Trama

1947. Mary è una bambina nata in India da genitori inglesi che, dopo essere rimasta orfana, va a vivere con lo zio nello Yorkshire. In un angolo di paradiso del giardino della grande casa, la piccola scopre segreti di famiglia e un mondo meraviglioso in cui liberare l'immaginazione.

Approfondimento

IL GIARDINO SEGRETO: DA UN CLASSICO DELLA LETTERATURA PER L'INFANZIA

Diretto da Marc Munden e sceneggiato da Jack Thorne, Il giardino segreto racconta la storia di Mary Lennox, una bambina di dieci anni egoista e scontrosa che è nata in India da una ricca famiglia inglese. Dopo l'improvvisa morte dei genitori, Mary viene mandata a vivere in Inghilterra dallo zio Archibald Craven nella tenuta di Misselthwaite, situata nelle isolate campagne dello Yorkshire. Nella residenza, Mary entra sin da subito in contatto con la severa governante Medlock e con la domestica Martha. Ben presto, però, si rende conto che nella nuova famiglia non tutto è come sembra. Prima di ogni cosa, scopre con sorpresa di avere un cugino, Colin, un ragazzino infermo che vive in un'ala appartata della residenza, e poi è sorpresa dal rinvenimento di un meraviglioso giardino a cui nessuno può avere accesso. Un giorno, nell'inseguire un cane randagio di nome Hector, Mary arriva fino al confine del giardino, dove fa la conoscenza di un povero ragazzino di nome Dickon. A poco a poco, Mary, Dickon e Colin, formeranno un insolito trio che, aiutandosi a vicenda, scoprirà quali segreti porti con sé il giardino: vivranno così un'avventura magica e commovente che cambierà per sempre il resto delle loro vite.

Con la direzione della fotografia di Lol Crawley, le scenografie di Grant Montgomery, i costumi di Michele Clapton e le musiche di Dario Marianelli, Il giardino segreto è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Frances Hodgson Burnett, già trasposto al cinema, in televisione e in teatro, diverse volte. A spiegare le ragioni di un nuovo adattamento è la produttrice Rosie Alison: "Il romanzo di Frances Hodgson Burnett parla di fantasie segrete e di desideri, rivelandosi in grado di mettere in luce i sogni di un'intera società e di divenire parte fondamentale della cultura popolare. Poche cose sono così semplici eppure universali come il concetto di giardino segreto. L'idea, di per sé piena di mistero e fascino, diventa ancor più avvincente quando a scoprire il giardino è una ragazzina solitaria in pieno inverno. Così facendo, la scrittrice ha fatto sì che la storia del giardino divenisse una sorta di favola redentrice su una bambina che impara il vero valore dell'amicizia e della natura. Serviva un nuovo adattamento? Credo di sì. Sono trascorsi quasi 30 anni dall'ultima trasposizione cinematografica: un'intera generazione di bambini non conoscono la storia misteriosa, surreale e profonda di Mary. In un mondo che si dimentica sempre più della natura, vale la pena ricordare i benefici che il mondo vegetale è in grado di portare nelle nostre esistenze e nelle nostre infanzie".

"Abbiamo scelto di rivisitare la storia - ha proseguito la produttrice - con un nuovo punto di vista più soggettivo. Attraverso gli occhi di Mary, siamo in grado rispetto al passato di vedere più chiaramente i confini tra realtà e fantasia. Nel nostro giardino fiorisce anche una relazione più equilibrata e simbiotica tra i bambini. La natura riflette le loro esperienze e risponde alle loro sensazioni. Il che implica che l'immaginazione ha molto peso sulla relazione con la natura. La "magia" del giardino attinge al realismo magico. Abbiamo scelto come giardino alcuni dei giardini più belli di tutto il Regno Unito, dove abbiamo potuto filmare la natura in tutta la sua purezza e splendore".

Ha infine aggiunto: "Uno dei grandi cambiamenti apportati rispetto al romanzo, riguarda il contesto storico in cui si svolge la storia. Il romanzo sia stato pubblicato nel 1911 ma l'epoca edoardiana ci sembrava troppo distante dagli spettatori. Abbiamo di conseguenza deciso di spostare la storia in avanti e di ambientarla nel 1947, poco dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Pertanto, la tragica morte dei genitori di Mary in India è dovuta all'epidemia di colera che ha colpito l'India e la tenuta Misselthwaite è tornata da poco alla normalità dopo essere stata usata come ospedale per i soldati feriti in combattimento. Mary è dunque circondata dal dolore non solo per le sue vicende personali ma anche perché l'intera Inghilterra è alle prese con il lutto generato dalla guerra. La nostra Mary è poi una ragazzina presuntuosa, senza peli nella lingua e con gravi carenze d'affetto, proprio come nel romanzo. Abbiamo però sacrificato alcuni dei personaggi secondari per concentrarci maggiormente sulle relazioni che sono alla base della storia. Ci siamo soffermati molto sul personaggio di Archibald per capire come questo uomo, afflitto dal dolore, proietti la sua depressione sul figlioletto malato Colin, un curioso caso di sindrome di Münchhausen per procura. Abbiamo cercato di scavare più a fondo nel mistero di ciò che è successo alla sua famiglia introducendo anche alcuni personaggi defunti".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il giardino segreto è Marc Munden, regista inglese. Noto per essere stato l'assistente alla regia di maestri come Mike Leigh, Derek Jarman e Terence Davies, Munden ha esordito come regista di documentari per la BBC. Per la televisione inglese ha realizzato anche diversi drammi, in grado di raccogliere… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2020
2020
locandina
Foto
2019
2019
locandina
Foto
Dixie Egerickx
Foto
Dixie Egerickx
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito