Trama

L'agente John McClane (Bruce Willis) si ritrova costretto ad andare fino in Russia per aiutare il figlio Jack (Jai Courtney), con cui i rapporti si sono raffreddati nel corso degli anni e rimasto coinvolto in un increscioso episodio, e il russo Komorov (Sebastian Koch), a cui la malavita russa dà la caccia per essere un informatore del governo. Poiché l'intero assetto democratico del mondo rischia di essere minato dalla minaccia di un colpo di stato, i McClane si ritrovano ad agire fianco a fianco e a guardarsi le spalle l'uno con l'altro, scoprendo che sono imbattibili in coppia.

Approfondimento

DIE HARD - UN BUON GIORNO PER MORIRE: IL QUINTO CAPITOLO DI DIE HARD

Apparso per la prima volta sul grande schermo nel 1988 in Trappola di cristallo, l'agente John McClane è di nuovo al centro di Die Hard - Un buon giorno per morire, quinto capitolo delle sue adrenaliche avventure diretto da John Moore. Interpretato come sempre da Bruce Willis, McClane si ritrova per la prima volta a collaborare fianco a fianco con il figlio Jack nella gelida Mosca, riportando in auge le tematiche legate alla Guerra fredda. Lo spettro dell'ex Unione Sovietica è tenuto in vita dagli antagonisti russi Komarov e Chagarin, complici di un piano elaborato 27 anni prima per rubare dieci milioni di dollari in plutonio dalla centrale nucleare di Chernobyl. Tra aule di tribunali e potenti oligarchi russi, John e Jack si ritrovano a dover gestire le conseguenze di quella rapina trasformatasi in minaccia per il mondo intero. Per la prima volta, John McClane è portato ad operare in terra straniera, sentendosi come un pesce fuor d'acqua di fronte a una Mosca che presenta minacce inattese e di cui non conosce lingua, cultura e geografia. È questo il vero motivo che lo spinge a fare qualcosa che non aveva mai fatto prima: fidarsi di qualcun altro e questo qualcun altro è proprio suo figlio, con il quale i rapporti non sono mai stati idilliaci. Nonostante l'elevato tasso di azione e le spettacolari scene di esplosioni, Die Hard - Un buon giorno per morire è dunque prima di tutto un film che esplora le dinamiche di relazione tra un padre e un figlio che si ritrovano a superare le loro divergenze in un contesto che mina la loro stessa sopravvivenza. La sceneggiatura scritta da Skip Wood e Jason Keller nasce da un'idea dell'attore Bruce Willis e sin da subito marca le differenze tra John e Jack: mentre Jack si comporta secondo le regole, John agisce d'impulso e non ha remore nel risolvere le situazioni con tutto ciò che trova a portata di mano.

DIE HARD - UN BUON GIORNO PER MORIRE

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Com'è nella tradizione della saga Die Hard, anche il quinto episodio vede un membro della famiglia McClane in pericolo: per difendere il figlio Jack (interpretato da Jai Courtney) e tenerlo lontano dall'universo del crimine, quando scopre del suo arresto a Mosca, John è disposto a fare qualsiasi cosa. Accompagnato all'aeroporto dalla figlia Lucy (interpretata da Mary Elizabeth Winstead, che riprende il ruolo portato sullo schermo in Die Hard. Vivere o morire), John è appena arrivato in Russia quando una nuova verità si apre ai suoi occhi: Jack non è un criminale ma opera come agente della Cia - alle dipendenze del capo Collins (interpretato da Cole Hauser) - e da tre anni è impegnato in una missione sotto copertura per proteggere Komarov (interpretato da Sebastian Koch), l'ex ladro russo diventato informatore e pronto a testimoniare in un importante processo contro l'ex partner Chagarin (interpretato da Sergei Kolesnikov) per contrastarne l'ascesa politica. Dapprima contrario a qualsiasi aiuto paterno, Jack ritorna sui suoi passi quando gli uomini di Chagarin con a capo il sanguinario Alik (interpretato da Rasha Bukvic) fanno esplodere l'aula in cui è in corso il processo. È dall'esplosione che ha inizio una difficile alleanza tra padre e figlio per riuscire a fuggire da Mosca con ogni mezzo necessario. Misterioso e non sempre mosso da chiari intenti, Komarov ha anche una figlia (Irina, interpretata da Yulia Snigir) con cui ha un rapporto difficile, condizione che gli permette di capire John McClane e di essere solidale con il suo desiderio di protezione nei confronti di Jack. Quando poi gli uomini di Alik riescono a mettere il trio di fuggitivi alle strette e catturare Komarov, Jack mette definitivamente da parte il suo rispetto delle regole per lasciarsi guidare dall'istinto del padre, capovolgendo il suo giudizio critico e sprezzante.

IN FUGA TRA RUSSIA E UNGHERIA

Girato tra le strade di Mosca e Budapest ricorrendo il meno possibile agli effetti digitali (usati soprattutto per la riproduzione degli skyline e del traffico urbano) e affidandosi a un'ottima squadra di spericolati stuntmen, Die Hard - Un buon giorno per morire ha visto lo scenografo Daniel T. Dorrance impegnato nella creazione di 58 differenti set, di cui trenta di dimensioni medie e 10 di grandezza quasi spropositata. Tre dei set più grandi (tra cui il palazzo di giustizia destinato a esplodere e la sala da ballo in cui Komarov cade nelle mani di Alik) sono stati ricavati negli studi Raleigh di Budapest. Per realizzare la sola sala da ballo sono occorsi 20 pittori, 80 falegnami, 10 metalmeccanici e 8 settimane di lavoro. Grazie alla cooperazione con il governo ungherese, la produzione per la scena della fuga dei McClane dalla sala da ballo ha avuto la possibilità di usare un vero Mi-24, un ex gioiello dell'aviazione militare russa ormai fuori produzione. Oltre al Mi-24, in Die Hard - Un buon giorno per morire è presente - grazie a un prestito della Repubblica della Bielorussia - anche un Mi-26 Halo, il più grande elicottero al mondo dal peso di 25 tonnellate e in grado di trasportarne altrettante, lungo 38 metri e con 60 posti passeggeri.
Le scene ambientate a Chernobyl sono state invece realizzate nell'ex base militare sovietica del villaggio ungherese di Kiskunlachaza, abbandonata dopo il crollo dell'Urss e circondata da un paesaggio agghiacciante.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Il film nel suo complesso è semplicemente il peggiore della serie. Non bastano set-piece elaborati, complessi e spettacolari a salvarlo. Si finisce per chiedersi dove siano finiti i sani mestieranti come John McTiernan e Renny Harlin al cospetto dei quali questo John Moore, autore anche del pessimo Max Payne, sembra si limiti a dirigere il traffico dei cascatori.

Commenti (4) vedi tutti

  • Niente di niente da salvare in questa versione da trasferta internazionale del (finora) simpatico John McClane/Bruce Willis. Peccato.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Per la saga "Die Hard" è davvero un buon giorno per morire. Il peggior film della serie conclude il ciclo in maniera ingloriosa: riguardatevi i primi tre capitoli, lasciate perdere questo!

    leggi la recensione completa di lolbond007
  • Dopo 30 minuti di film ho interrotto la visione ed ho deciso di leggere un libro per non passare la serata davanti a questa americanata.

    commento di marcolomb85
  • Ok, chi è l'idiota che ha tradotto il titolo in questo modo?A meno che la trama del film non preveda davvero qualcuno col potere di uccidere dicendo "buongiorno".S*

    commento di S*
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

Stuntman Miglio di Stuntman Miglio
4 stelle

Duro a morire ma non immortale. Duole constatarlo ma John McClane è definitivamente venuto meno nel quinto capitolo della saga che lo vede protagonista. Grave perdita per il mondo dell’action che si stringe attorno alla ex moglie Holly Gennaro e ai due insopportabili eredi, peraltro cause della prematura dipartita del nostro cowboy con Beretta e canotta. Dopo una trilogia pressoché... leggi tutto

21 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Vidi “Trappola di cristallo” a vent'anni, durante un bigio e freddo pomeriggio autunnale qualunque del 1988 a Genova, nell’immenso cinema Verdi (chiuso ormai da anni) dopo aver partecipato ad una poco memorabile lezione universitaria pomeridiana. Quel film, uscito quasi in sordina e infatti trascuratissimo in Italia nonostante l’appeal commerciale (forse in quanto Bruce Willis in... leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Raffaele92 di Raffaele92
8 stelle

Capitolo 5: Mosca. I nemici ora sono russi, come capitava in molti film degli anni ’80 per ovvie motivazioni derivanti dal clima politico della Guerra Fredda (tra i casi più eclatanti, “Rocky IV”). Al di là di questo tema ormai (per forza di cose) obsoleto, dimentichiamoci stavolta ogni riferimento politico o sociale, che non è poi mai stato il piatto... leggi tutto

3 recensioni positive

Trasmesso il 23 luglio 2017 su Rsi La1
Il meglio del 2016
2016

Recensione

lolbond007 di lolbond007
2 stelle

"Nessuno morirà oggi!" (John McClane)   Un buon giorno per morire. Come non essere d'accordo con questa affermazione? Se nel precedente capitolo la saga Die Hard perdeva colpi, qui è definitivamente crollata. Infatti, approvare qualcosa di questo film è un'impresa che non si riesce a compiere neppure volendolo. Stavolta John McClane si trasferisce a Mosca...

leggi tutto
Disponibile dal 7 aprile 2016 in Dvd a 9,52€
Acquista
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Dom Cobb di Dom Cobb
4 stelle

Ci sono saghe cinematografiche che meriterebbero una maggiore cura ed attenzione da parte degli studios, anziche' farle proseguire (per forza d'inerzia) con capitoli - girati esclusivamente per spremere il 'marchio' - quasi sempre non all'altezza degli orginali e che, altrettanto spesso, tradiscono addirittura la 'natura' e le origini della saga stessa. Per gli appassionati del poliziesco...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Stuntman Miglio di Stuntman Miglio
4 stelle

Duro a morire ma non immortale. Duole constatarlo ma John McClane è definitivamente venuto meno nel quinto capitolo della saga che lo vede protagonista. Grave perdita per il mondo dell’action che si stringe attorno alla ex moglie Holly Gennaro e ai due insopportabili eredi, peraltro cause della prematura dipartita del nostro cowboy con Beretta e canotta. Dopo una trilogia pressoché...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Vidi “Trappola di cristallo” a vent'anni, durante un bigio e freddo pomeriggio autunnale qualunque del 1988 a Genova, nell’immenso cinema Verdi (chiuso ormai da anni) dopo aver partecipato ad una poco memorabile lezione universitaria pomeridiana. Quel film, uscito quasi in sordina e infatti trascuratissimo in Italia nonostante l’appeal commerciale (forse in quanto Bruce Willis in...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane l'11 febbraio 2013
Il meglio del 2012
2012

Padri e figli (maschi)

Redazione di Redazione

Relazione primaria, assoluta: parlare del rapporto, nel cinema come ovunque, tra il padre e il figlio maschio (o i figli se più di uno) significa aprire un elenco sterminato. Abbiamo atteso a lungo prima di...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2002
2002
Il meglio del 2000
2000
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito