Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Natale 2004. Maria e Henry si trovano in vacanza insieme ai tre figli nelle paradisiache spiagge della Thailandia. Mentre si riprendono ai bordi della piscina dalla notte di festeggiamenti appena trascorsa, la famiglia è costretta a fare i conti con lo tsunami, una montagna d’acqua che invade ogni cosa, trascinando via tutto ciò che incontra. Durante la loro lotta per la sopravvivenza, si accorgeranno di come la popolazione locale, nonostante il dolore e la disperazione, abbia conservato il coraggio, la gentilezza e la compassione che da sempre la caratterizza.

    Approfondimento

    THE IMPOSSIBLE: LO TSUNAMI DEL 26 DICEMBRE 2004

    Il 26 dicembre 2004, alle 7:58 locali, si verifica un terremoto con epicentro al largo della costa occidentale di Sumatra (Indonesia) a una profondità di 30 chilometri sotto il livello del mare. Si tratta del secondo terremoto per grado di intensità (9.15 gradi Richter) da quando esistono scale per la misurazione e del più lungo in termini di durata (tra gli 8 e i 10 minuti) dopo quello che si è verificato nel 1960 a Valdivia, in Cile. Fino a quel giorno, tutti i terremoti superiori ai 9 gradi avevano generato tsunami nell'Oceano Pacifico ma nessuno aveva causato un numero così alto di vittime. Quel sisma ha infatti generato la stessa energia devastante di 23 mila bombe atomiche e ha prodotto l'onda più alta mai registrata negli ultimi quaranta anni. Un rapporto realizzato dalle Nazioni Unite stima le vittime in 229.866 unità: 186.983 morti e 42.883 dispersi. I feriti sono stati invece 510 mila mentre oltre 2 milioni di persone di tredici diversi paesi hanno perso le loro abitazioni. Secondo questi dati, lo tsunami indonesiano si qualifica come il nono disastro naturale più letale della storia moderna.

    LA VERA STORIA DI MARIA BELON

    Le immagini dello tsunami che ha colpito la Thailandia arrivarono attraverso la televisione nelle case di tutte le famiglie mentre si era ancora intenti a festeggare il Natale. La vista del mare che divorava la terra e tutto ciò che incontrava e delle persone ancorate sui tetti degli alberghi sono entrate nel subconscio collettivo come qualcosa di surreale. Il confine tra ciò che è naturale e ciò che invece sembra impossibile è stato oltrepassato da un mosaico di orrore e sofferenza collettiva che faceva appello a una delle paure ancestrali dell'umanità, quella della forza devastante della natura contro la quale l'uomo nulla può fare. La storia di Maria Belon, a cui si ispira il personaggio interpretato da Naomi Watts, è venuta alla luce tre anni più tardi quando durante un programma radiofonico che commemorava il terzo anniversario della tragedia Maria ha raccontato quanto vissuto. Quel 26 dicembre Maria si trovava in vacanza a Khao Lak, nella Thailandia meridionale, con il marito Enrique e il tre figli Lucas, Tomas e Simon, quando la sua vacanza paradisiaca si è trasformata in un incubo senza fine.
    The Impossible non è quindi un film sullo tsunami in sé ma è un omaggio a tutte quelle persone che, come Maria, si sono aggrappate alla vita trovando la forza di reagire e opporsi alla "fine". Sono infatti le sue parole ad aver spinto il regista Juan Antonio Bayona a realizzare un film che ha richiesto oltre cinque anni di lavoro e grande impegno da parte dei produttori Apaches Entertainment e Mediaset España.
    Lavorando a stretto contatto con tutti i collaboratori con cui aveva girato The Orphanage, Bayona ha concentrato l'azione su Maria, coinvolgendola nella stesura della sceneggiatura, e sugli individui, puntando più sui dettagli che su quanto già visto nei resoconti e reportage televisivi. Sin dal primo sopralluogo in Thailandia per le riprese, Bayona ha potuto contare anche sull'appoggio dei thailandesi e sui racconti dei sopravvissuti o di coloro che avevano perso qualche familiare o amico. Con il loro aiuto, The Impossible si è trasformato in un'opera il cui messaggio parla dei valori che definiscono gli esseri umani in quanto tali: amore, generosità, cultura e istruzione.
    Alla realizzazione di The Impossible hanno inoltre preso parte quasi 500 persone da ogni parte del mondo mentre le riprese - fisicamente ed emotivamente dure - sono andate avanti per un centinaio di giorni.

    LOTTA PER LA SOPRAVVIVENZA

    Prima dell'arrivo della catastrofica onda, The Impossible non fornisce molti dettagli sulla famiglia protagonista. Era infatti intenzione di Bayona quella di ritrarre la famiglia come una tela bianca in cui ogni spettatore poteva riconoscersi. L'onda arriva molto presto e cinematograficamente annulla ogni tentativo di identificazione in pochi secondi, così come nella realtà ha annullato molte vite da un istante all'altro. Da quel momento, il cammino dei personaggi prende strade diverse che permettono di approfondirne ogni aspetto dell'umanità. La tragedia accade talmente in fretta che nessuno ha il tempo di fermarsi a pensare e in The Impossible non c'è spazio per la riflessione: la parte inerente a Maria e al figlio Lucas (interpretati da Naomi Watts e Tom Holland) ha in pratica toni molto più bruschi di quella della ricerca di Henry (Ewan McGregor). Maria e Lucas hanno vissuto sulla loro pelle lo shock immediato della tragedia e ciò si riflette in ogni loro azione mentre Henry, che appare più rilassato, ha avuto il tempo di cominciare a pensare sul da farsi.

    Nessun personaggio di The Impossible è raccontato come un eroe ma in Maria ci sono alcuni tratti e comportamenti che la denotano come tale. C'è soprattutto una scena che ne mette in evidenza il profondo amore e la generosità verso il prossimo: il momento in cui, nonostante i pericoli che può comportare, convince il figlio Lucas della necessità di salvare un bambino che da lontano chiede aiuto.

    L'obiettivo principale di Bayona più che la spettacolarità o la fedeltà realistica è stata la credibilità della storia, non limitandosi ai soli fatti avvenuti ma entrando nella testa dei personaggi per far provare allo spettatore pensieri, paure e sentimenti che questi hanno sperimentato e vissuto. The Impossible ricrea lo tsunami per fornire spunti di discussione anche sulla condizione umana e sul modo in cui ci si relaziona di fronte alla perdita di una persona cara e di tutte le certezze di vita, situazione in cui si annulla ogni differenza sociale o culturale.

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Con una bella prova di regia The Impossible alterna virtuosismi alla macchina da presa con immagini di grande impatto, per poi penetrare nell’animo di un piccolo nucleo d’umanità che resiste a qualcosa di enorme, ineluttabile, potente. L'opera di Bayona, senza forzare alcuna situazione, ti porta nel cinema vero fatto di suspense e sentimenti.

    Commenti (3) vedi tutti

    • Impeccabile da un punto di vista strettamente tecnico e visivo, lascia qualche perplessità su quello etico, presentando il dramma privato di una famiglia occidentale come l'unico che davvero conti quando invece tutt'intorno è comunque morte e distruzione.

      leggi la recensione completa di marcopolo30
    • Voto al film :  4

      commento di ripley77
    • non male ma si poteva fare di meglio ,pero'  la trama anche se prevedibile incolla alla sedia

      commento di danandre67
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è sufficiente

    bufera di bufera
    6 stelle

    THE IMPOSSIBLE è un disaster movie che lascia un po’di spazio anche al pensiero e che si basa sulla  storia vera di una famiglia di cinque persone, genitori e tre bambini, che si è trovata realmente  coinvolta da uno tsunami trai più violenti avvenuti nella storia, nel  2004, in Indonesia. Il regista Juan Antonio Bayona oltre a mostrare con grande perizia scene impressionanti della... leggi tutto

    14 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle positive

    Lord Holy di Lord Holy
    10 stelle

    L'ispirazione è la storia vera di María Belón e della sua famiglia, vissuta nella terribile esperienza dello tsunami del 2004. Ella collaborò a lungo con lo sceneggiatore, dunque si suppone (e in effetti è pure tangibile) una certa aderenza al reale. Sì, cambia la nazionalità dei personaggi, i quali sono inglesi e scozzesi anziché spagnoli. Ma non bisogna dimenticare che la... leggi tutto

    16 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    bradipo68 di bradipo68
    4 stelle

    Dicembre 2004: Henry e Maria con i loro tre figli , Lucas, Thomas e Simon si prendono una breve vacanza natalizia e vanno in Thailandia in un resort di lusso in cui il relax è totale. C'è qualche preoccupazione per il lavoro ( la famiglia risiede in Giappone per il lavoro di Henry ) ma l'atmosfera di festa è tale che ogni pensiero scompare. Fino a quella terribile mattina del 26 dicembre in... leggi tutto

    2 recensioni negative

    Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Il meglio del 2015

    2015

    Recensione

    marcopolo30 di marcopolo30
    6 stelle

    Juan Antonio Bayona è un regista spagnolo la cui abilità più grande risiede secondo me nel vendere bene le proprie idee. Già con “The Orphanage”, una decina di anni fa, era riuscito a farsi distribuire (almeno in patria) con tali e tanti squilli di trombe da risultare campione d'incassi. Questa volta, ampliato enormemente il budget a disposizione e...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 4 utenti

    Il meglio del 2014

    2014

    Recensione

    Stuntman Miglio di Stuntman Miglio
    6 stelle

    “Chiudi gli occhi e pensa a qualcosa di bello.” L’incubo però arriva al risveglio. Un’inarrestabile valanga d’acqua che tutto travolge, seminando orrore e disperazione. Tsunami che torna sullo schermo in tutta la sua furia distruttrice dopo la buona sequenza introduttiva di “Hereafter”. Ma se nel film di Eastwood la rappresentazione non era altro che un pretesto narrativo per...

    leggi tutto

    Disponibile dal 2 gennaio 2014 in Dvd a 9,49€

    Acquista

    Il meglio del 2013

    2013

    Best Of 2012-13 (Cinema)

    Gangs 87 di Gangs 87

    Premessa: la MIA stagione cinematografica va da settembre a maggio. Qui di seguito i film più belli, che ho visto al cinema, nella passata stagione cinematografica. Quelli che mi hanno fatto emozionare e quelli che...

    leggi tutto
    Playlist

    Recensione

    bufera di bufera
    6 stelle

    THE IMPOSSIBLE è un disaster movie che lascia un po’di spazio anche al pensiero e che si basa sulla  storia vera di una famiglia di cinque persone, genitori e tre bambini, che si è trovata realmente  coinvolta da uno tsunami trai più violenti avvenuti nella storia, nel  2004, in Indonesia. Il regista Juan Antonio Bayona oltre a mostrare con grande perizia scene impressionanti della...

    leggi tutto

    Uscito nelle sale italiane il 28 gennaio 2013

    Il meglio del 2012

    2012

    Il meglio del 2000

    2000
    The Impossible valutazione media: 6.5 32 recensioni del pubblico.

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito