Espandi menu

Trama

Mia (Emma Stone), un'aspirante attrice, e Sebastian (Ryan Gosling), pianista jazz, incrociano le loro strade a Los Angeles. Entrambi sognatori, si innamorano e si ritrovano a condividere sogni, speranze e illusioni. Così come li ha uniti, la città può anche distruggerli: bilanciare amore e arte può risultare essere più difficile di quanto credevano.

Approfondimento

LA LA LAND: UN MUSICAL CONTEMPORANEO

Scritto e diretto da Damien Chazelle, La La Land racconta l'intensa e burrascosa storia d'amore tra un'attrice e un musicista che si sono appena trasferiti a Los Angeles in cerca di fortuna. Mia è un'aspirante attrice che, tra un provino e l'altro, serve cappuccini alle star del cinema. Sebastian è un musicista jazz che sbarca il lunario suonando nei piano bar. Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode una travolgente passione nutrita dalla condivisione di aspirazioni comuni, da sogni intrecciati e da una complicità fatta di incoraggiamento e sostegno reciproco. Ma quando iniziano ad arrivare i primi successi, i due si dovranno confrontare con delle scelte che metteranno in discussione il loro rapporto. La minaccia più grande sarà rappresentata proprio dai sogni che condividono e dalle loro ambizioni professionali.

Con la direzione della fotografia di Linus Sandgren, le scenografie di David Wasco, i costumi di Mary Zophres e le musiche di Justin Hurwitz, La La Land è un musical che vuole essere una lettera d'amore alla magia della vecchia Hollywood, raccontata da un punto di vista giovane e contemporaneo. La storia è ambientata a Los Angeles, la città dove tutti sognano di diventare delle stelle. Ciò permette a Chazelle di rendere omaggio alle leggende del cinema e nello stesso tempo di portare sullo schermo come universo incantato, ma anche reale e palpabile, il territorio umano più privato – il territorio delle relazioni intime, dei sogni più arditi e dei momenti in cui le decisioni che si prendono decidono un intero destino.

A livello di influenze classiche, Chazelle si è ispirato solamente ai film di Jacques Demy, il regista della New Wave francese che interruppe la serie di film super impegnati degli anni Sessanta con musical colorati e vivacissimi come Les parapluies de CherbourgJosephineUna camera in città. Ha inoltre voluto fondere alcuni degli elementi che amava di più dei musical degli anni Quaranta, Cinquanta e Sessanta – la continuità della colonna sonora, i colori vivacissimi, l'energia che esprimevano – con la sua città preferita, Los Angeles, che è diventata un personaggio romantico, come i due innamorati del film. Los Angeles è stata molte cose nel cinema – uno sfondo noir, un paradiso del lusso, una città preda di sfrenate ambizioni. Ma Chazelle ha considerato Los Angeles una musa, una tela su cui si avvicendano incontri fatali, un traffico pazzesco dove ognuno insegue i propri sogni, a volte senza successo, a volte con successo.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

La La Land inizia a Los Angeles sull'autostrada. È lì che Sebastian incontra Mia, in un ingorgo stradale assordante che rispecchia perfettamente il momento della vita che stanno affrontando. Tutti e due sono concentrati nel realizzare quelle quasi impossibili speranze che sono l'anima della città: Sebastian cerca di far appassionare la gente del XXI secolo al jazz tradizionale, Mia insegue un'audizione dopo l'altra. Ma nessuno dei due si aspetta che quel fatale incontro li porterà a compiere passi che non avrebbero mai fatto da soli.

Il pianista jazz Sebastian rischia di respingere l'amore più grande della sua vita. Appassionato di jazz retrò, non è disposto a mettere in gioco le sue convinzioni per niente e per nessuno, tanto che all'inizio respinge Mia, considerandola un'altra di quelle persone che non capiscono l’importanza dei suoi sogni, ma le cose non vanno come aveva pianificato. A interpretarlo è l'attore Ryan Gosling.

L'aspirante attrice Mia sembra invece prigioniera di un loop infinito tra il lavoro di barista e le innumerevoli audizioni cui si presenta quando incontra lo scostante pianista a bordo di una decapottabile che interrompe l'incantesimo. Mia è impersonata da Emma Stone.

La cosa bella che Sebastian fa per Mia è chiederle "perché non crei storie tutte tue da raccontare come attrice?". Nello stesso tempo, Mia suggerisce a Sebastian di ampliare e perseguire la sua arte in modi cui non aveva mai pensato. Alla fine tutti e due riescono ad aprire nuovi mondi che avevano dentro ma che non avevano mai avuto il coraggio di esplorare.

Nel cast di La La Land c'è anche il cantautore John Legend, che porta in scena il personaggio di Keith, il musicista che chiede a Sebastian di entrare nella sua band emergente, The Messengers, e lo allontana da Mia. Keith è inoltre in conflitto con Sebastian a causa di una diversità di vedute su come preservare il jazz e adattarlo ai rapidi cambiamenti culturali. Tra i tanti piccoli ruoli di supporto - interpretati da attori come Finn Wittrock, Rosemarie DeWitt e Sonoya Mizuno - spicca quello affidato a J.K. Simmons, tornato a lavorare con Chazelle dopo Whiplash nei panni del capo di Sebastian al ristorante in cui suona come pianista.

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

"La La Land" in inglese indica lo stato mentale di chi non è ben conscio di quel che accade. Traduce un po', se volete, la nostra "testa nelle nuvole", ma anche "il mondo dei sogni". Tuttavia "La La Land" è anche divenuto un nomignolo per Los Angeles, vuoi per via del fatto che LA è l'abbreviazione di Los Angeles, vuoi per via del fatto che Los Angeles nell'immaginario americano è stata a lungo il luogo dove i sogni si possono realizzare, grazie anche e soprattutto alla presenza degli Studios e di Hollywood.

Per Emma Stone e Ryan Gosling questo è il terzo film dove recitano insieme nei ruoli principali: prima di La La Land ci sono stati infatti Crazy, Stupid, Love e Gangster Squad.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (24) vedi tutti

  • City Of Stars

    leggi la recensione completa di LucaJazz94
  • Chazelle porta il vecchio musical degli anni 40-60 all'era contemporanea, mixando elegantemente musica e immagini ma intessendo una storia sull'amore e l'incompatibilità dei sogni e delle aspirazioni dei singoli che lascia amarezza

    leggi la recensione completa di bufera
  • Levità di tocco, scrittura affilata, Emma Stone strabiliante come in Birdman: Chazelle incanta con freschezza e classe da vendere.

    leggi la recensione completa di michii
  • Meraviglioso! Un film che riconcilia con il grande cinema e con la storia del cinema. Porta con se, sia le radici dei grandi musical di decenni fa, sia un esplosione di freschezza e vivacita' incredibili. I momenti musicali sono una delizia, mai invasivi. Fotografia e scene da oscar. Gosling e Stone da applausi a scena aperta. Da vedere!

    commento di catsandbears
  • Un inno al romanticismo a suon di musica, un trionfo di colori e allegorie, un omaggio nostalgico alla Hollywood "terra dei sogni"... Dove il retrò diventa anti-conformismo in cui la profondità del passato schiaccia il materialismo del presente.

    commento di _Rocky_
  • #LaLaLand La dignità dell'emozione. Quell'Amore che accresce il dolore perché non tornerà più. Mai più. Gianfranco Zucchi

    leggi la recensione completa di orson
  • Ecco qui il link dell'articolo completo: https://mgrexperience.wordpress.com/2017/02/08/la-la-land-di-damien-chazelle/

    commento di MrGiov7
  • Strapieno di canzoni meravigliose e di amore a più non posso. Non c'è che dire,La La Land è davvero uno di quei film che vale la pena vedere al cinema. Anche la morale,non è importante realizzare i propri sogni ma solo di sognare,mi ha stupita e ne sono stata colpita.

    commento di GiuliaFilm
  • Un film che è riuscito a riportare un po' di gente al cinema. Ha fatto parlare di sé in un mondo in cui le serie stanno spopolando. Toni accesi da pubblicità, a volte, ma si vede volentieri. Due artisti alla ricerca del loro sogno e il loro amore...

    commento di ENNAH
  • Sublime, coinvolgente, splendido il finale. Capolavoro

    commento di MarcoT
  • Un coloratissimo ed esuberante revival di un filone finito nell'oblio, con canzoni di un genere che tutti considerano morto e balletti che contagiano subitaneamente.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Film che si affronta perplessi e poco fiduciosi ma che poi conquista piano piano, fino a quel finale in cui i due sguardi prolungati oltrepassano lo schermo e giungono dritti al cuore, che, tramortito, una volta uscito dalla sala se li porta fino a casa, facendosi accompagnare dalle lentissime note di City of Stars.

    leggi la recensione completa di michemar
  • La La Land è un capolavoro di freschezza e al contempo di classicità. Parla di desideri e cinema, amore e musica, commedia e romanticismo, trovando un equilibrio perfetto tra tutte le componenti del film.

    leggi la recensione completa di ROTOTOM
  • Il piacere e la gioia evocati da questo musical contemporaneo, come da tutti i grandi musical da esso citati ed omaggiati, sono esperienze che ci fanno render grazie per l'esistenza del cinema: e allora lasciamoci sopraffare dalla magia dei colori, delle musiche e dei balletti.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Forse ti piacevo di più quando era nella merda, così ti potevi sentire superiore.

    leggi la recensione completa di champagne1
  • lascia in noi un’impressione di leggerezza talvolta eccessiva, ma non sempre sgradevole...

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un film ben realizzato, un omaggio ai musical che furono (e non solo). Si conferma la bravura di Damien Chazelle. Ma non è certamente il capolavoro tanto acclamato dalla critica; perché qua il cliché "o amore o sucesso personale" che aveva funzionato (grazie anche ad altri fattori) in Whiplash, qua funziona meno.

    leggi la recensione completa di Bamba007
  • Semplicemente incantevole

    leggi la recensione completa di lino99
  • C'è poco da dire di questo bluff clamoroso. E' un musical con numeri musicali, anzi, per un buon 70-80% mezzi numerini che si esauriscono nello spazio di pochi secondi, totalmente inutili, le cui musiche, coreografie(?) e performances sono assolutamente anonime. Vanificata, dunque, la bravura attoriale dei due protagonisti. Siamo lontani quasi...

    leggi la recensione completa di fatso
  • "Siamo fatti della stessa maniera di cui sono fatti i sogni" nella prima parte, dove ci sono tanti riferimenti a film d'epoca importanti, ma nella seconda parte melò-drama emerge il talento del regista. La Stone sovrasta Gosling secondo me. Voto 9

    commento di Infinity94
  • Ma dov'e' questo capolavoro? Certamente e' ben fatto, ma perde su tutti i fronti; la storia d'amore sembra accennata; le musiche sono troppo ripetute, sembra girato tutto in studio e non ha nessun ritmo. Oscar? immeritati!

    commento di vflamingo
  • Il film di Chazelle è il canto del cigno del musical americano

    leggi la recensione completa di momasu
  • La bellezza dell’amore più profondo, la realtà della vita più comune e l’armonia del musical di vecchia scuola. Lui, lei e il destino, Damien Chazelle e la musica atto secondo. Epifanie immense e solstizi malinconici, con due protagonisti in palla. La vita (che conta) racchiusa in un film.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Le aspirazioni sono il tassello più genuino per dare un senso alle proprie esistenze incerte,insidiate da nevrosi ed inadeguatezza. Chazelle punta più sull'ossession jazz di lui,che sul divenire star di lei, e dirige bene un musical spurio in cui vince soprattutto l'intesa chimica tra i due attori, ottimi a recitare, un pò meno a mimare il canto.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

Spaggy di Spaggy
9 stelle

Una giornata qualsiasi di traffico nelle railways di Los Angeles. Dalla radio di un’automobile persa nel traffico parte una canzone. La donna al volante è colta dall’irresistibile voglie di aprire le danze: lascia l’auto della realtà e si catapulta in un numero di danza corale insieme agli altri impazienti automobilisti. Inizia con il botto La La Land, opera... leggi tutto

32 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

bufera di bufera
6 stelle

  Damien Chazelle è un regista e sceneggiatore statunitense che a 32 anni ha all’attivo tre film Guy and Madeline on a Park Bench (2009) dedicato al jazz, Whiplash (2014) sempre nell’ambiente della musica, che ha ricevuto il Premio della giuria U.S. Dramatic e il Premio del pubblico al Sundance Festival e ai Premi Oscar 2015 ha ottenuto 3 vittorie su 5 nomination, e... leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

champagne1 di champagne1
4 stelle

Alla ricerca dei propri sogni artistici, le vite di Seb e Mia si incontrano per condividere speranze e delusioni. Poi le rispettive carriere decollano e i due devono decidere il proprio futuro anche a costo di conflitti e incomprensioni...   Siccome il film non mi è piaciuto, devo provare a spiegare gli ingredienti secondo me male o poco impiegati nella pellicola.   Quello... leggi tutto

4 recensioni negative

Recensione

lussemburgo di lussemburgo
9 stelle

In fondo il musical è uno stato d’animo, uno state of mind in cui il film e lo spettatore devono trovarsi in sintonia. E c’è qualcosa nell’effervescente inizio di La La Land che lascia perplessi, un’euforia quasi didascalica che diventa balletto e canzone in contesti realistici per accompagnare le fasi di una commedia romantica degli equivoci in cui due...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Mannequin Challenge

Mike.Wazowski di Mike.Wazowski

Alcuni mesi fa nel mondo dei social e di internet imperversavano dei video in cui le persone, rimanevano ferme e immobili, come "congelate, e questa moda contagiava tutti dagli studenti, agli sportivi, ai cantanti,...

leggi tutto

Recensione

Narratore di Narratore
9 stelle

La La Land è un film del 2016 diretto da Damien Chazelle   "Il Cinema non è soggetto ad evoluzioni; a cambiare nel tempo sono i mezzi, gli strumenti, le tecniche e l'esigenze comunicative." Dal mio quadreno di appunti riporto questa frase, che mai prima d'ora avrei trovato più azzeccata.    The American Way of Life.  Intorno alla fine degli anni 20...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

michii di michii
10 stelle

La prima visione di La la land genera il dubbio di trovarsi di fronte ad una sciarada piena di invenzioni visive , gelida e furba e dichiaratamente snob. Ma la classe non è acqua: Chazelle è un ragazzo dal talento sicuro che aveva già dimostrato tutte le sue qualità in Whiplash (2014), incredibile gioiello parzialmente rovinato dall'overacting di Simmons. La la...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

dondraper di dondraper
8 stelle

  Benvenuti a La la land, la terra dove si balla sotto la luce delle stelle, dove i colori sono sgargianti e si canta mossi dalla forza dell'amore. Un redivivo Gene Kelly domina la prima mezz'ora con coreografie e scene che rimandano alla vecchia Hollywood. Uno spasso, una gioia per gli occhi e tutti gli stilemi del musical anni 20: l'amore che muove il mondo, la scalata verso il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

kaosentus di kaosentus
9 stelle

In uno dei più commoventi e riusciti episodi di Mad Men, il pubblicitario Don Draper (il tizio che in questo momento alberga nella mia immagine del profilo) nel descrivere l'allora nuovo di zecca proiettore di diapositive della Kodak usava queste parole: "...Teddy mi disse che in greco nostalgia significa letteralmente dolore che deriva da una vecchia ferita. È uno struggimento...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

negro di negro
7 stelle

Mi aspettavo un musical, per fortuna lo è stato solo in parte; mi aspettavo un grande inizio, forse invece è la parte più deludente; mi aspettavo qualcosa di speciale, si tratta però solo di un buon film. Le alte aspettative hanno la tendenza a portare a grosse delusioni. In questo caso invece portano solo ad una riflessione sulla preparazione degli attori: è...

leggi tutto
Recensione

Recensione

penelope68 di penelope68
7 stelle

Diciamo subito che non è un film per tutti , come ogni musical d altronde. Diciamo che nutrire le più ampie aspettative verso un film acclamato a destra e manca non porta bene .  Il lavoro del regista è notevole,  perche sa creare un mondo colorato , creativo e idealistico che non è facile immaginare. Ma dietro l' apparente leggerezza si viene poi a...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

kubritch di kubritch
2 stelle

Durante la prima mezzora nella mia testa ronzava un pensiero: Hollywood sta lanciando una nuova star (si parla di questo nel film), modello Natalie Wood (maliziosamente mi sovviene Mulholland drive. " È lei la ragazza".). Dopo poco è arrivata la conferma con la citazione di "Gioventù bruciata" o, meglio, Rebel Without a Cause (di Nicholas Ray! Non so se vi...

leggi tutto

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
7 stelle

Non digerisco molto i musical, non apprezzo particolarmente Ryan Gosling e, quando ho letto la trama, mi sembrava di aver visto il film almeno un paio di volte. Ebbene sì, lo ammetto, l'unico motivo che mi ha spinto ad andare a vederlo al cinema sono state le quattordici nomination all'Oscar e, in minima parte, la presenza di Emma Stone. Il film inizia e parte una canzone, dopo cinque...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

Spaggy di Spaggy
9 stelle

Una giornata qualsiasi di traffico nelle railways di Los Angeles. Dalla radio di un’automobile persa nel traffico parte una canzone. La donna al volante è colta dall’irresistibile voglie di aprire le danze: lascia l’auto della realtà e si catapulta in un numero di danza corale insieme agli altri impazienti automobilisti. Inizia con il botto La La Land, opera...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito