Trama

Siamo nel 1943, sul fronte russo; i tedeschi tentano di resistere all'avanzata sovietica. Il capitano Stransky è un aristocratico, che vorrebbe ottenere la croce di ferro al valor militare senza meritarla. Il valoroso caporale Steiner ostacola i suoi tentativi e per questo viene abbandonato con la sua pattuglia di fronte all'offensiva nemica.

Note

Per Peckinpah gli eroi sono i perdenti, dunque i tedeschi, e il migliore di tutti ha il volto appuntito e l'andatura dinoccolata di James Coburn. La guerra è solo un inferno di carne a brandelli e di nessuna morale: tanto vale morire ridendoci sopra.

Commenti (3) vedi tutti

  • Formidabile l'Intro del Film con la commistione tra la canzoncina per bambini ( Enschen Klein ?) ,le Marce del terzo Reich è gli spari delle armi. Bella la scena dell'incubo di Steiner all'ospedale. Il Rallenty di Peckinpah è un marchio di fabbrica. I grandi attori Mason, Coburn , Schell con la faccia giusta per il 1943. Erano già nati.

    commento di blualberto1966
  • bellissimo film sulla seconda guerra mondiale doveper la prima volta i protagonisti sono i tedeschi, sempre visti come nemici. sicuramente è uno deimigliri titoli girati da Peckinpah.

    commento di Cipolla Colt
  • gran film di guerra con scene spettacolari e di impressionante realismo

    commento di wang yu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Immorale di Immorale
10 stelle

La guerra, secondo Peckinpah, è essenzialmente follia e sangue. La follia di rincorrere a qualsiasi costo una (inutile) onorificenza da appuntarsi sul petto per le sciocche sfilate ochesche di militari impettiti o per continuare la tradizione familiare e non sfigurare nel “Valhalla” eroico dei propri antenati germanici, scalando di conseguenza la gerarchia del Reich. E il... leggi tutto

16 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

luca 94 di luca 94
6 stelle

è forse il primo film a mostrare la guerra per quello che è davvero; una novità visto che siamo nel 1977 e fino ad allora i war movie erano piuttosto simili tra loro. Qui inoltre siamo dalla parte dei tedeschi sul fronte russo nel 1943 e non in battaglie famose, come quella di stalingrado, ma durante la ritirata dalla testa di ponte del Kuban nella Russia meridionale tra tricee, boschi,... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Disponibile dal 15 marzo 2017 in Dvd a 11,47€
Acquista
Trasmesso il 9 febbraio 2017 su Rete 4
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

L'incapacità di Comando

Immorale di Immorale

Conosco un detto, un adagio usato prettamente in ambito militare, spesso utilizzato quando si ha la sfortuna di aver per comandante un incapace: “per fortuna non siamo in guerra”. Ripetuto spesso come un...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Immorale di Immorale
10 stelle

La guerra, secondo Peckinpah, è essenzialmente follia e sangue. La follia di rincorrere a qualsiasi costo una (inutile) onorificenza da appuntarsi sul petto per le sciocche sfilate ochesche di militari impettiti o per continuare la tradizione familiare e non sfigurare nel “Valhalla” eroico dei propri antenati germanici, scalando di conseguenza la gerarchia del Reich. E il...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2012
2012

Recensione

John Nada di John Nada
10 stelle

“Il potere di Peckinpah non è mai stato così reale ... O così brillante!” “Gli uomini in prima linea dell'inferno.” Frasi di lancio originali del film “Era un brutto bastardo. Ma una volta visto il film finito, ti rendevi con ammirazione conto che tutto era giustificabile.” James Coburn su Peckinpah e la lavorazione del film, nell'intervista contenuta nel Blu-ray...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2011
2011

Recensione

sasso67 di sasso67
10 stelle

Secondo me affermare - come fa per esempio Mereghetti - che qui l'uso del ralenti denuncia un atteggiamento compiaciuto nei confronti della guerra significa dire una grossa baggianata, figlia con ogni probabilità di una lettura superficiale del film. Ha ragione, invece, Valerio Caprara, quando parla (nel Castoro su Peckimpah) dei personaggi della Croce di ferro «come immersi in un...

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

bellahenry di bellahenry
8 stelle

nazisti capelloni,con la barba incolta,sporchi,senza nessuna fede nell'ideologia e nel fanatismo e gay?ebbene sì...perchè è così che ce li mostra, forse per la prima volta , il regista  Peckinpah. ci mostra uno dei fronti di guerra più brutti di sempre durante il piu grande conflitto della storia e ce lo mostra con un realismo eccezionale. i soldati sono...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Recensione

hallorann di hallorann
8 stelle

Nel cinema western degli anni ’60 ci sono stati due grandi innovatori del genere che hanno tagliato i ponti con il passato rappresentato principalmente da John Ford e A.Mann e rispondevano ai nomi di Sergio Leone e Sam Peckinpah. Quest’ultimo con SIERRA CHARRIBA e IL MUCCHIO SELVAGGIO ha marcato le distanze dai grandi del passato per la violenza realista e talvolta iperrealista...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2008
2008

La top7 di Sam Peckinpah

belugosi di belugosi

Lungi da me il dimenticare "Cane di paglia", "Sierra Charriba", " Osterman Weekend", tutti titoli imprescindibili (Killer Elite, pur essendo un buon film, è più prescindibile degli altri). Ma potevo inserire solo 7...

leggi tutto

Recensione

will kane di will kane
8 stelle

Se film di guerra doveva essere, poteva essere convenzionale l'apporto di Sam Peckinpah al genere? In tempi di kolossal sulla seconda guerra mondiale ( il robusto fiasco di "Quell'ultimo ponte" è contemporaneo) e di primi lavori sulla guerra del Vietnam, il regista di "Pat Garrett & Billy the Kid" realizzò un film antimilitarista scegliendo di raccontare la Guerra con l'ottica dei tedeschi...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2007
2007

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

A mio parere stilisticamente è il suo film piu'vicino al Mucchio Selvaggio,con un manipolo di valorosi,condannati alla sconfitta in una guerra sporca di trincea,di carne fango e sangue.La vena antimilitarista di Peckinpah è evidentissima,il finale è un solenne sbeffeggiamento delle gerarchie,delle onoreficenze e della guerra nel suo insieme.Coburn conferisce un accento epico al suo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2006
2006

Recensione

sokurov di sokurov
8 stelle

Ingiustamente sottovalutato da alcuni critici, ai quali, evidentemente, ha dato fastidio che Peckinpah abbia messo il dito nella piaga. Una piaga chiamata guerra, organizzata da idioti (la cui madre è sempre incinta, come recita il cartello finale) e fatta fare a povera carne da cannone. La guerra devasta il fisico e soprattutto l'anima, la psiche. Lo stesso protagonista ha paura di ciò...

leggi tutto
Il meglio del 2005
2005
Il meglio del 2004
2004

la vera faccia della guerra

rabdo di rabdo

I film che più hanno saputo mostrare l'essenza e le varie sfaccettature della guerra: in definitiva il cinema al suo meglio, per riflettere su noi stessi

leggi tutto
Playlist

Recensione

ino di ino
8 stelle

Personalmente uno dei miei Peckinpah preferiti, nonstante la critica lo consideri uno dei suoi film meno riusciti. Unico film di guerra del regista è una descrizione rassegnata e pessimista dell'orrore della guerra che trasforma gli uomini in entità meccaniche e amorali. In questo inferno di sangue e di corpi gli eroi perdenti e disillusi (scelta non casuale: i protagonisti sono i tedeschi...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2003
2003
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito