Trama

Il racconto della formazione di una diciassettenne francese - dalla comparsa del desiderio sessuale alla sua prima volta, dall'esplorazione dell'amore alla ricerca di un'identità propria - si sviluppa attraverso il corso di quattro stagioni e quattro canzoni.

Approfondimento

GIOVANE E BELLA: PROSTITUIRSI PER PIACERE A 17 ANNI

Giovane e bella nasce dal desiderio del regista François Ozon di tornare a dirigere, dopo Nella casa, attori molto giovani per raccontare la gioventù del Duemila. Poiché i protagonisti di Nella casa erano due giovani maschi, Ozon sceglie questa volta di seguire Isabelle, una diciassettenne che scopre le trasformazioni a cui va incontro il suo corpo, interpretata dalla giovane modella Marine Vacth. Tali trasformazioni in lei, però, sono fonte di un periodo di sofferenza e sbalzi sia umorali che ormonali, sbalzi che la spingono sulla via della prostituzione e testano i suoi limiti. La scelta di Isabelle, appartenente a una famiglia agiata, non è dettata da contingenze materiali o dal bisogno di sopravvivere alla povertà ma dal desiderio di esplorare la sessualità e di confrontarsi con la sua assenza di emozioni, anche nel momento in cui perde la verginità. Il suo modo di agire diventa presto rituale (reclutamento dei clienti su internet, negoziazione del prezzo e incontro) ma le prestazioni avvengono spesso in luoghi inusuali come le scale di una metropolitana o il corridoio di un albergo con clienti a cui Isabelle si adatta senza alcun problema, dato che il suo scopo è quello di dare piacere agli altri.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Con un padre assente, la diciassettenne Isabelle ha un rapporto abbastanza insolito con la madre Nathalie, #interpretata dall'attrice Géraldine Pailhas#. Donna modernissima e ancora giovane e bella, Nathalie per Isabelle è più un'amica che una madre tanto che, avendola colpita con uno schiaffo dopo aver scoperto che si prostituisce, non esita a scusarsi immediatamente per la natura compulsiva del suo atto.

Tra i tanti clienti che Isabelle frequenta, ce n'è solo uno con cui stringe un legame meno superficiale. Si tratta di Georges (interpretato da Johan Leysen), con cui - nonostante la forte differenza di età - gli incontri non sono meccanici come gli altri. Georges è però un uomo sposato e la moglie, l'unica persona che capisce Isabelle senza giudicarla, è interpretata da Charlotte Rampling.
Ad interpretare infine lo psichiatra con cui Isabelle ha un colloquio/visita che vuol pagare con i soldi che guadagna come prostituta è il vero psichiatra Serge Hefez, che ha fornito anche la sua consulenza per il film.

4 STAGIONI E 4 CANZONI

Con il suo comportamento, Isabelle scatena forti ripercussioni in chi la circonda, provocandone reazioni viscerali. Per capire il punto di vista di chi le sta intorno, Ozon ha scelto di seguire la sua protagonista nell'arco di quattro stagioni e di far aprire ogni stagione con il punto di vista di un personaggio differente: l'estate restituisce lo sguardo del fratello di Isabelle, l'autunno quello di un suo cliente, l'inverno quello della madre e la primavera quello del suo patrigno. Ogni stagione è inoltre rappresentata da una canzone diversa di Françoise Hardy, con temi come il cuore spezzato, le delusioni e le storie d'amore, in netto contrasto con gli atteggiamenti (spesso grezzi) di Isabelle.
Giovane e bella contiene anche una scena, realizzata con la tecnica del documentario, in cui Isabelle e un gruppo di coetanei studenti leggono la poesia A diciassette anni non si può essere seri di Arthur Rimbaud.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Ozon scardina col sorriso il punto di vista del recente cinema francese, perennemente in bilico fra voyeurismo e moralismo, sul fenomeno della prostituzione giovanile (vedi "Student Services" e "Elles"). Il suo scandalo non è nella pelle esposta della meravigliosa Marine Vacth, ma nello sguardo ironico e limpido sul suo vendersi. Ozon si prende gioco, con classe, della madre che non trova il bandolo della matassa, della prurigine negli occhi del patrigno, dello sconcerto del fidanzato inutile, dello spettatore che cerchi un prezzo da pagare per il comportamento “anormale”. E scrive i quattro atti di un romanzo di formazione ardito e coerente, senza malizia né furbizia.

Commenti (2) vedi tutti

  • Ozon ha il merito di non dare giudizi, piuttosto di stimolarci nella riflessione e si diverte a mostrarci un corpo così bello e attraente. Egli divide la storia in quattro parti come le quattro stagioni che attraversa, ognuna delle quali dominata da una canzone della celebre cantante degli anni ’60/70 Françoise Hardy.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Giovane e zoccola…storia di una puttanella diciasettenne. Non scandalizza, non fa riflettere (dialoghi a neuroni zero), non se ne capisce il senso. Bravi gli interpreti.

    commento di Tex Murphy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Giovane e bella, più che sollevare interrogativi sulle dinamiche di crescita delle nuove generazioni è un acritico e compassionevole atto d’amore nei loro confronti. La storia può ricordare Questa è la mia vita,  di Godard, ma non contiene elementi strutturali di una sottesa conflittualità ideologica, anzi la diciassettenne  studentessa Isabelle che si prostituisce, ha tutto ciò che... leggi tutto

13 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
7 stelle

Opera che arriva subito dopo quella che probabilmente è la migliore performance di Francois Ozon (“Nella casa”, 2013), non ripetendo in toto il “miracolo”, ma regalando comunque qualcosa d’importante per cui meravigliarsi (positivamente), ovvero la descrizione della sua protagonista che trova una personale, ed universale, collocazione. Durante le vacanze... leggi tutto

14 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

reiner di reiner
4 stelle

La protagonista è davvvero giovane e bella. Peccato sia espressiva come un cactus. La storia è talmente banale e prevedibile che dopo i primi 10 minuti vedi solo la protagonista giovane e bella, specie nelle ragionevoli nudità che per fortuna offre durante tutto il film. La recitazione è pateticamente dilettantesca, le musiche della colonna sonora insopportabili, i... leggi tutto

1 recensioni negative

Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 18 maggio 2016 in Dvd a 6,99€
Acquista

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Opera che arriva subito dopo quella che probabilmente è la migliore performance di Francois Ozon (“Nella casa”, 2013), non ripetendo in toto il “miracolo”, ma regalando comunque qualcosa d’importante per cui meravigliarsi (positivamente), ovvero la descrizione della sua protagonista che trova una personale, ed universale, collocazione. Durante le vacanze...

leggi tutto

Film sulla prostituzione

boychick di boychick

I film possono essere visti come passatempo, per divertire, per sognare.... ma possono essere anche guardati per riflettere su alcuni gravi problemi presenti al Mondo ancora oggi. Sì proprio oggi. Nel 2016....

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Lehava di Lehava
5 stelle

  “.... visione della protagonista e dell'adolescenza che rifiuta ogni sentimentalismo. È un mistero insondabile, che il regista ritiene sia stato e sia troppo idealizzato, con in sé qualcosa di ineluttabilmente brutale, di certo privo di ogni simpatia. (Paolo d'Agostino "La Repubblica")   Ci sono film che ci risultano scomodi, da un punto di vista strettamente...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

TOP TEN 2013

ed wood di ed wood

I miei preferiti del 2013 (in realtà sono 9, quindi sarebbe una Top Nine). Me ne mancano parecchi, che conto di vedere prima possibile (La vita di Adele, Il caso Kerenes etc...). Così, ad occhio, mi...

leggi tutto

Recensione

giorgiobarbarotta di giorgiobarbarotta
6 stelle

Dietro a un titolo che fin da subito suona algido e provocatorio, si nasconde un concetto che comunque corrisponde al vero: uno sguardo semplice, di superficie, inconsapevole, in divenire, acritico e apatico su se stessi e sul mondo. Verrebbe da dire persino arreso. Storia di smarrimento e di rinuncia. Nell'anno in cui La vita di Adele incarna sentimento e passione, il cinema francese sforna...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Uscito nelle sale italiane il 4 novembre 2013

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

Giovane e bella, più che sollevare interrogativi sulle dinamiche di crescita delle nuove generazioni è un acritico e compassionevole atto d’amore nei loro confronti. La storia può ricordare Questa è la mia vita,  di Godard, ma non contiene elementi strutturali di una sottesa conflittualità ideologica, anzi la diciassettenne  studentessa Isabelle che si prostituisce, ha tutto ciò che...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Puttane

Redazione di Redazione

Niente eufemismi pietosi. Per identificare la professione più antica del mondo - quella che forse vanta anche il maggior numero di appellativi (volgari e non) - meglio andare dritti. Lo ha fatto Ken Russel, non...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito