Trama

Nell'anno 2031, la Terra è stata devastata dalle guerre e da una nuova glaciazione. I pochi sopravvissuti si ritrovano tutti sull'unico treno rimasto sul pianeta in viaggio senza fine e meta tra neve e ghiaccio. A bordo, le rigide suddivisioni sociali continuano ad esistere: i poveri vivono in condizioni disperate e soffrono freddo e fame mentre i ricchi, in prima classe, godono di tutti i privilegi, immersi in un contesto di lussuria e divertimento. Un giorno Curtis, uno dei poveri, decide che è arrivato il momento di cambiare lo stato delle cose.

Approfondimento

SNOWPIERCER: L'ADATTAMENTO DI UN FUMETTO FRANCESE

Con pochissimi film all'attivo, il regista coreano Bong Joon Ho ha cominciato a lavorare a Snowpiercer, adattamento del fumetto francese Le Transperceneige di Jacques Lob, nel 2005, dopo essere rimasto affascinato dal carattere prettamente cinematografico di una storia che - trattando di temi come la suddivisione sociale, l'oppressione e la resistenza - illustra lo spettro degli ultimi residui dell'umanità all'interno di un gigantesco treno metallico che funge da moderna "Arca di Noé".
Pur dedicandosi nel frattempo alle riprese di The Host, del suo episodio di Tokyo! e di Mother, il regista non ha mai smesso di prepararne la sceneggiatura (arrivando a una seconda versione del tutto distaccata dalle dinamiche del fumetto, pur conservandone atmosfere e allegorie sociopolitiche) fino a quando nel gennaio del 2011 la pre-produzione di Snowpiercer ha preso avvio in Repubblica Ceca, negli studi Barrandov, grazie a un cast artistico di prim'ordine e a un cast tecnico che vanta i nomi dello scenografo Ondrej Nekvasil, del responsabile per gli effetti speciali Eric Durst, del coordinatore delle controfigure Julian Spencer e del compositore Marco Beltrami.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Snowpiercer è la prima produzione in lingua inglese di Bong Joon Ho e, frutto degli sforzi congiunti di diverse case di produzione internazionale, presenta un cast multilingue e variegato.
A interpretare Curtis, il leader della rivoluzione che scoppia nel treno, è Chris Evans. Dopo aver passato molto tempo a sopportare le ingiustizie di trattamento tra passeggeri della prima classe e passeggeri derelitti, Curtis prepara la rivolta dei passeggeri situati nello scompartimento posteriore, convinto che Gilliam debba sostituire Wilford, responsabile della tirannia e della disuguaglianza in atto.
Gilliam, interpretato da John Hurt, è una sorta di leader spirituale e capo carismatico della coda del treno. Considerato quasi un santo, Gilliam è colui che ha portato un po' di umanità tra le condizione estreme di sopravvivenza e il caos del primo anno di viaggio vissuti da coloro che nella vita sono stati meno fortunati. Wilford, impersonato da Ed Harris, è colui che ha realizzato l'impostazione del treno e il guardiano della cosiddetta "macchina sacra", la stanza dei comandi in testa alla vettura. Poiché non ha mai lasciato il suo posto (come farebbe un re con il suo trono), nessuno sa che aspetto egli abbia.
Namgoong Minsoo, lo specialista della sicurezza, è portato in scena da Song Kangho. Egli è l'uomo che ha progettato tutte le serrature e i sistemi di sicurezza del treno, è il solo in grado di permettere ai ribelli di attraversare gli scompartimenti ma è del tutto imprevedibile.
Mason, interpretata da Tilda Swinton, è il braccio destro di Wilford. Per diciassette anni, Mason è stata la portavoce di Wilford nella parte posteriore del treno e, avvolta sempre in lussuose pellicce, sostiene con grande arroganza il valore della macchina e dell'ordine.
Braccio destro di Curtis è invece Edgar, impersonato da Jamie Bell. Giovane scontroso che ha perso i genitori ed è cresciuto seguendo Curtis, Edgar non ha alcun ricordo del mondo esterno o della morte della madre ed è disposto a far qualunque cosa per il suo mentore, che considera alla stregua di un padre, di un fratello maggiore e di un capo.
Tra coloro che viaggiano in ultima classe vi è Tanya, una madre determinata con il volto di Octavia Spencer. Dopo che il figlio di cinque anni è stato portato tra i passeggeri in testa al treno, Tanya ha  il forte desiderio di recuperarlo e questa è la motivazione che la spinge a unirsi ai ribelli. Come Tanya, ad appartenere alla gente comune che viaggia nella coda della vettura è anche Andrew, un padre indigente con le fattezze di Ewen Bremner, che è stato severamente punito per aver lanciato una scarpa contro il funzionario della parte anteriore che stava cercando di afferrare il suo bambino di 5 anni.
Tra gli ultimi personaggi importanti di Snowpiercer vi è, infine, Yona, la figlia  di Namgoong Minsoo interpretata da Ko Asung. Ragazza di diciassette anni, Yona è nata e cresciuta nel treno e non ha mai avuto la possibilità di scendervi.

UN TRENO REALISTICO

Una delle priorità assolute per il regista Bong Joon Ho e la sua squadra di collaboratori è stata quella di capire come realizzare il treno e come farlo muovere, dal momento che il mezzo è presente nel 99% delle scene di Snowpiercer. Messa a punto una vettura lunga più di 100 metri e composta da almeno quattro scompartimenti, è stato progettato un enorme giunto cardanico (dispositivo di solito usato per simulare il movimento di grandi navi o sottomarini) per ricreare realisticamente l'andamento del treno e in grado di trasportare oltre 120 tonnellate di peso delle carrozze. Con l'installazione di 6 pistoni pneumatici per carrozza per controllare la frequenza e l'intensità del movimento, il treno dà la sensazione di muoversi su binari reali, curvandosi negli angoli e producendo sobbalzi realistici.
Il treno, poi, ha diverse parti che differiscono per aspetto e destinazione d'uso. La parte riservata ai passeggeri più ricchi, ad esempio, è ispirata al maestoso transatlantico Queen Elizabeth 2. La coda del treno, un tempo riservata al trasporto merci, invece ospita i passeggeri più poveri ed è caratterizzata da sovraffollamento e da mancanza di acqua e di riscaldamento, ricordando a tutti gli effetti una baraccopoli.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Per portare sul grande schermo questa distopia potente, Bong Joon-ho sfrutta con perizia fulminante e visionaria le due rischiose “gabbie” che eredita dal materiale di partenza: quella del fumetto da cui il film è tratto (Le Transperceneige di Jean-Marc Rochette e Jacques Lob) e quella, anche più rigida, del convoglio, costituito da una serie di singoli set (ricostruiti in studio a Praga) che scandiscono meccanicamente l’azione. La macchina da presa si muove con libertà inaudita negli spazi ipertecnologici ma angusti del treno e, come un ariete che sfonda le porte dei vagoni, la regia di Bong elude le costrizioni in cui i suoi personaggi si muovono. L’intrattenimento sfreccia senza freni, spettacolo adrenalinico il cui carico politico pare lampante fin dal principio, ma si dipana per rivelazioni progressive fino a giungere al cuore nerissimo e schiavista della locomotiva, al senso stesso della rivoluzione. Col finale, più gelido di qualsiasi coltre innevata, Snowpiercer abbatte i confini del cinema di genere per mostrarci il capolinea dell’umanità.

Commenti (14) vedi tutti

  • Il treno come metafora della società umana .

    leggi la recensione completa di daniele64
  • Un film di una banalità imbarazzante, molto pretenzioso, molto supponente e molto pubblicizzato, infarcito di una stupidità di fondo galoppante.

    leggi la recensione completa di Abelard
  • Una cretinata multipedale, in una susseguenza di violenze e situazioni incredibili e noiose, prive di qualsiasi interesse. Solo qualche sprazzo di spettacolarità visiva.

    commento di Zarco
  • l'elemento più distopico e apocalittico di questo film? le 6 recensioni negative contro 43 positive?

    leggi la recensione completa di Barkilphedro
  • La cosa migliore del film? La recitazione cameo di TILDA SWINTON - irriconoscibile - decisamente irraggiungibile, una cattivissima assai stimolante!

    commento di marco bi
  • Parte ed è dichiarato come sci-fy, ma deve quasi subito virare verso il fantasy (socialista) più ridicolo. Gli ultimi abitanti della terra vivono (?) su un treno che deve (?) restare sempre in movimento in un ambiente glaciale (senza manutenzione ??). Dentro ci sono poveracci, in coda, e ricconi con piscine (ah! ah!) in testa. Delirante.

    commento di ezzo24
  • Fantascienza classica!

    leggi la recensione completa di sarvaego
  • Se non ci si sofferma troppo sulla congruità e tenuta realistica della sceneggiatura (il cui nucleo è un lunghissimo treno speciale divenuto un ecosistema complesso in perenne movimento), il film è indubbiamente di notevole qualità sia estetica che d’azione cruenta ed impegno sociale. Ottimo il cast, accettabili i dialoghi, seppur non eccelsi.

    commento di Maciknight
  • Ma a cosa serve il treno? A me sembra una scemenza. Pessimo

    commento di corradop
  • Un’ottima idea sviluppata male.

    leggi la recensione completa di SredniVashtar
  • La lotta di classe vagone dopo vagone mentre fuori un'apocalisse bianca ha gelato il mondo. Qualche momento di caduta ma nel complesso godibile. Voto: 7

    commento di ProfessorAbronsius
  • Storia banale quanto inverosimile, una esagerata dose di action (peraltro poco riuscita) per accontentare i più giovani…un finale scontato. Bocciato.

    commento di Tex Murphy
  • Irreale. Le premesse erano buonissime ma a parte tanto sangue e scarafaggi era meglio l' Era Glaciale. Peccato perché poteva essere un' occasione d' oro.

    commento di Ciabatman
  • Profetico, da vedere e rivedere.anche se questa (dis)umanità non ne trarrà alcun insegnamento…

    commento di werk2
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

GIANNISV66 di GIANNISV66
6 stelle

In un futuro prossimo venturo la Terra, travolta da un disastro ecologico, si ritrova in una nuova era glaciale. Quel che resta dell'umanità è stipato nei vagoni di un treno, sigillato come un'astronave che invece di attraversare l'iperspazio percorre a folle velocità il pianeta in un insensato giro del mondo fra i ghiacci. Ispirato a un fumetto francese, Le Transperceneige , Snowpiercer... leggi tutto

10 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
10 stelle

Bong Joon-ho è il regista dei miei sogni: quello che attendo sempre con ansia (attesa vana, dovessi aspettarlo nelle sale italiane, dove il regista risulta tutt'ora un clandestino!) ad ogni opera che si affaccia al mondo. Ed essendo tali suoi lavori non certo numerosi e ricorrenti, l'attesa diventa spasmodica, irresistibile. Sapevo, ne ero pressoché certo, che il trasferimento negli Usa... leggi tutto

44 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Mike.Wazowski di Mike.Wazowski
4 stelle

Un treno sferragliante viaggia da diciassette anni in un binario di 100000 miglia sulla terra, varcando deserti, oceani, catene montuose e persino l’artico. A bordo ci sono gli ultimi sopravvissuti, suddivisi in classi sociali, del genere umano annientato da un era glaciale causata dall’uomo, dopo il continuo immettere con scie chimiche una sostanza che avrebbe abbassato la... leggi tutto

8 recensioni negative

Recensione

daniele64 di daniele64
7 stelle

Fantascienza distopica di buon livello , se si riesce a passare sopra a certi particolari palesemente insostenibili ( come il treno che gira perennemente su di una ferrovia intorno al mondo congelato senza bisogno di manutenzione alcuna... ) . L' evidente grottesca metafora della società umana , assimilata ai vagoni del treno , non lascia molte positive speranze per il futuro . Ad ogni...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 maggio 2017 su Rai 4

Recensione

Abelard di Abelard
1 stelle

Poniamo di non essere a conoscenza che questa pellicola è l'ennesima trasposizione cinematografica dell'ennesima Graphic-Novel. Si spengono le luci ed inizia il film. Siamo nel 2014, in piena crisi mondiale dovuta al Surriscaldamento Globale. Vari Governi si mettono d'accordo per disperdere nell'atmosfera un agente gassoso per controllare il problema. Alcune, drammatiche, righe di testo...

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 1 maggio 2017 su Rai 4
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti
Trasmesso il 6 gennaio 2017 su Rai 4
Trasmesso il 3 gennaio 2017 su Rai 4
Il meglio del 2016
2016

Recensione

Barkilphedro di Barkilphedro
3 stelle

La cosa che mi ha più stupito di questo film non è la sua bruttezza ma l'aver trovato qui sul sito di Filmtv 6 recensioni negative contro 43 positive! Recensioni positive condite da paragoni con film quali Brazil, Alien, Blade runner, finanche 2001. Ora, ognuno è libero di ammazzarsi come gli pare, ma se non ci fossero state tutte queste recensioni positive io non...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

hallorann di hallorann
8 stelle

I veri eroi sono le masse…le masse popolari sono dotate di una forza creativa illimitata (Mao)   2031. Il mondo è un treno della vita, c’è chi sta in coda (i poveri, gli sfruttati, gli oppressi) e chi in testa (il potere). In origine per sopravvivere le masse erano costrette a praticare il cannibalismo, poi per non sacrificare più nessuno furono...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014
Disponibile dal 3 luglio 2014 in Dvd a 9,52€
Acquista

Recensione

GIANNISV66 di GIANNISV66
6 stelle

In un futuro prossimo venturo la Terra, travolta da un disastro ecologico, si ritrova in una nuova era glaciale. Quel che resta dell'umanità è stipato nei vagoni di un treno, sigillato come un'astronave che invece di attraversare l'iperspazio percorre a folle velocità il pianeta in un insensato giro del mondo fra i ghiacci. Ispirato a un fumetto francese, Le Transperceneige , Snowpiercer...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 24 febbraio 2014
Il meglio del 2013
2013

Recensione

alan smithee di alan smithee
10 stelle

Bong Joon-ho è il regista dei miei sogni: quello che attendo sempre con ansia (attesa vana, dovessi aspettarlo nelle sale italiane, dove il regista risulta tutt'ora un clandestino!) ad ogni opera che si affaccia al mondo. Ed essendo tali suoi lavori non certo numerosi e ricorrenti, l'attesa diventa spasmodica, irresistibile. Sapevo, ne ero pressoché certo, che il trasferimento negli Usa...

leggi tutto
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito