Trama

Maria inizia a lavorare in un macello di Budapest come supervisore ma ben presto cominciano a susseguirsi i pettegolezzi sul suo conto. A pranzo sceglie sempre di stare seduta da sola ed è ligia al suo dovere, attenendosi strettamente alle regole. Il suo mondo è fatto di figure e dati impressi nella sua memoria fin dalla prima infanzia. Endre, il suo capo, è un tipo tranquillo. I due lentamente iniziano a conoscersi. Veri spiriti affini, si stupiscono di fare anche gli stessi sogni di notte. Con cautela, tenteranno di far divenire i sogni realtà.

Approfondimento

ON BODY AND SOUL: UNITI DAGLI STESSI SOGNI DI NOTTE

Diretto e scritto da Ildikó Enyedi, On Body and Soul racconta l'insolita storia d'amore tra Maria ed Endre in ambiente insolito come quello di un mattatoio industriale. Tutto ha inizio con l'arrivo di Maria, ispettore inviato dalle autorità, nella struttura: i suoi modi fanno nascere qualche sospetto nel direttore Endre, che in un primo momento pensa che lei sia troppo dura, formale e legata a degli standard da seguire sia in campo professionale sia in campo privato. Durante i colloqui aziendali di routine, una psicologa scopre che sia Maria sia Endre fanno sogni uguali ricorrenti. I due sono imbarazzati dalla circostanza, dal momento che al di là del lavoro non hanno alcun tipo di contatto. Il giorno dopo, i due si confrontano nuovamente e realizzano ancora una volta di aver fatto lo stesso sogno, ovvero hanno sognato due cervi che si amano delicatamente in un tranquillo bosco innevato. Accettando la strana coincidenza, non possono ignorare ciò che accade durante il sonno ma non è detto che per i due sia facile ricreare in pieno giorno quell'armonioso rapporto che condividono nelle loro notti solitarie.

Con la direzione della fotografia di Máté Herbai, le scenografie di Imola Láng, i costumi di Judit Sinkovics e le musiche di Adam Balasz, On Body and Soul viene così raccontato dalla scrittrice in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2017: "Come accade per ogni mio film, la storia è arrivata solo alla fine. Ho iniziato a lavorare sulla sceneggiatura con il forte desiderio di condividere il mio punto di vista sulla condizione umana e su come viviamo le nostre vite. Desideravo anche mostrare un'appassionata storia d'amore nella maniera meno appassionata che vi fosse. Ho letto allora molte poesie (la poesia è il mio personale rifugio) e il vero punto di partenza per On Body and Soul sono state quattro righe di una poesia della poetessa ungherese Agnes Nemes Nagy. Sono una persona piuttosto solitaria e so cosa si possa nascondere dietro una superficie placida e grigia: quanto dolore, desiderio o passione... Camminando per la strada, osservo il volto delle persone e sono consapevole come, anche dietro anche al più noioso o goffo, si nasconda qualcosa di meraviglioso. In qualche modo, ho voluto condividere tale sensazione: all'apparenza, niente di speciale... ma in profondità, ragazzi miei, c'è molto e molto altro ancora.

L'idea per la trama è poi arrivata da sola improvvisamente: cosa accadrebbe se un giorno incontrassimo qualcuno che di notte sogna le nostre stesse cose? Cosa faremmo? Ne saremmo entusiasti o spaventati? Lo troveremmo divertente, invadente o romantico? Vorremmo approfondire la conoscenza e aprire il nostro cuore all'altro? E se non sapessimo come trattare le nostre emozioni? E se ciò che ne consegue non rispetta le aspettative che nel frattempo ci siamo creati? Ogni risposta, ovviamente, genera ulteriori domande... ma si arriva a un punto in cui ci sono una domanda e una risposta definitive".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere On Body and Soul è la regista ungherese Ildikó Enyedi, il cui film d'esordio - Il mio XX secolo - ha vinto la Camera d'Or al Festival di Cannes ed è stato scelto come uno dei migliori 12 film ungheresi di tutti i tempi, oltre ad avere racimolato molti altri premi in giro per il mondo sia per la regia... Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
locandina
Foto
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito