass ha da una donna nativo-americana), Duane Howard (è il guerriero Elk Dog, un Arikara alla ricerca della figlia fatta prigioniera) e Arthur Redcloud (è Hikuc, un lupo solitario che Glass incontra lungo il viaggio e che diventa una sorta di inaspettato mentore), oltre che dagli emergenti Brendan Fletcher, Kristtoffer Joner e Joshua Burge (portano in scena i tre cacciatori Fryman, Murphy e Stubby Bill).

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (57) vedi tutti

  • Inarritu occupa un immaginario già strapieno di sé, impone allo spettatore un reset completo di tutti i 120 anni di storia audio-visiva ed erige in sua vece non altro che una tabula rasa innalzando al posto della meraviglia il vuoto spinto di una spoglia imago stantia ad emblema di un cinema che non-è. Lubezki alla MdP è l'unico ad uscirne vivo.

    leggi la recensione completa di mck
  • Non più di 7. Certo un bel film, nell'insieme, che si avvale di scene e contorni sontuosi, ma poi c'è la sostanza. Trama valida ma nulla di straordinario. Sono le incongruenze e le incredibilità abbondanti il maggior difetto, non trattandosi di un film di fantascienza. Si vede però con piacere e interesse.

    commento di Zarco
  • Ottima interpretazione di Di Caprio

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Film da vedere per la bella confezione (il combattimento con l'orso è fatto benissimo) ma siamo molto molto lontani da un Grasnde film!

    leggi la recensione completa di Barkilphedro
  • Non bellissimo ma di grande impatto, diretto con suprema maestria, indicato solo per stomaci forti. Prova di Di Caprio tra le più difficili abbia mai visto... Oscar sacrosanto.

    commento di _Rocky_
  • Revenant, termine francese per indicare un fantasma, un resuscitato, redivivo. Quindi... alcuni miracoli sono concessi!

    leggi la recensione completa di pippus
  • Film imponente il cui valore aggiunto è costituito dagli splendidi paesaggi naturali e dall'ottima fotografia, The Revenant è un film che promette tanto ma non mantiene tutte le sue promesse: splendido e brutale in alcune parti, presupponente e scontato in altre, non graffia quanto dovrebbe ma è comunque notevole.

    leggi la recensione completa di George Smiley
  • Molto americano! Il personaggio di Di Caprio ha più vite di un drone. Bell'ambientazione e ottima sound track. La battuta cult "Io non ho paura di morire. Sono già morto"

    commento di almodovariana
  • Iñarritu ci regala un viaggio di 150 minuti splendidamente fotografati verso una vendetta che sa molto di Sergio Leone. Si permette 'en passant' di prendersi alcune libertà, ma d'altronde già il titolo si riferisce a qualcuno tornato dall'oltretomba, quindi non sta certo barando. Assolutamente da non perdere.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Un racconto cinematograficamente ricco e appagante, con scene che lasciano attoniti.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Inarritu mostra estro e mano felice nella conduzione del film, ma, come ho scritto, il racconto e' poco originale, remake di una vecchia pellicola del '71(Man in the Wildderness), inoltre mi e' apparso troppo lungo, bastavano un paio d'ore per descivere l' odissea del nostro eroe, permeata da sano spirito vendicativo. Ottimi gli attori.

    leggi la recensione completa di mariogri
  • Un grande film, una bellissima interpretazione di Leo Di Caprio, tecnicamente parlando sublime, "The Revenant" è un film che va visto assolutamente.

    leggi la recensione completa di Vinny87
  • Clastrofobico, nonostante i grandi spazi.

    commento di chid49
  • "The revenant" è un'opera unica e travolgente, al di la dei limiti di scrittura è uno spettacolo sublime, dove la finzione diventa reale e il cinema esperienza

    leggi la recensione completa di Tom_96
  • Di una noia mortale....

    commento di dudemon16
  • di una noia irritante

    commento di shiten
  • Film di una noia mortale

    commento di alexmatt
  • Un corpo tolto al mondo dalla natura e ridato poi al mondo dalla natura stessa.

    leggi la recensione completa di TheHangman89
  • Una storia di vendetta (e non solo) nell’ennesimo capolavoro di Alejandro González Iñárritu. Prova sublime di Leonardo DiCaprio (Oscar, insieme al regista e al direttore della fotografia Lubezki) in una narrazione epica e viscerale in cui la tecnica registica spesso e volentieri lascia spazio alla passione delle emozioni.

    leggi la recensione completa di scandoniano
  • Dicaprio scappa nel nuovo mondo e mette su famiglia. Arrivano i francesi, ammazzano la moglie e sfregiano il figlio. Dicaprio allora decide di andare con gli americani ed aiutarli a difendersi dagli indiani. Il tutto con qualche visione della moglie morta (che probabilmente lo manda a quel paese), ed un orso di mezzo. Belle riprese.

    commento di DreamFoxy
  • Il gran regista messicano filma, con una perizia impressionante e da brivido, una caccia sfiancante,una fuga dagli indiani che decima e rende vane tante fatiche, un attacco improvviso da parte della natura offesa e depredata; ma soprattutto la vendetta che fa seguito al più crudele dei comportamenti, che vede l'uomo al centro di ogni infamia.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • Il viaggio di un uomo che deve sopravvivere in condizioni estreme spinto dalla spirito di vendetta, un film che và dal Survival al Western e lo fa avvalendosi di un’estetica perfetta, ma non esente da difetti narrativi

    leggi la recensione completa di ange88
  • -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    leggi la recensione completa di amandagriss
  • Revenant mi ha entusiasmato e...spaventato! Epico come pochi e crudo, non fa sconti da nessuna parte. Un film letteralmente spettacolare - e perchè non dovrebbe esserlo? Un mondo feroce e amaro quello di Revenant, molto crudele...forse troppe emozioni e troppi minuti per qualcuno, ma il cinema è anche questo. Fate pipì prima. Voto:8 pieno

    commento di ZigoZagor
  • Tra le foreste di The New World Jeremiah Johnson trova una seconda vita Across The Wide Missouri, muore, viene abbandonato Into The Wild, risorge per presentare il conto. Le storie sono quelle, dipende come le racconti: Iñárritu pesca la chiave della magniloquenza nel fisheye e nel PP di DiCaprio (che non sono la stessa cosa).

    commento di rickbarrett
  • Lotta con la natura impietosa e impervia, lotta con la natura ferina (l'orso)che quasi lo uccide,lotta con la crudeltà umana che lo ferisce nell'anima con l'abbandono e la morte del suo sangue, vince con la vendetta per tornare a morire...Hugh Glass è l'emblema della sofferenza avventurosa raccontata con tecniche superlative nel gelo del Canada

    commento di bufera
  • Una storia che merita di essere vista

    leggi la recensione completa di uomodimelzo
  • Film intenso e contaminante con un chiaro monito allo spettatore avvolto nel caldo liquido amniotico della sala cinematografica

    leggi la recensione completa di monsignore
  • La fotografia di Lubenski e le intense interpretazioni dei due protagonisti elevano un film che funziona bene come esperienza sensoriale, molto meno come catartico film di vendetta. Dopo Birdman Inarritu tutto sommato fa un buon lavoro ma stavolta il film è meno originale, meno d'impatto e con piani sequenza a tratti inutili, tranne due o tre casi.

    commento di MiticoEddy
  • da vedere

    leggi la recensione completa di camillo65
  • L'epica apertura del film, violenta come veloce, rapisce lo spettatore scaraventandolo con durezza nella selvaggia epopea americana e lo conduce poco dopo al culmine del senso di disperazione quando la regia confeziona un momento di vero cinema. Raramente il coinvolgimento emotivo è così immediato e potente. Poi, il nulla.

    leggi la recensione completa di Guidobaldo Maria Riccardelli
  • si poteva fare di meglio ....

    leggi la recensione completa di marcoANDbetta
  • visto pochi giorni fa' mi e'piaciuto molto la storia la ,fotografia i paesaggi film tosto e crudo e dicaprio per me ha recitato molto bene si un gran bel film

    commento di zampadigiaguaro
  • Un uomo dato per morto che lotta per la propria sopravvivenza e la vendetta ma che abbiamo già visto in Uomo bianco va col tuo Dio

    leggi la recensione completa di misacco
  • Un film sulla sopravvivenza fra i ghiacciai, con cacciatori di pelli creduti morti che sopravvivono per ottenere vendetta contro i propri nemici. Maiuscole prove attoriali di Leonardo di Caprio e Tom Hardy, in un film western atipico, diretto dal regista di "Birdman", pieno di insidie, ferite e allucinazioni. Da vedere.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Utilizzando lo sfondo di paesaggi meravigliosi e indifferenti, memore della lezione di grandi maestri della settima arte (in primis Werner Herzog), Iñárritu dipinge un quadro a tinte glaciali della desolazione morale a cui può giungere l'uomo sopraffatto dalla potenza della natura, il cui emblema è la violenza ferina di un orso.

    leggi la recensione completa di GIANNISV66
  • Glass e Fitzgerald 2 facce della stessa medaglia: la sopravvivenza, puro istinto o motivazione tanto forte da sfidare le leggi della Natura madre-matrigna vincendo perfino la morte. Essenziale esteticamente abbacinante “Revenant” si fa moderno saggio antropologico sopravviviamo perché è nel nostro dna o perché spinti da un principio superiore?

    commento di amandagriss
  • Premio Oscar per l'attore protagonista per il Canada. Per il coprotagonista all'orso. Come? Leonardo di Caprio? Uhm, c'è un oscar per il miglior grunitore?

    commento di S*
  • La trance interpretativa di Leo DiCaprio non si è spenta con l’ultimo ciak di The Wolf of Wall Street, anzi con impegno maggiore il divo americano si è dato anima e corpo, tanto corpo verrebbe da dire, nel ruolo dello scout Hugh Glass. Dal canto suo, Iñárritu ha firmato un film confezionato alla perfezione, in cui non ci sono attimi di tregua.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Il film è senza nessuna logica e senso. E' talmente pieno di incongruenze che l'elenco sarebbe lunghissimo. Le uniche scene interessanti sono il combattimento con l'orso. Per il resto noioso. L'orso è stato sicuramente il miglior attore

    commento di giadim
  • Bellissime inquadrature alle fronde degli alberi e tanto altro ancora....

    leggi la recensione completa di Mike.Wazowski
  • Revenant" francamente mi ha deluso. Capita a volte, forse erano troppo alte le aspettative. Magnifica la scena iniziale, con l'attacco degli indiani ai cacciatori di pellicce, emozionante quella con l'orso. Soggetto e personaggi latitano,la "cornice" stravince sul "quadro". Personaggi piatti, non si evolvono. Odissea poco credibile!

    commento di BobtheHeat
  • Io l'ho visto. Voi no. Volete sapere cosa ne penso?

    leggi la recensione completa di frasator
  • Un film selvaggio tanto quanto il suo paesaggio ma che finisce proprio per essere ridonadante, soprattutto grazie a situazioni non sempre all'altezza del protagonista

    leggi la recensione completa di AgentCooper
  • La vendetta è un piatto che si serve freddo

    commento di spopola
  • Davvero un bel film, direzione impeccabile e un Di Caprio che fornisce l'ennesima ottima performance.

    leggi la recensione completa di Balabiùt11
  • Storia classica di tradimento e di vendetta che attinge alle sanguinarie radici della nazione americana che nulla sembra aggiungere alla lunga tradizione del revisionismo storico degli anni '70 E '80, spostandola piuttosto sul terreno (di caccia) dello spiritualismo sociale che da sempre caratterizza il cinema del regista messicano.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Una breve considerazione su un film che mi ha coinvolto ed emozionato.

    leggi la recensione completa di Tulpe
  • Dopo "l'imprevedibile virtu' dell'ignoranza" Inarritu (s)compone le imprevedibilita' della natura(dell'uomo),una lotta contro il destino dove il "vincitore" è solo....il resto del mondo è un eco crudo,ineffabile e tragico.Pathos e aspri paesaggi sono il dipinto fermo e cristallizzato nel desiderio di vendetta....

    leggi la recensione completa di GIMON 82
  • Di Caprio/Oscar? vedremo,per carriera lo strameriterebbe,non è la sua miglior prova ma basta vedere la miglior regia assegnata a Scorsese per il pur ottimo "The Departed" che l'Academy spesso delle migliori prove se ne strafotte e ti premia quando non può più non premiarti.Mi gioco un nichelino che stavolta trionfa lui.

    leggi la recensione completa di BALTO
  • "The Revenant" è un film tanto pretenzioso ed arrogante, quanto pomposo ed artificioso nella sua ostentata ricerca del realismo e di virtuosismi registici spesso fini a sé stessi. Ma Iñárritu fa della forma la sostanza stessa del suo cinema e non accetta compromessi, confezionando un prodotto al contempo straniante ed immersivo.

    leggi la recensione completa di Humbug
  • Nettamente superiore alla media dei film in circolazione, questo The Revenant non mi ha convinto fino in fondo. Inarritu è come se finisse schiacciato tra Into the Wild, Malick e Balla coi Lupi.

    leggi la recensione completa di elche99
  • Una delle più belle e profonde storie sulla vendetta mai raccontate.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • In virtù dei crediti derivati da “Birdman”, Inarritu non ha perso tempo e battendo il ferro finchè è caldo si spinge oltre senza paura alcuna. Laddove l’animo umano si devasta, la natura svetta ed il fidato Lubezki può offrire il suo meglio. Uno scorcio di cinema che si può amare (alla follia) o meno, ma che non lascia certo indifferenti.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Le dodici fatiche di (Ercole) Di Caprio, il primo zombie-movie di Innaritu e Tom Hardy che disquisisce sugli scoiattoli, "The Revenant".

    leggi la recensione completa di Dompi
  • Dopo il bellissimo Birdman Inarritu vuole girare la sua opera d'arte, e ci va molto vicino. La fotografia è magnifica e la regia anche, gli attori sono molto bravi ed è tutto curato nei minimi dettagli. Da vedere assolutamente.

    commento di Davide_Django
  • TR sta alla neve come Lawrence d'Arabia al deserto. Tra Northwest Passage e Jeremiah Johnson, The Big Sky e A Man Called Horse. Mi sembra che a molti, il cui giudizio vira verso ‘il capolavoro’ faccia aggio ‘il sistema delle attese’ per cui più un film tarda ad arrivare sugli schermi più lo stesso si aureola come sacro segreto infine rivelatosi.

    commento di Marcello del Campo
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

pippus di pippus
8 stelle

  Non penso si possano considerare queste mie riflessioni una recensione nel senso stretto del termine, non accennerò alla trama né posterò immagini in quanto per fisiologica saturazione ci escono ormai la prima dalle orecchie e le seconde dagli occhi. Le mie non sono altro che una serie di considerazioni personali  sugli aspetti “tecnici” e sulle... leggi tutto

73 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mck di mck
6 stelle

    Emmanuel Lubezki è un dio, e Alejandro González Iñárritu è uno dei suoi profeti minori. Grevity, ovvero ( il Conte di Monte...Criiistooo! Un orso! ) : Iñárritu non sa danzare.   E, a proposito di volteggi [ della MdP e della troupe, dal Canada profondo e pacifico ( Alberta e British Columbia ) alla Terra del... leggi tutto

22 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Dopo essersi chiuso in un teatro, con il sopravvalutato "Birdman", Inarritu cerca aria nuova, e racconta, a modo suo, la "wilderness" americana, l'epopea coloniale, in cui "trappers", ovvero i cacciatori di pelle d'orso, nativi americani e i vari migranti europei, si contendevano a secchi di sangue l'immenso territorio nord americano. Lo fa arruolando due ottimi attori, come Di Caprio e Tom... leggi tutto

12 recensioni negative

Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

luca826 di luca826
7 stelle

Di Inarritu conosco solo Amores Perros quindi... I fraintendimenti sono dietro l'angolo... Fraintendimenti: A) Produzione curata e non c'erano dubbi B) L'ossessione DiCapriana di vincere un Oscar e non c'erano dubbi... Perché? Perché se la linea del regista è quella del neo-post-western(?!!!) decadente (alla Dead Man per intenderci) non rimane molto di nuovo da...

leggi tutto

Recensione

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Il regista messicano,autore di questo film, focalizza la propria attenzione su due aspetti fondamentali.Innanzitutto la natura, selvaggia,impervia e spietata, neve o acqua o fuoco,sembrano alternarsi, per infierire sull'uomo,a dimostrazione di una terribile forza sulla quale egli non riesce ad avere dominio. Poi l'indole umana,altrettanto dura e perfida. La storia del cacciatore...

leggi tutto
Recensione
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 16 voti
vedi tutti

Recensione

Barkilphedro di Barkilphedro
5 stelle

Il film vorrebbe essere epico ma ci riesce solo in parte. Ossia il film è epico ma solo per gli spettatori di bocca buona. Il soggetto è appassionante: la storia di una leggenda del far west, Hug Glass - esistito veramente - che deve sopravvivere senza armi e provviste in un territorio dove i pericoli si celano in ogni metro quadrato. La fortuna non accompagna il nostro eroe....

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

axe di axe
7 stelle

Un dramma ambientato in un ambiente selvaggio ed ostile. Nell'America Settentrionale di inizio XIX Secolo, un gruppo di cacciatori di pellicce finisce nei guai a causa dell'ostilità dei nativi, ed un membro del gruppo, ferito dall'aggressione di un orso, finisce per essere abbandonanto al proprio destino. Nonostante le precarie condizioni di salute, riesce a sopravvivere e, infine, ad...

leggi tutto

The best of 2016 (Cinema)

Gangs 87 di Gangs 87

E come ogni fine/inizio anno mi trovo a fare il bilancio dei film che ho gustato nei dodici mesi precedenti alla data di "giudizio". Ricco è stato l'anno trascorso di visioni che hanno ampliato la mia cultura...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 3 ottobre 2016 in Dvd a 13,32€
Acquista

Recensione

pippus di pippus
8 stelle

  Non penso si possano considerare queste mie riflessioni una recensione nel senso stretto del termine, non accennerò alla trama né posterò immagini in quanto per fisiologica saturazione ci escono ormai la prima dalle orecchie e le seconde dagli occhi. Le mie non sono altro che una serie di considerazioni personali  sugli aspetti “tecnici” e sulle...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane l'11 gennaio 2016
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2014
2014
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito