Trama

Da piccolo, per vincere la propria solitudine, John ha visto esaudirsi un suo desiderio espresso la notte di Natale e Ted, il suo orsacchiotto di peluche, ha acquisito il dono della parola, diventando così il suo più fedele e sincero amico. Dopo 25 anni, Ted è ancora accanto a John ma ha cambiato totalmente carattere: è irriverente, sregolato, non ha peli sulla lingua e, soprattutto, non sopporta le donne che circondano il suo amico umano, tanto che non esita a far di tutto pur di mettere i bastoni tra le ruote a lui e alla nuova fidanzata Lori.

Approfondimento

DAL PAPÀ DELLA FAMIGLIA GRIFFIN

Il nome del regista Seth MacFarlane è legato ad alcuni irriverenti show televisivi, è infatti dal suo estro creativo che sono nate le irriverenti serie animate I Griffin, American Dad e The Cleveland Show. Al suo esordio cinematografico, rimanendo fedele al suo umorismo spinto, con Ted - pensato in un primo momento come nuova serie animata - ha scelto di raccontare la storia di John Bennett, un uomo adulto che, frustato da una carriera lavorativa che non decolla, continua a coltivare il desiderio infantile di non separarsi dal suo caro orsetto di peluche. Ted però non è un pupazzo qualsiasi: grazie a un desiderio espresso da John nel Natale del 1985, Ted parla, beve, fuma e, soprattutto, è molto geloso di Lori Collins, la ragazza di cui John si innamora. Oltre che dirigere e dare la voce - nella versione originale - a Ted, Seth McFarlane ha scritto la sceneggiatura del film con Alec Sulkin e Wellesley Wild, suoi compagni di lavoro nella serie I Griffin. Accanto ai protagonisti principali, Mark Wahlberg e Mila Kunis (l'attrice per 13 anni ha doppiato il personaggio di Meg nella versione americana di I Griffin), ha riunito un cast variegato di attori, puntando su Giovanni Ribisi (è Donny, ossessionato da Ted per non aver avuto anche lui da piccolo un orsetto parlante), sul comico tv statunitense Joel McHale e su alcuni degli attori/doppiatori originali dei personaggi di I Griffin (Patrick Warburton, Jessica Barth, John Viener, Alex Borstein, Ralph German e Brett Manley). Insieme a loro, in piccoli camei speciali, vi sono la cantante Norah Jones (già vista al cinema in Un bacio romantico), l'attore Sam Jones nei panni di Flash Gordon (idolo di John e Ted) e Patrick Stewart, a cui è riservata la parte del narratore.

PICCOLE STAR NELL'OBLIO

Dopo aver preso vita grazie al desiderio espresso dal piccolo John, Ted diviene famoso in tutto il mondo e partecipa regolarmente come ospite straordinario ai più popolari talk show televisivi. Con il passare del tempo, però, la sua popolarità scema e ciò determina il cambiamento di carattere: da affabile e divertente, diviene sboccato, cinico e scapestrato, trasmettendo i suoi stati d'animo e le sue pessime abitudini a John. Coltivando da decenni il desiderio di portare l'orsacchiotto sul grande schermo, Seth McFarlane ha aspettato che la tecnologia facesse molti passi in avanti. Desiderava infatti che Ted sembrasse reale e non un pupazzo animato: metaforicamente, l'orsacchiotto è l'immagine di ciò che accade a tutti i bambini sfruttati dallo star system e poi caduti nel dimenticatoio. Come tutti i giovani attori che nessuno più ricorda, anche Ted non ha più niente di speciale e la sua esistenza è divenuta banale e "normale". Accanto all'umorismo vietato ai minori di Ted, McFarlane ha puntato anche sul percorso di formazione e crescita dello scansafatiche John, riservando al personaggio la parte emotiva della storia. L'interazione tra John e Ted è continua e, grazie alle capacità di recitazione (anche fisiche) di Mark Wahlberg, entrambi i personaggi sembrano essere interpretati da attori in carne e ossa.

LUOGHI REALI PER UN PROTAGONISTA CREATO IN 3D

Dopo 15 anni di lavoro nel campo dell'animazione bidimensionale, Seth McFarlane si trova per la prima volta alle prese con un protagonista creato in 3D. Lontano dallo stile usato dalla Pixar o dalla DreamWorks, Ted necessitava di un lavoro che lo rendesse umano in ogni gesto. Gran parte dei movimenti del personaggio sono stati eseguiti da McFarlane stesso con addosso una tuta Moven mentre i rimanenti sono stati rielaborati dal team di effetti speciali. Poiché l'orsacchiotto fa la sua prima comparsa in post produzione, durante le riprese gli attori hanno lavorato con un orso impagliato, che permettesse loro di capire in che direzione sarebbe stato poi posizionato il "vero" Ted, e con un bastone che sosteneva due punti che ne rappresentavano gli occhi. Contemporaneamente, Seth McFarlane provvedeva a recitare le battute del personaggio, in modo da dare autenticità ai dialoghi e dosarne i tempi. Per conferire conformità al film, grazie a particolari fotocamere che permettono di scattare fotografie a 360 gradi, si è catturato tutto ciò che era sulla scena in modo da inserire i dati in un software che avrebbe adattato l'illuminazione e la posizione di ogni oggetto al pupazzo in 3D.

Ambientato a Boston, Ted presenta un contesto d'azione reale, in cui è normale che un orsacchiotto cammini in mezzo agli esseri umani e parli con loro. Ogni spazio usato è, però, visto con la prospettiva di Ted, compresi l'antico stadio della squadra di baseball dei Boston Red Sox usato per la scena finale (solo la torre d'illuminazione in cui sono arrampicati Donny e Ted è stata ricostruita in studio) e il posto in cui si svolge il concerto di Norah Jones (l'Hatch Shell, sulla spianata di fronte al fiume Charles River, dove di solito hanno luogo le celebrazioni del 4 luglio a Boston).

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Qualcosa nella sceneggiatura va storto al punto che il film, specie nella seconda parte, sembra concedere a John la patente di immaturità ben oltre l’età che viene considerata maggiore. E così facendo sostanzialmente lo legittima. Va da sé quindi che, al di là di qualche battuta ben riuscita, il lavoro di MacFarlane – da spiazzante e irriverente quale voleva essere – risulti piuttosto ridicolo e francamente evitabile. Peccato. Perché l’idea di un teddy bear che sfati tutti gli stereotipi era azzeccata (sebbene l’abbia già utilizzata Man on Fire. Il fuoco della vendetta). Ma risulta inutile se non si ha il coraggio di andare fino in fondo.

Commenti (9) vedi tutti

  • Le aspettative erano molto alte, e sono realizzate in parte. Ci sono momenti veramente molto divertenti, e questo è quello che conta, il tipo di comicità e decisamente quello a marchio "Griffin". 7

    commento di near87
  • Grande successo al botteghino, è scorretto e un po' demenziale, anche se mi aspetto un film un filino migliore.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Non siamo certo di fronte a un capolavoro, lo si guardi dal lato che lo si guardi, ma lo spunto di un peluche sboccato che in ultima analisi incarna il bambino che ciascuno di noi continua a portarsi dentro è sicuramente originale.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Una schifezza totale. Dal trailer mi aspettavo un film spassoso,invece è solo volgare senza un briciolo di originalità.

    commento di Lady1
  • Qualche gag è carina,molto demenziale,però divertente. Anche io voglio Tedd come amico!

    commento di Blue Velvete
  • Molto carina l'idea di base…però il film alterna momenti molto divertenti a momenti davvero demenziali e volgari…

    commento di polpy
  • Una mezza delusione, la trama è di una pochezza disarmante e le battute/situazioni sono si scorrette ed irriverenti ma alla lunga diventano ripetitive e scontate.. In più Mark Wahlberg è tutto a parte un attore comico…

    commento di ultrapaz
  • Un buon film, non da buttare. Battute nei tempi giusti, forse a volte sopra le righe. Nel complesso un film da 2 stellette, non di più.

    commento di HenrySpencer
  • Il film di buon livello, fa ridere, è divertente e si guarda con grande piacere!Certe trovate sono da fuoriclasse.Unico difetto la sala piena di ragazzini.

    commento di srgioia
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

Spunt(in)o di partenza, prelibato ancorché non certo innovativo: un orsetto di peluche, classico compagno di giochi, di fantasie, di paure (i tuoni), di morbidezza e morbidi carezzevoli sogni per i più piccini, si anima entrando a far parte del cosiddetto mondo reale. E come servire tale bizzarro soggetto? Semplice, esiste solo un mo(n)do: quello delle favole. Favola che, inzuppata... leggi tutto

16 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
8 stelle

Pellicola che può vantare un successo incredibile nelle sale cinematografiche di tutto il mondo (550 milioni di dollari incassati a fronte di un budget di appena 50) che si cala con intelligenza/furbizia nel contesto demenziale prendendo formule già collaudate (due amici che combinano un disastro dietro l’altro), cambiando giusto il secondo amico con un orso di peluche... leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

bradipo68 di bradipo68
4 stelle

Ted è la storia di un orsacchiotto di pezza diventato vivo per un incantesimo nella notte di Natale su richiesta di John. Anni dopo vediamo John cresciuto ( ma solo fisicamente) e accanto a lui questo orsacchiotto che lo accompagna per gran parte della giornata, condizionandone pesantemente la relazione con la bellissima Lori insidiata continuamente dal suo capo, bello, danaroso e... leggi tutto

13 recensioni negative

Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

tobanis di tobanis
7 stelle

Avevo due buoni motivi per vedere questo film. Uno, che un film che costa 10 e incassa 100 (esattamente, è costato 50 e ha incassato 500) vale la pena vedere che è e perché c’è stato un tale successo pazzesco. Due, che sapevo fosse un film scorretto – demenziale, con un orsetto di peluche sboccato, che fa uso di alcol, droghe leggere e sesso, e per me,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Disponibile dal 1 giugno 2016 in Dvd a 7,94€
Acquista
Il meglio del 2015
2015

Recensione

atomzombie di atomzombie
6 stelle

    Seth MacFarlane è un nome ormai noto a tutti, soprattutto negli States, dove la sua ironia folle e dissacrante ha conquistato milioni e milioni di persone. Nel 2012 tenta la strada del lungometraggio e lo fa con un soggetto di base che poteva davvero imporsi a voce alta nel panorama della commedia comica. Purtroppo il regista statunitense non centra in pieno il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Paul Hackett di Paul Hackett
5 stelle

Natale del 1985, lo sfigato e solitario John Bennett, di otto anni, riceve in regalo l'orsacchiotto Ted ed esprime il desiderio, subito esaudito, che l'animale di peluche prenda vita. Ventisette anni dopo, i due sono ancora amici per la pelle, bambinoni perdigiorno dediti a droghe e feste scatenate... ma un adulto che passa le sue giornate con un orsetto rischia di farsi sfuggire la donna...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Pellicola che può vantare un successo incredibile nelle sale cinematografiche di tutto il mondo (550 milioni di dollari incassati a fronte di un budget di appena 50) che si cala con intelligenza/furbizia nel contesto demenziale prendendo formule già collaudate (due amici che combinano un disastro dietro l’altro), cambiando giusto il secondo amico con un orso di peluche...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2012
2012

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

Spunt(in)o di partenza, prelibato ancorché non certo innovativo: un orsetto di peluche, classico compagno di giochi, di fantasie, di paure (i tuoni), di morbidezza e morbidi carezzevoli sogni per i più piccini, si anima entrando a far parte del cosiddetto mondo reale. E come servire tale bizzarro soggetto? Semplice, esiste solo un mo(n)do: quello delle favole. Favola che, inzuppata...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 1 ottobre 2012
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito