Trama

Un attore (Michael Keaton), celebre per aver prestato il volto a un iconico supereroe, sta allestendo una commedia da portare in scena a Broadway. Nei giorni precedenti alla prima, si ritroverà però a fare i conti con il proprio ego, tentando di recuperare i rapporti con la sua famiglia, la carriera e, in un'ultima analisi, anche se stesso.

Approfondimento

BIRDMAN: LE TRIBOLAZIONI DI UN ATTORE

Diretto da Alejandro González Iñárritu e scritto dal regista con Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris e Armando Bo, Birdman è una black comedy che racconta la storia di Riggan Thomson, un attore un tempo famoso per aver interpretato un iconico supereroe, è alle prese con una commedia teatrale da portare in scena a Broadway (What We Talk About When We Talk About Love di Raymond Carver). Nei giorni precedenti alla prima, egli si ritrova a combattere tra fantasia e realtà con il suo ego mentre tenta di recuperare i rapporti logori con il resto della sua famiglia, di riallacciare le fila della sua carriera e di trovar pace con se stesso.

Riggan spera che il nuovo progetto teatrale possa rilanciare il suo astro ormai sulla via del tramonto e che il dramma portato in scena possa finalmente lanciarlo nel novero dei grandi attori, facendo dimenticare il suo successo hollywoodiano legato alla saga dell'invincibile Birdman. Durante le prove dello spettacolo, l'attore coprotagonista si ferisce e, su suggerimento dell'attrice Lesley e su spinta dell'amico produttore Jake, Riggan decide di sostituirlo con Mike Shiner, una vera mina vagante che però assicura grande afflusso di pubblico e interesse della stampa specializzata. Oltre alle prove, Riggan deve fare i conti anche con la fidanzata e coprotagonista Laura, con la figlia (ex tossica) e assistente Sam, con l'ex moglie Sylvia e con la voce 'soprannaturale' di Birdman, che continua a dargli suggerimenti e spinte sul come ritornare in auge.

Con la direzione della fotografia di Emmanuel Lubezki, le scenografie di Kevin Thompson, i costumi di Albert Wolsky e le musiche originali di Antonio Sanchez, Birdman riflette sulla natura effimera del successo e sulle battaglie che un attore ingaggia con il proprio ego, illuso da una notorietà che con il tempo è destinata a svanire. Come moderno don Chisciotte che combatte la disparità delle sue ambizioni solenne costrette a confrontarsi con la realtà ignobile che lo circonda, Riggan ha sempre confuso l'amore con l'ammirazione e solo rendendosi dolorosamente conto di quanto sia effimera la seconda potrà finalmente imparare ad amare gli altri e se stesso.

Come tutti i film di Iñárritu, anche Birdman offre uno sguardo acuto sull'esistenza umana, vista da un manipolo di personaggi tutti legati in qualche modo a Riggan, e si muove tra umorismo e pathos, alternando illusione e realtà. Girato per trenta giorni nella città di New York, Birdman si svolge quasi per intero all'interno di un vero teatro di Broadway: il St. James, sulla 44ma strada.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Protagonista principale di Birdman nei panni di Riggan Thompson è l'attore Michael Keaton, che come il personaggio portato in scena ha recitato il ruolo del supereroe nei Batman diretti da Tim Burton e non ha voluto mai prendere parte ai successivi sequel. Riggan è fondamentalmente un uomo che presenta uno spettro vario di emozioni, dubbi, rimpianti, ambizioni, rabbie (represse e non), speranze e paure, che non si vergogna a mostrare agli altri. Alle prese con la voce costante di Birdman, frutto della sua immaginazione, è pieno di contraddizioni che gli regalano quasi una personalità bipolare, in grado di cambiare umore da un momento all'altro.

Per la rappresentazione del testo di Carver in teatro grande ruolo esercita Lesley, un'attrice al suo debutto a Broadway. Realizzando il suo sogno da bambina, Lesley non vuole deludere nessuno ed è sempre al servizio dello spettacolo, tanto che quando il coprotagonista si ferisce propone come eventuale sostituto il fidanzato e attore Mike Shiner, pur di non perdere la sua grande occasione. A interpretare Lesley è l'attrice Naomi Watts mentre Mike ha il volto di Edward Norton. Vera mina vagante, Mike è il classico cattivo ragazzo che con il suo comportamento e le sue idiosincrasie mette a repentaglio tutto ciò che sfiora. Dotato di grande talento, inoltre, rappresenta una minaccia per Riggan, facendolo sentire insicuro sia sul piano professionale sia sul piano personale. Molto spesso conciliatore dei dissidi che sorgono tra Riggan e Mike è il regista e produttore Jake, impersonato da Zach Galifianakis.

Dietro le quinte della rappresentazione, si muove poi Sam, la giovanissima figlia di Riggan che, fresca di riabilitazione, lavora come assistente del padre. Sempre in difesa, cinicamente distaccata e lontana emotivamente dal padre, Sam è uno dei pochi personaggi a non essere un attore e ciò le permette di avere una differente prospettiva sulle qualità artistiche degli altri e su come oggi venga misurata la fama o la notorietà (twitter, facebook o youtube, sono i suoi punti di riferimento). Portata in scena da Emma Stone, Sam è figlia di Sylvia, l'ex moglie di Riggan supportata da Amy Ryan.

Oltre a Riggan, Mike e Lesley, nello spettacolo recita anche Laura, attrice nonché fidanzata di Riggan. Interpretata da Andrea Riseborough, Laura non si batte per agguantare il successo ma soffre per amore, dal momento che Riggan non si dimostra il perfetto compagno che lei voleva. Sullo spettacolo, infine, incombe l'ombra di Tabitha, acuta (e perfida) critica del New York Times a cui presta il volto l'attrice Lindsay Duncan.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Birdman è (come Maps to the Stars e L’amore bugiardo) un film, un film-nevrosi, sul controllo della propria immagine, oggi. Se nei film precedenti Iñárritu cercava il mélo nella logica del mercato globale, qui dal macro passa al micro, dal mondo alla mente: ma riflette sempre su quel che lega merce e sentimento.

Commenti (16) vedi tutti

  • Un'opera straniante perché totalizzante.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Ambizioso ed abilmente sfaccettato su più registri, "Birdman" concede qualche momento logorroico ma è esposto con una poetica pregnante ed impetuosa. Grandiosa la performance di Keaton.

    commento di Stefano L
  • Dirò semplicemente che mi è piaciuto molto, il finale però non l'ho capito. Grande prova di Keaton. 7,5

    commento di near87
  • Sensazionale prova stilistica di Inarritu. Virtuisismo registico al massimo splendore che associato a una buona recitazione riesce a supplire a quella mancanza di "oggettività" della trama inevitabilmente inglobata dal lavoro sulla soggettività dai protagonisti che, per tutta la durata del film, la fa da padrona.

    commento di fra_paga
  • Bello, particolare, ben girato, ben recitato, film adulto.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Mi aspettavo qualcosa di meglio da un Oscar che in questo caso, come molti altri purtroppo, rassomiglia ad un rigore incerto che un arbitro concede dopo averne negati due evidentissimi

    leggi la recensione completa di attidur
  • Il film scorre tutto in un fiato con i suoi elementi ripetitivi quali le percussioni della colonna sonora, la voce del supereroe Birdman che perseguita il protagonista e soprattutto le digressioni oniriche di Riggan (Michael Keaton) che illudono lo spettatore su una possibile deviazione del film verso il genere fantasy.

    leggi la recensione completa di sprugola
  • Come Pirandello con il suo metateatro o "teatro nel teatro", Iñárritu riesce perfettamente a realizzare il suo "cinema nel cinema", la differenza tra la realtà e la finzione quanto sia a dir poco minima o fittizia nel mondo dello spettacolo. Cast eccezionale.

    commento di Infinity94
  • Dietro l'astuta trovata dell'ex divo prigioniero del supereroe che aveva interpretato con enorme successo un quarto di secolo prima, Gonzalez Iñarritu nasconde una satira feroce di Hollywood e più in generale del mondo dello spettacolo contemporaneo.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Un po’ come vedere un film di Batman (cambiando il colore del vestito) fatto dai cinesi senza chiedere il permesso a Bob Kane.

    leggi la recensione completa di Mike.Wazowski
  • Birdman, pur con i suoi atteggiamenti boriosi (ben rappresentati da alcuni personaggi), è un film potentissimo e uno dei migliori della scorsa stagione cinematografica. Nonchè, finalmente, un meritato trionfatore ai premi Oscar.

    leggi la recensione completa di CelticPride
  • Definito commedia è un film straniante, amaro,talora violento,con rare pretese di dolcezza e spesso surreale nella rappresentazione.Un attore di cinema in declino, non accetta di essere dimenticato e per mostrare che è un vero attore e non solo un supereroe si butta nell'avventura del teatro. Film tutto in mano a Inarritu giudicabile con cautela.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Innovativa trasposizione del "decadente". Vale per tutto, vita, lavoro, autostima. Una sceneggiatura piena di saggezza mischiata ad un crudo realismo. Difficile fare i conti col proprio io deluso, rilanciarsi quando si è sul baratro e spiccare il volo. Gran bell'esempio di teatro nel "teatro", o meglio di "teatro" nel cinema e viceversa.

    leggi la recensione completa di cinerubik
  • Un film incredibile e sopratutto folle. Non penso si possa aggiungere qualche altro aggettivo. Un infinito piano sequenza da far rimanere senza fiato. Bravi attori e regista.

    commento di sigourneyrules
  • Visto neanche un'ora …gli isterismi di un gruppo di attori falliti francamente non mi interessano, tanto più se devono (da copione) sparare battute volgari che non fanno ridere (forse piangere).

    commento di Tex Murphy
  • Ritmo incalzante e dialoghi al vetriolo per un "dietro alle quinte" sia a livello pratico che teorico. Cinema autoreferenziale? Certo, ma rimane una bella sveglia al torpore degli ultimi film biopic.

    commento di negro
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

EightAndHalf di EightAndHalf
8 stelle

Immaginatevi un lungo corridoio, un po' come quelli che comparivano e compaiono nei cartoni animati, da Scooby-Doo a simili. E' tipico e ricorrente che quei corridoi ospitino porte sulle proprie pareti, e che da queste porte escano fuori i personaggi, un po' a caso, un po' in fuga, un po' all'inseguimento, improvvisamente, senza alcun tipo di evidente copione. In composizioni sovente... leggi tutto

87 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Spaggy di Spaggy
6 stelle

Riggan Thompson, famoso per aver recitato in una saga blockbuster incentrata sul fantomatico supereroe Birdman, è ossessionato dal riconoscimento delle proprie capacità artistiche. Non importa il successo ottenuto in passato con i primi tre capitoli dell’Uomo uccello, non importano i miliardi incassati: il suo scopo è quello di vedersi riconosciute quelle... leggi tutto

15 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

GIANNISV66 di GIANNISV66
4 stelle

  Birdman ovvero della decadenza del mestiere di attore. Travolti dalla logica del profitto che vuole l'industria del cinema (e del resto già il termine “industria” contiene una forte valenza di tipo economico-finanziario, etichetta che mal si sposa con ciò che è, o vuole essere, arte) protesa a investire in prodotti di facile successo, attori di... leggi tutto

5 recensioni negative

Recensione

Zarco di Zarco
7 stelle

È un film forte, potente, legato da un filo di genialità, a cui però manca qualcosa, o forse ha qualcosa in più. Ottima e originale la fotografia. Ottima anche la recitazione, soprattutto Michael Keaton. Emerge però qua e là qualche forzatura all'americana nei comportamenti e negli atteggiamenti. Finale incongruo e pretenzioso. 

leggi tutto
Recensione
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano
9 stelle

Un attore con un passato glorioso dopo aver interpretato un supereroe pennuto, ora è in declino e per rilanciare la sua carriera mette in scena uno spettacolo teatrale, nel frattempo avrà a che fare con il passato stesso che lo perseguita come in un limbo visionario nella sua mente, con la figlia in riabilitazione e con un attore troppo presuntuoso e pieno di se, tutto questo lo...

leggi tutto

Recensione

IlGranCinematografo di IlGranCinematografo
9 stelle

  In Birdman, Alejandro Gonzáles Iñárritu cattura una stirpe umana irrequieta e alle soglie del delirio, i cui animi oscillano, come dei pendoli fuori controllo, fra superomismo e umiliazione, fra patetico vitalismo ed energizzante frustrazione: due comparti a prima vista separati, ma in verità in eterna e dolente crasi. Lo mostra eloquentemente la...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 30 marzo 2017 su Rsi La2
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

Lehava di Lehava
4 stelle

  SOTTOTITOLO DELLA RECENSIONE: MAGARI MI SBAGLIO. MA CHISSENEFREGA CHE L'IGNORANZA E' UNA VIRTU' ....... Oh, uno si mette a fare cinema, no? Mica facile! Si vive alla giornata, si cerca di imparare guardandosi attorno. Poi magari si trova, un po' per culo un po' per capacità, l'alchimia giusta. Con qualcuno che la storia te la scrive giusta: perché il cinema, anche se...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

steno79 di steno79
9 stelle

Finalmente un vincitore dell'Oscar come Miglior film che non ha rubato l'onore tributatogli, molto più interessante della media dei film premiati solitamente dall'Academy. Il regista messicano Alejandro G. Inarritu fa un film consapevolmente meta-cinematografico attraverso una cornice meta-teatrale che ricorda da vicino quella di "Eva contro Eva" di Joseph Leo Mankiewicz. Broadway nel...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

amandagriss di amandagriss
9 stelle

"la popolarità è la cuginetta zoccola del prestigio"   Il teatro al cinema. E il cinema a teatro.   Come adattare anche stavolta, al quinto film, la forma al contenuto? Nei lavori precedenti il regista messicano ha destrutturato il racconto per poi lasciare che un perfetto meccanismo ad incastro finisse per assemblare i vari frammenti del discorso (di più...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 2 febbraio 2015
Il meglio del 2014
2014

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
8 stelle

Immaginatevi un lungo corridoio, un po' come quelli che comparivano e compaiono nei cartoni animati, da Scooby-Doo a simili. E' tipico e ricorrente che quei corridoi ospitino porte sulle proprie pareti, e che da queste porte escano fuori i personaggi, un po' a caso, un po' in fuga, un po' all'inseguimento, improvvisamente, senza alcun tipo di evidente copione. In composizioni sovente...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito