Glory - Non c'è tempo per gli onesti

Trama

Petrov è un ferroviere che trova milioni di leva bulgari in contanti sui binari. Decide di portare l'intera somma alla polizia e lo Stato lo premia con un nuovo orologio da polso, che ben presto smette di funzionare. Nel frattempo, Julia Staykova, a capo dell'ufficio di pubbliche relazioni del Ministero dei trasporti, perde il vecchio orologio di Petrov. Ha inizio così per l'uomo una disperata lotta per avere indietro l'orologio ma anche la sua dignità.

Commenti (1) vedi tutti

  • L'epopea tragicomica e grottesca di un solitario manutentore di binari balbuziente che sceglie, a sue spese, la via della legalità sfidando, in modo impari, i tentacoli di uno stato burocrate e corrotto. Con atmosfere sterzanti che ricordano il sarcasmo del cinema di Petri

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Un solitario ferroviere, afflitto da una acuta forma di balbuzie che lo isola quasi completamente dai rapporti umani con l'ambiente circostante, durante una sua azione di manutenzione di routine sui binari, scorge come al solito alcuni suoi colleghi intenti a derubare gasolio da un locomotore per rivenderlo, fa uma scoperya sensazionale. Ma soprattutto trova, poco più avanti, sui... leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

cinerubik di cinerubik
stelle

      Validissima co-produzione Franco-greco-bulgara a metafora di come il potere utilizza le persone a scopo propagandistico abbandonandole poi come rifiuti per non doverne soddisfare le esigenze. Tsanko Petrov è un manutentore delle ferrovie di Stato che sopravvive con un misero salario e che, a causa di una marcatissima balbuzie, fatica a interlacciare... leggi tutto

1 recensioni negative

Recensione

cinerubik di cinerubik
stelle

      Validissima co-produzione Franco-greco-bulgara a metafora di come il potere utilizza le persone a scopo propagandistico abbandonandole poi come rifiuti per non doverne soddisfare le esigenze. Tsanko Petrov è un manutentore delle ferrovie di Stato che sopravvive con un misero salario e che, a causa di una marcatissima balbuzie, fatica a interlacciare...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Tzanko (Denolyubov), un ferroviere bulgaro, balbuziente e decisamente male in arnese, trova casualmente sulle rotaie una grandissima quantità di denaro, fuoriuscita da chissà dove. Senza neppure esitare, ne informa le autorità. Per questo gesto di encomiabile onestà viene ricompensato pubblicamente dal ministro dei trasporti, che gli regala un orologio. Per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Tex61 di Tex61
10 stelle

  Prendi una sceneggiatura impeccabile, un montaggio perfetto, due attori al top (una menzione particolare al protagonista), dei costi di realizzazione ridicoli (se pensiamo ad alcune mega-produzioni), una regia asciutta e senza sbavature (due soli esempi: l’efficacia delle riprese della sbornia di Julia è da manuale, ugualmente la tensione emotiva di Tzarko che deve...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 18 settembre 2017
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Un solitario ferroviere, afflitto da una acuta forma di balbuzie che lo isola quasi completamente dai rapporti umani con l'ambiente circostante, durante una sua azione di manutenzione di routine sui binari, scorge come al solito alcuni suoi colleghi intenti a derubare gasolio da un locomotore per rivenderlo, fa uma scoperya sensazionale. Ma soprattutto trova, poco più avanti, sui...

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

nickoftime di nickoftime
8 stelle

Locarno 69. Sappiamo che i conti si fanno solo alla fine, ma se l'inizio fosse indicativo delle scelte operate in fase di selezione uno dei temi forti di questa edizione del Festival di Locarno potrebbe essere la ritrovata centralità della narrazione, considerata non solo nelle sue funzioni affabulatorie, ma anche nella capacità di rappresentare il comune denominatore di opposti...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito