Espandi menù

    Mandagli un messaggio
    Messaggio inviato!
    Messaggio inviato!
    chiudi

    sasso67

    Iscritto dal
    • Nato il:
    • Sesso: Maschio
    • Provincia: Pisa
    • Nome:
    Modifica

    Tu nella rete

    Nella rete

    Sesso
    non verrà mostrato nel profilo
    Cambia password
    Avvisami con una mail se:
    Ricevo messaggi privati
    Ricevo commenti a miei contributi (recensioni, playlist, post)
    Ricevo risposte a miei commenti
    Ho nuovi seguaci
    Desidero ricevere la vostra newsletter settimanale:
    Segnala sulla mia bacheca Facebook: (occorre aver collegato il profilo Facebook)
    Le mie recensioni
    Le mie playlist
    I miei post
    I miei voti
    Cancellami da Film.Tv.it
    • Mantenendo le mie opinioni e i miei contributi al sito collegati al mio nick che però sarà presentato senza dati, con icona anonima e con la dicitura "utente non più iscritto al sito". Ogni tuo dato personale in nostro possesso sarà comunque cancellato.

    • Cancellando tutte le mie opinioni e gli altri miei contributi al sito (anche qui naturalmente tutti i dati personali saranno cancellati).

    • Nota bene: nel caso della seconda opzione non verranno comunque cancellati i commenti, i messaggi personali inviati (presenti nel sistema di messaggi dell'utente che ha li ha ricevuti) e gli inserimenti di film a playlist altrui.

      Nel caso tu abbia contribuito alla vita del sito scrivendo opinioni o playlist o altro (e indipendentemente dai motivi che ti spingono a cancellare il tuo account), per il bene della community e del nostro progetto ti consigliamo vivamente di valutare di lasciare a disposizione di tutti i tuoi contributi, scegliendo la prima opzione.

    Botta e risposta

    2015

    2015
    sasso67 di sasso67
    2 stelle

    Ma l'amore... sì (2006)

    locandina di Ma l'amore... sì
    Recensione

    Una sceneggiatura che sembra riportare l'Italia e il suo cinema ai tempi di Napoletani a Milano (1953) e di Totò, Peppino e la... malafemmina (1956), ma che non riesce a rinverdire il successo di quei film i quali, al...

    leggi tutto
    sasso67 di sasso67
    5 stelle

    Il mercenario (1968)

    locandina di Il mercenario
    Recensione

    Tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio dei Settanta, ambientare un film western in Messico significava parlare della rivoluzione. I western d'ambientazione statunitense mostravano generalmente personaggi intenti a...

    leggi tutto
    Utile per 1 utenti
    sasso67 di sasso67
    5 stelle

    Rio Conchos (1964)

    locandina di Rio Conchos
    Recensione

    Western che all'epoca fu definito inusuale, ma che oggi stenta a palesare tutta la sua carica innovativa, messa in mostra ai tempi della sua uscita. In ogni caso, una prima parte tutto sommato routinaria si apre ad un finale...

    leggi tutto
    Utile per 1 utenti
    sasso67 di sasso67
    7 stelle

    Un anno di scuola (1977)

    locandina di Un anno di scuola
    Recensione

    Tratto da un romanzo, forse autobiografico, di Giani Stuparich, il film di Giraldi è una rievocazione affettuosa di un anno di scuola, l'ultimo di liceo ("l'ottava ginnasiale") in una Trieste ancora per poco sbocco...

    leggi tutto
    sasso67 di sasso67
    4 stelle

    L'amore ritorna (2004)

    locandina di L'amore ritorna
    Recensione

    Ha provato a fare un suo personalissimo Otto e mezzo perfino Massimo Ceccherini (con Faccia di Picasso), vogliamo forse negare la stessa opportunità a Sergio Rubini, che peraltro con Fellini ha anche lavorato, seppure...

    leggi tutto
    Utile per 1 utenti
    sasso67 di sasso67
    4 stelle

    Amorfù (2003)

    locandina di Amorfù
    Recensione

    Film sui matti o sugli psichiatri? O forse sul perché - è un luogo comune, lo riconosco - gli psichiatri appaiono così simili ai loro pazienti? A parte le buone intenzioni, a parte anche la buona prova...

    leggi tutto
    Utile per 3 utenti
    sasso67 di sasso67
    4 stelle

    Alza la testa (2009)

    locandina di Alza la testa
    Recensione

    Alza la testa - titolo che deriva da un'espressione del gergo pugilistico - è una prova di bravura di Sergio Castellitto. Partita vinta, in questo senso, anche se il film di Angelini, già autore di L'aria salata,...

    leggi tutto
    Utile per 1 utenti
    sasso67 di sasso67
    6 stelle

    Al primo soffio di vento (2002)

    locandina di Al primo soffio di vento
    Recensione

    Al primo soffio di vento è un film molto piavoliano, nel senso che si incastra perfettamente nel solco del Pianeta azzurro. Rispetto all'opera d'esordio Piavoli sembra incentrare maggiormente l'attenzione sugli esseri...

    leggi tutto
    Utile per 2 utenti
    sasso67 di sasso67
    6 stelle

    We Can't Go Home Again (1976)

    locandina di We Can't Go Home Again
    Recensione

    In questo film stranissimo, scomparso e poi tornato alla luce, Nicholas Ray sembra volere a tutti i costi dimostrare la discontinuità con il proprio passato hollywoodiano con il quale viene identificato anche dalle...

    leggi tutto
    Utile per 3 utenti
    sasso67 di sasso67
    7 stelle

    Funny Games (2007)

    locandina di Funny Games
    Recensione

    Cinema della crudeltà, che illustra - non spiega - la presenza del Male, il suo assurdo e incomprensibile manifestarsi nel mondo. Non c'è alcuna novità rispetto al film tedesco del 1997: stesso regista e...

    leggi tutto
    Utile per 2 utenti
    sasso67 di sasso67
    9 stelle

    Viviane (2014)

    locandina di Viviane
    Recensione

    Coloro che pensano che la giustizia in Italia sia lenta e lacunosa dovrebbero vedere questo film. Coloro che pensano che il fanatismo sia tipico dei musulmani e quindi dei Palestinesi e che invece Israele sia un paese...

    leggi tutto
    sasso67 di sasso67
    9 stelle

    Il giovane favoloso (2014)

    locandina di Il giovane favoloso
    Recensione

    È raro che si riesca a fare un film poetico su un poeta, ma Martone in questo caso ci è riuscito. E non è che non si sia mai tentato: è che spesso non si è riusciti ad evitare il rischio di...

    leggi tutto
    Utile per 3 utenti

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito