Trama

Un uomo abbandonato su un'isola deserta cerca di disperatamente di fuggire. Un giorno, però, incontra una strana tartaruga che cambierà per sempre il resto della sua vita.

Approfondimento

LA TARTARUGA ROSSA: IL MISTERO DELLA VITA

Diretto da Michael Dudok de Wit e sceneggiato dallo stesso con Pascale Ferran, La tartaruga rossa racconta le tappe della vita dell'essere umano attraverso la storia di un naufrago che finisce su un'isola tropicale popolata da tartarughe, granchi e uccelli. Film d'animazione quasi senza dialoghi, La tartaruga rossa conta sulla produzione artistica di Isao Takahata, animatore e regista giapponese fondatore insieme a Hayao Miyazaki nel 1985 del leggendario Studio Ghibli.

Come ha modo di raccontare lo stesso Michael Dudok de Wit, la conoscenza con Takahata risale al 2004: «Ero un componente della giuria dell'Hiroshima Festival 2004 quando ho conosciuto Isao Takahata. Abbiamo scambiato qualche parola: Takahata parlava un po' di francese ma sono stato sorpreso dal vederlo arrivare qualche tempo dopo con un traduttore al Festival di Seoul, dove tenevo un seminario per gli studenti. Ho pensato che fosse lì solo per un semplice salito... invece, è rimasto per l'intera conferenza, avendo forse già in mente un progetto di collaborazione. A sorprendermi maggiormente è stata poi la ricezione di un'inaspettata email da Tokyo nel novembre del 2006.

La lettera conteneva due richieste. Nella prima, il Ghibli Museum mi chiedeva il permesso di distribuire il mio cortometraggio Father and Daughter in Giappone. Nella seconda, invece, mi si chiedeva se ero interessato a collaborare con lo studio nello sviluppo di un mio lungometraggio. Fino a quel momento non avevo pensato di realizzare mai un lungometraggio: in molti mi avevano promesso mari e monti ma ero stato sempre deluso dai loro passi indietro. Con lo Studio Ghibli è andata in maniera differente. Mi hanno lasciato lavorare sotto la legge francese che rispetta i film d'autore. Mi hanno dato diversi mesi per scrivere la sceneggiatura. Mi è allora venuta in mente l'idea di un uomo su un'isola deserta, un tema che in quel momento era molto ricorrente in televisione ma mi affascinava l'archetipo.

Non volevo però raccontare la storia di come si sopravvive, come è stato fatto tante altre volte. Per strutturare il racconto, ho trascorso qualche tempo su una delle piccole isole delle Seychelles. Nel paradiso delle vacanze di lusso, ho optato per una scelta semplicissima vivendo a contatto con i locali per dieci giorni. Il mio scopo era quello di passeggiare da solo, di osservare tutto e di scattare migliaia di fotografie, tenendo in mente un solo punto fermo: evitare l'estetica da brochure. Il mio naufrago, del resto, non doveva amare il posto in cui finiva: doveva necessariamente voler ritornare a casa di fronte a un'isola non proprio accogliente, caratterizzata da pericoli, solitudine estrema, pioggia e insetti.

Al centro di La tartaruga rossa vi sono le aspettative interiori del protagonista., che vive quasi fuori dal tempo. Sull'isola, non c'è né passato né futuro: è come se tutto fosse immobile. Ma parla anche della realtà della morte: l'uomo ha la tendenza a opporsi a essa, la teme e la combatte. Eppure, comprendendo la purezza della vita, capisce che non ha bisogno di opporsi alla morte.

Un altro elemento essenziale di La tartaruga rossa è dato dalla prima apparizione della tartaruga del titolo e dal mistero che la circonda. L'idea di creare una storia con una grande tartaruga è nata molto presto: volevo che nella storia ci fosse una maestosa e rispettata creatura marina. La tartaruga marina è un animale tranquillo e solitario, scompare nelle profondità del mare per lunghi periodi di tempo e trasmette un'impressione quasi di immortalità. La sua presenza dava alla storia il giusto alone di mistero che da sempre accompagna le produzioni dello Studio Ghibli. Naturalmente, il mistero deve essere meraviglioso ma non deve distogliere l'attenzione del pubblico, deve essere gestito in maniera sottile e senza troppe parole. Ecco perché La tartaruga rossa è senza dialoghi... è facile spiegare le cose con le parole ma preferisco farlo in altri modi. Con il comportamento dei personaggi, con la musica e con il montaggio, per esempio. E senza parole anche il suono dei respiri dei personaggi diventa naturalmente molto più espressivo».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (8) vedi tutti

  • realizzazione di prim'ordine, ma la storia non tiene gli 80 minuti. non a caso il regista era specializzato in cortometraggi. la colonna sonora, protagonista, è spesso magniloquente e irrecivibilmente sdolcinata. al confronto gli animatori giapponesi sono più sobri, profondi e inventivi. se diamo 4**** a de Wit, ai maestri quante ne diamo? 14? ;-)

    commento di giovenosta
  • Un film di una forza prorompente che ricorda allo spettatore i veri e autentici valori della vita.

    leggi la recensione completa di canali80
  • Una straordinaria opera di animazione che incanta con le immagini e il linguaggio del corpo delle figure umane senza dialoghi.Metafora della vita in tutte le sue fasi, con un quid di magico legato alla tartaruga marina rossa, commuove e fa riflettere.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Bello, delicato ma convenzionale

    commento di filobus
  • Dolcissima favola marina permeata di genuino sentimento e realismo magico.

    commento di Leo Maltin
  • Un naufragio spinge un unico superstite su di un isola deserta, da cui sarà impossibile allontanarsi, anche a causa di una creatura apparentemente minacciosa e nemica. L'evoluzione della famiglia e la difesa del proprio nucleo contro le avversità di una natura materna ma anche rigorosa, inserite in un film d'animazione struggente e delicato.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • Un film d'animazione che colpisce dritto al cuore e all'anima, trasmettendo pure e semplici emozioni. Con i suoi disegni ed il suo stile spezza il noioso e "serializzato" dualismo Disney/Pixar che ha tanto dominato in questi anni.

    leggi la recensione completa di Bamba007
  • E' un privilegio godere della visione di qualcosa di genuino, puro, incontaminato. "La tartaruga rossa" è semplicemente splendido!

    commento di Genga009
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
9 stelle

   L’olandese Michael Dudok de Wit, illustratore e animatore noto come regista di  cortometraggi  in animazione (per tutti Father and Daughter, Oscar 2001) ,negli anni ha destato l’interesse del maestro giapponese Isao Takahata (del celebre studio Ghibli) fino ad incoraggiarlo a passare al lungometraggio con un soggetto scritto e sceneggiato dal regista... leggi tutto

9 recensioni positive

Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Tetsuo35 di Tetsuo35
7 stelle

Il naufragio su un isola deserta come metafora della vita. Coproduzione internazionale con la presenza tra gli altri dello Studio Ghibli, anche se la cifra stilistica risulta tipicamente francese.       Sembra più di leggere una graphic novel che guardare un film d’animazione, sia per l’assenza totale di dialoghi che per i tempi narrativi decisamente...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

canali80 di canali80
9 stelle

Un film d’animazione che più che a un film assomiglia quasi a un “lungo cortometraggio”, nessun dialogo e poche (ma splendide) musiche, disegni semplici, scarni e poco colorati (ma artisticamente eccezionali) e una manciata di personaggi, il tutto in soli 80 minuti di pellicola. Eppure, l’olandese Michaël Dudok de Wit riesce a riassumere con così...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Disponibile dal 6 luglio 2017 in Dvd a 17,43€
Acquista
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

ethan di ethan
8 stelle

Un uomo, dopo un naufragio, si ritrova su un'isola deserta e, messo da parte un comprensibile scoramento iniziale, costruisce una zattera e tenta di abbandonare l'atollo ma, un tentativo dietro l'altro, trova sempre un'enorme tartaruga rossa che, distruggendo con la sua corazza la rudimentale imbarcazione, gli impedisce di mettere in atto i suoi propositi: la lotta tra uomo e animale si...

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 12 voti
vedi tutti

Recensione

bufera di bufera
9 stelle

   L’olandese Michael Dudok de Wit, illustratore e animatore noto come regista di  cortometraggi  in animazione (per tutti Father and Daughter, Oscar 2001) ,negli anni ha destato l’interesse del maestro giapponese Isao Takahata (del celebre studio Ghibli) fino ad incoraggiarlo a passare al lungometraggio con un soggetto scritto e sceneggiato dal regista...

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Uscito nelle sale italiane il 27 marzo 2017
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

AndrewTelevision01 di AndrewTelevision01
9 stelle

"La Tartaruga Rossa" é un film stupendo! Come sempre, lo Studio Ghibli, assieme ad altre case di produzione francesi, riescono a realizzare film che non puntano tanto al marketing, ma al loro messaggio di fondo. Un uomo si ritrova sperduto su un'isola, tentando più volte di scappare con una zattera, ma si ritrova nel mare una tartaruga rossa. Lui tentà di ucciderla,...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

alan smithee di alan smithee
9 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016 - UN CERTAIN REGARD - PREMIO SPECIALE   The Red Turtle (2016): scena Da una collaborazione con il prezioso e fondamentale Studio Ghibli, ecco a Cannes un delizioso, ma anche serio film di animazione in grado di incantare e persino emozionare con la sua favola esistenziale dai toni e dalle cadenze decisamente appassionanti. La storia di un altro...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Visti

leto di leto

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito