Espandi menu

    The Rover

    Regia di David Michôd vedi scheda film

    Note di produzione

    Note di produzione

    THE ROVER: LE CONSEGUENZE DEL COLLASSO ECONOMICO IN UN FUTURO PROSSIMO

    Diretto da David Michôd e basato su una storia scritta dallo stesso regista in coppia con Joel Edgerton, The Rover è ambientato in Australia dieci anni dopo il crollo dell'economia occidentale, in un contesto in cui le miniere sono ancora attive e hanno attirato gli uomini più disperati e pericolosi e in cui la sopravvivenza è una lotta quotidiana. Protagonista della vicenda è Eric, un vagabondo che si è lasciato tutto alle spalle e che è pieno di rabbia per il furto da parte di una gang della sua auto, l'unica cosa che gli era rimasta. La sua unica possibilità di ritrovare l'auto è data da Rey, uno dei mebri della banda che è stato abbandonato dopo essere stato ferito. Costretti dalle circostanze, i due uomini faranno coppia per un viaggio di cui nessuno avrebbe mai potuto prevedere il risultato.
    Nonostante si svolga in un futuro prossimo, The Rover è nelle intenzioni degli autori un'opera sulla contemporaneità, sulla capacità delle economie occidentali di autodistruggersi a causa della loro stessa avidità e sul cambiamento inevitabile degli equilibri di potere a livello globale. Parlando di tematiche che spaziano dalle brame di potere alla distruzione dell'ambiente passando per i disperati tentativi dell'uomo per non affondare in tale disastrata società, The Rover non è però un film distopico e la situazione descritta, quella di un mondo saccheggiato e vuotato da forze e sistemi del tutto reale, appare plausibile e possibile.
    Come in una sorta di futuristico western, a far da sfondo alla vicenda è l'outback australiano, dove individui di tutto il mondo arrivano per lavorare nelle miniere che alimentano il nuovo ordine mondiale nelle mani dell'Asia: la stessa Australia ha in parte evitato il collasso economico nel 2008 grazie alle esportazioni verso la Cina e la forza della sua industria mineraria.
    Fotografato da Natasha Braier, che ha optato per il formato Super 35, The Rover è stato girato nell'arco di sette settimane (dal 28 gennaio al 16 marzo 2013) nel deserto meridionale dell'Australia, nella catena dei monti Flinders. Tra i vari luoghi che hanno fatto da location, il più importante è la cittadina di Marree, a otto ore di auto da Adelaide e vicina al lago Eyre. Popolata da soli 90 abitanti, Marree è l'ultima frontiera di civiltà prima di arrivare nel deserto e ha ospitato volentieri la troupe di Michôd, mettendo a disposizione della scenografa Josephine Ford le abitazioni e un piccolo albergo.

    THE ROVER: LE FOTO

    The Rover

    I PERSONAGGI PRINCIPALI

    Personaggi principali di The Rover sono due uomi molto diversi tra loro. Il primo, Eric, è un australiano violento ed amareggiato, un ex soldato misantropo che ha perso la sua fattoria e la sua famiglia e che, da antieroe, non desidera altro che riottenere indietro ciò che gli è stato rubato da tre criminali: l'auto con un misterioso sacco. Il secondo, Rey, invece è un semplice e ingenuo giovanotto americano, la cui età non gli permette di ricordare il tempo in cui le cose stavano diversamente. Come molti altri degli individui di The Rover, Rey è arrivato in Australia insieme al fratello maggiore Henry per trovare lavoro nel settore minerario e si è ritrovato ad interagire con cinesi, cambogiani e ovviamente australiani, finendo con il ritrovarsi imbrigliato nelle azioni poco lecite di Henry e dei sue due amici Archie e Caleb.
    Interpretati rispettivamente da Guy Pearce e Robert Pattinson, i due uomini si lanciano all'inseguimento di individui pericolosi, ritrovandosi coinvolti in una serie continua di azione, tensione, pericolo e colpi di scena. Lungo la strada, inoltre, si ritrovano a dover affrontare anche le pieghe della loro confusione emotiva.
    L'attore Scott McNairy interpreta Henry, il fratello maggiore di Rey, mentre il cast principale di The Rover comprende i nomi di David Field (è Archie), di Tawanda Manyimo (è Caleb), e di Gillian Jones, Anthony Hayes e Susan Prior.