Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Americano figlio di immigrati italiani, Louis Zamperini ha trovato nell'atletica leggera il suo riscatto ma, mentre si prepara per le sue seconde Olimpiadi, lo scoppio della Seconda guerra mondiale lo costringe ad arruolarsi nell'aviazione. Precipitato nell'oceano Pacifico con un bombardiere americano, nel 1943 Louis si salva e riesce a raggiungere la costa dopo un difficile viaggio a bordo di un piccolo canotto alla deriva. Al suo arrivo su un'isola in mano ai giapponesi ad attenderlo troverà la prigionia in mano a sadici aguzzini.

    Approfondimento

    UNBROKEN: LA VERA STORIA DI LOUIE ZAMPERINI

    Prodotto e diretto da Angelina Jolie, Unbroken è un dramma epico che segue l'incredibile vita del campione olimpionico ed eroe di guerra Louis 'Louie' Zamperini. Sopravvissuto su una zattera per 47 giorni dopo un incidente aereo quasi fatale durante la Seconda guerra mondiale, Zamperini venne poi catturato dalla marina giapponese e inviato in una serie di campi per prigionieri di guerra.

    Adattamento della biografia scritta da Laura Hillenbrand, Unbroken porta sullo schermo i trionfi di Zamperini sulle difficoltà incontrate e la grande forza del suo spirito d'animo, che mai si è arreso alle tribolazioni della guerra. Sullo sfondo di un mondo al collasso per via del conflitto mondiale, Louie da giovane mascalzone spensierato si trasforma in faro di speranza per un'intera nazione, rivelando con le sue peripezie cosa voglia dire seguire la propria strada per superare le tenebre e ritrovare la luce.

    Con la direzione della fotografia di Roger Deakins, le scenografie di Jon Hutman, i costumi di Louise Frogley e le musiche di Alexandre Desplat, Unbroken conta su una sceneggiatura firmata dai fratelli Joel Coen ed Ethan Coen, da Richard LaGravenese e da William Nicholson.

    In Unbroken a interpretare il giovane Louie Zamperini è il ventitreenne attore britannico Jack O'Connell mentre Mutsuhiro Watanabe, il suo torturatore giapponese, ha il volto di Takamasa Ishihara, meglio noto come Miyavi. Per i ruoli del capitano Russell Allen 'Phil' Phillips e del sergente Francis 'Mac' Manara si è optato invece per Domhnall Gleeson e Finn Wittrock. Il cast è poi completato da Garrett Hedlund (è il comandante John Fitzgerald, uno dei compatrioti di Louie nei campi di prigionia), Jai Courtney (è Hugh 'Cup' Cuppernell, il copilota di Phil), John Magaro (è il pilota bombardiere/cantante d'opera Frank Tinker) e Luke Treadaway (è Miller, uno dei prigionieri di guerra britannici).

    Anche se con personaggi minori, Unbroken prevede la presenza in scena degli attori italiani Vincenzo Amato e Maddalena Ischiale (sono Anthony e Louise, i genitori veronesi di Louie), dell'attore australiano Alex Russell (è Pete, il fratello di Louie), delle esordienti Talia Mano, Savannah Lamble, Alice Roberts e Sophie Dalah (interpretano Sylva e Virginia, le sorelle di Louie, da piccole e da adolescenti), e dei giovanissimi CJ Valleroy e John D'Leo (che danno corpo ai giovanissimi Louie e Pete).

    CHI ERA LOUIE ZAMPERINI

    Morto il 2 luglio 2014 all'età di 97 anni, Louie Zamperini - il figlio più piccolo di una coppia di immigrati italiani - ha vissuto la sua infanzia e adolescenza a Torrance, in California, dove da piccolo delinquente incorreggibile si dilettava in irruzioni nelle abitazioni altrui, in furti nei negozi e in risse con chiunque osasse sfidarlo, prima di concentrare la sua rabbia e le sue energie nella corsa, in particolare nel mezzofondo. La sua vita ha preso una piega diverse quando a 19 anni, con il soprannome di 'Torrance Tornado' si è qualificato per le Olimpiadi di Berlino del 1936, occasione in cui si è guadagnato l'ammirazione di colui che avrebbe portato l'umanità verso una catastrofe globale: Adolf Hitler. L'inevitabile scoppio della Seconda guerra mondiale lo ha poi portato al fronte come bombardiere del corpo militare aereo e a intraprendere diverse missioni nell'oceano Pacifico. Nell'aprile 1943, proprio una di queste missioni a causa di un guasto al motore, l'aereo di Zamperini si è schiantato al suolo, uccidendo 8 componenti dell'equipaggio e lasciando in vita lui e altri due commilitoni, il capitano Russell Allen "Phil" Phillips e il sergente Francis "Mac" McNamara. A bordo di una zattera alla deriva, Mac ha perso la vita dopo 33 giorni di fame, disidratazione e debilitazione, mentre Louie e Phil sono riusciti a sopravvivere 47 giorni prima di essere catturati dalla marina giapponese nei pressi di un atollo alle isole Marshall.

    Nelle mani dei giapponesi, i due sono stati più volte trasferiti di campo in campo e costretti a subire abusi fisici e psicologici di ogni tipo. Louie, in particolare, durante i due difficili anni di prigionia ha dovuto subire su di sé le angherie e i soprusi di uno squilibrato comandante di nome Mutsuhiro Watanabe, noto per i particolari sadici giochi di mente e gli atti brutali che era solito infliggere alle vittime designate.

    Tornato libero il 20 agosto 1945, Louie ha fatto ritorno in California ma la sua esistenza è cambiata per sempre a causa degli incubi e dei disturbi psicologici che la guerra ha lasciato in lui. Per quattro anni ha combattuto contro un'ansia paralizzante, l'alcolismo e i demoni che disturbavano il suo sonno, prima di conoscere colei che sarebbe diventata la sua ancora di salvezza: la moglie Cynthia. Grazie alla compagna, Louie ha potuto fare la conoscenza del reverendo Billy Graham, un giovane pastore che lo ha convinto ad abbracciare il cristianesimo e a intraprendere la via del perdono. Unbroken, però, termina nel momento in cui Louie ritorna dalla guerra, per scelta degli sceneggiatori.

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Fornita di maestranze di lusso, Angelina Jolie confeziona un biopic educato e patinato, con dosi di mite violenza e azione spettacolare calibrate sul gusto del più vasto pubblico possibile. In questa scelta, pur cauta, sta il merito della Jolie: attrice passata dietro la macchina da presa, stringe l’obiettivo sui suoi interpreti e mette corpi e sguardi al centro della storia. Ispirata a una storia vera, la sceneggiatura porta la firma dei fratelli Coen.

    Commenti (2) vedi tutti

    • Seppur con eccessiva "patina hollywoodiana", questo film riesce comunque a colpire per i contenuti e le riflessioni che scaturisce nello spettatore. Voto 7-

      leggi la recensione completa di cinefox
    • Film di guerra patinatissimo, nel quale la cura maniacale dello stile travolge i contenuti ed i significati più profondi. Affascinanti scenografia e fotografia, ma le azzimature dei protagonisti fanno apparire il tutto posticcio. Ed il trasporto emotivo crolla.

      leggi la recensione completa di Guidobaldo Maria Riccardelli
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
    7 stelle

                         Dopo aver raccontato il dramma bosniaco con il titolo "Nella terra del sangue e del miele", Angelina Jolie ritorna dietro la telecamera con un biopic, la storia vera di un prigioniero della II guerra mondiale, un americano figlio di emigrati italiani, Louis Zamperini, un uomo che... leggi tutto

    6 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    dollyfc di dollyfc
    6 stelle

    Per quanto rischioso possa essere  raccontare storie biografiche,  evidentemente ogni regista ne è attratto e prima o poi deve dire la sua .   Per chi conosce già la  " vera " storia  del protagonista ogni piccolo particolare è sotto la lente d'ingrandimento , in questo caso poi , c'è tutta la parte storiografica pregna di momenti... leggi tutto

    9 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    mc 5 di mc 5
    4 stelle

    Giusto poche settimane fa, a proposito del bellissimo "Imitation game" si scatenò una piccola diatriba nella quale i detrattori sostenevano che quel film era stato studiato a stavolino per fare incetta di Oscar. Da tale posizione io mi sono già dissociato, anzi diciamo che in ogni caso (ammesso e non concesso) quel film raccontava la vicenda appassionante di uno scienziato che... leggi tutto

    4 recensioni negative

    Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti

    vedi tutti

    Recensione

    cinefox di cinefox
    7 stelle

    "Un incredibile storia vera" recita la locandina. Giá, perché più che la realizzazione di questo film di guerra patinato, a colpire davvero é proprio la storia che racconta. L' epilogo nelle foto e nel video finale riesce anche ad emozionare!      Angelina Jolie regista e produttrice per questa trasposizione cinematografica del libro...

    leggi tutto

    Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti

    vedi tutti

    Recensione

    Guidobaldo Maria Riccardelli di Guidobaldo Maria Riccardelli
    4 stelle

    Un film trifasico, diviso in tempi e svolgimenti, dall'azione di guerra alla prigionia, passando per la sopravvivenza, con tagli tanto netti da farne quasi tre racconti separati.  La regia crea un qualcosa che appare più che essere, rendendo il film affascinante per scenografia e fotografia, ma magro nel contenuto, se non per la storia vera che cerca di...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 1 utenti

    Recensione

    dollyfc di dollyfc
    6 stelle

    Per quanto rischioso possa essere  raccontare storie biografiche,  evidentemente ogni regista ne è attratto e prima o poi deve dire la sua .   Per chi conosce già la  " vera " storia  del protagonista ogni piccolo particolare è sotto la lente d'ingrandimento , in questo caso poi , c'è tutta la parte storiografica pregna di momenti...

    leggi tutto

    Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Il meglio del 2015

    2015

    Recensione

    GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
    7 stelle

                         Dopo aver raccontato il dramma bosniaco con il titolo "Nella terra del sangue e del miele", Angelina Jolie ritorna dietro la telecamera con un biopic, la storia vera di un prigioniero della II guerra mondiale, un americano figlio di emigrati italiani, Louis Zamperini, un uomo che...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 12 utenti

    Uscito nelle sale italiane il 26 gennaio 2015

    Il meglio del 2014

    2014

    Recensione

    giuliobonfante di giuliobonfante
    6 stelle

    Una sceneggiatura basata su una storia vera come quella di Zamperini è al tempo stesso semplice e insidiosa, ma già il fatto che sia stata scritta a otto mani ha complicato le cose, nonostante quattro delle otto mani siano dei fratelli Coen, due di LaGravanese (La leggenda del Re Pescatore), e due di William Nicholson (Il gladiatore e Les Miserables). Non ne guadagna...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Il meglio del 2013

    2013
    Unbroken valutazione media: 5.7 19 recensioni del pubblico.

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito