Espandi menu

La voce della luna

Regia di Federico Fellini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 188
  • Post 19
  • Recensioni 1253
  • Playlist 105
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La voce della luna

di steno79
6 stelle

Rivisto dopo moltissimi anni dall'uscita in sala, "La voce della luna" mi sembra uno dei film meno riusciti di Federico Fellini, un film che è divenuto il suo testamento a causa della sua morte improvvisa, ma un testamento non all'altezza di quanto il riminese ci aveva dato nell'arco di quarant'anni di cinema quasi sempre memorabile e unico. Qui Fellini ci propone un altro quadro grottesco che vuole essere una condanna della volgarità dell'Italietta contemporanea, sulla stessa linea di "Ginger e Fred" che però funzionava meglio in virtù di una narrazione meno dispersiva e di personaggi, almeno quelli principali, a cui ci si riusciva ad affezionare. La storia del mite Salvini (all'epoca Fellini certo non poteva pensare all'omonimia con l'attuale capo della Lega nord) e del paranoico prefetto Gonnella (ma Paolo Villaggio è relegato in un ruolo di supporter piuttosto risicato in termini di screen time) procede per quadri staccati, con poca preoccupazione per una trama in senso tradizionale, ma stavolta Fellini inciampa in scenette incongrue che vorrebbero mettere alla berlina i vizi della provincia ma sono prive di mordente, a tratti piuttosto banali come lo spogliarello all'inizio che fa scoppiare una rissa di alcuni giovinastri contro Salvini, oppure il musicista che vive in un loculo del cimitero... Il film dà l'impressione di andare di palo in frasca, con altre parentesi francamente non memorabili come il flashback sul matrimonio fra Angelo Orlando e la moglie che si trasforma in una specie di locomotiva durante un amplesso, parentesi surreale che non regge il confronto con le invenzioni del tempo che fu, così come la galleria di caricature romagnole che vorrebbe rifare in qualche modo "Amarcord" è più scolorita e a tratti noiosa rispetto all'inimitabile prototipo. L'interpretazione di Benigni è uno dei motivi di maggiore interesse del film e gli conferisce almeno in parte quella coesione che altrimenti Fellini sembra rifuggire, e anche Villaggio merita un apprezzamento per una prova a metà fra tragico e comico che arricchisce di ulteriori risonanze l'eterna maschera di Fantozzi; tuttavia, anche il finale con la cattura della luna mi sembra appartenere ad un surrealismo molto volenteroso e in definitiva poco giustificato, così come le sequenze in discoteca mostrano la sostanziale antipatia di Fellini per la generazione giovanile che balla sulle note di Michael Jackson, a cui il regista contrappone un valzer d'altri tempi con un elogio del passato dal timbro piuttosto rancoroso. Figurativamente non mancano sequenze suggestive, soprattutto quelle in notturna, e le musiche di Piovani sono azzeccate nel loro dichiarato omaggio al maestro Rota.

voto 6/10  

Roberto Benigni, Paolo Villaggio

La voce della luna (1989): Roberto Benigni, Paolo Villaggio

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati