Destino cieco (Il caso)

Trama

Le vicende di uno stesso personaggio, Witeck, narrate da tre punti di vista diversi che il caso avrebbe potuto provocare, facendogli prendere o meno l'aereo che lo dovrebbe portare cia dalla Polonia comunista. Attivista del partito, oppositore o scienziato impolitico: ma comunque per il protagonista non ci sarà scampo. Un lucido apologo del Kieslowski più crudele e pessimista, prima del Decalogo. "Sliding doors" ne è una sorta di remake non dichiarato.

Commenti (4) vedi tutti

  • Santa pazienza!

    commento di Brady
  • Magnifico, senza commenti.

    commento di MIK64
  • ehm…diciamo che non era ancora il Kieslowski del DECALOGO…Verboso, prolisso, squilibrato, rigido, tedioso…primi anni 80: non era un bel momento per il cinema del Vecchio continente…

    commento di ed wood
  • Cambiando l'ordine degli addendi… Tre spunti, tre sviluppi, tre scelte di vita. E' davvero UNO soltanto il risultato possibile? L'opera originale dalla quale registi, sceneggiatori, cineasti, cani, porci hanno attinto a piene mani.

    commento di karugnin
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
10 stelle

Il destino non ci viene incontro: ci passa accanto, e ci sfiora. Il corso dell’esistenza è una questione di millimetri, di frazioni di secondo, in cui le occasioni ci colgono sempre impreparati, e per questo non siamo noi ad afferrarle, a farle nostre, bensì sono loro, con i loro impercettibili spostamenti d’aria, a spingerci in una o in un’altra direzione. La... leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

rebis di rebis
6 stelle

Anni '70: sullo sfondo della Polonia comunista il giovane Witek rincorre tre destini possibili improntati rispettivamente a passione, fede e idealismo. Per Kiéslowski la vita attiva è un appuntamento irrinunciabile con se stessi che comporta una perdita radicale e l’acquisizione di una più profonda consapevolezza. La metafora è fin troppo scoperta, meccanica e... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni
Il meglio del 2016
2016

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Girato nel 1981 ma uscito solo nel 1987 per motivi di censura politica, "Il caso" è il terzo film di finzione di Kieslowski ed è già un'opera molto rappresentativa della sua filmografia per il tema del fato che governa l'esistenza dell'uomo, rielaborato in tre destini paralleli di uno studente di medicina che diventa un funzionario del partito comunista, un attivista...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2012
2012

Bei mattoni :-)

Frescendine di Frescendine

Quei fim (bellissimi) che si li facessi vedere ai miei amici i venerdì sera..provocherei una insubordinazione..e una voce si leverebbe..."Questo film è una cagata pazzesca!"

leggi tutto
Il meglio del 2011
2011

Recensione

OGM di OGM
10 stelle

Il destino non ci viene incontro: ci passa accanto, e ci sfiora. Il corso dell’esistenza è una questione di millimetri, di frazioni di secondo, in cui le occasioni ci colgono sempre impreparati, e per questo non siamo noi ad afferrarle, a farle nostre, bensì sono loro, con i loro impercettibili spostamenti d’aria, a spingerci in una o in un’altra direzione. La...

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

Baliverna di Baliverna
8 stelle

Notevole questo film di Kieslowski, il quale era convinto che le nostre vite fossero governate unicamente dal caso e fossero quindi senza senso. Con questa visione dell'esistenza, non rimane che l'urlo di orrore e disperazione del protagonista dei primissimi minuti del film. Ciascuno dei tre destini che il protagonista vive sono tra l'altro dei completi fallimenti. Lo scagnozzo di partito cede...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2009
2009

Recensione

rebis di rebis
6 stelle

Anni '70: sullo sfondo della Polonia comunista il giovane Witek rincorre tre destini possibili improntati rispettivamente a passione, fede e idealismo. Per Kiéslowski la vita attiva è un appuntamento irrinunciabile con se stessi che comporta una perdita radicale e l’acquisizione di una più profonda consapevolezza. La metafora è fin troppo scoperta, meccanica e...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2008
2008

L'oppressione

kotrab di kotrab

Per caso (!) ho visto di seguito tre film che hanno a che fare con l'oppressione da parte di qualcosa o qualcuno, con l'incombenza di un'entità più forte, aggressiva, ciascuno a suo modo.

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2005
2005
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito