Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    In un futuristico mondo orwelliano in cui l'umanità è controllata dal potere delle corporazioni e da "uomini videocamera" che rispondono alla losca figura nota solo con il nome di Management, il genio del computer Qohen Leth (Christopher Waltz) vive recluso all'interno di una ex cappella distrutta dalle fiamme. Eccentrico, solitario e afflitto da angoscia esistenziale, Qohen da tempo lavora su un misterioso progetto - il Teorema Zero - volto a scoprire lo scopo della vita, qualora ne esista uno. Il suo lavoro e il suo isolamento sono qualche volta interrotti dalle visite della sensuale e vistosa Bainsley (Mélanie Thierry) e dell'adolescente prodigio Bob (Lucas Hedges). Sarà grazie a una delle invenzioni di quest'ultimo che Qohen affronterà un viaggio all'interno delle dimensioni nascoste della sua anima, dove si nascondono le risposte che sia lui che Management stanno ricercando per provare o confutare il Teorema Zero.

    Approfondimento

    THE ZERO THEOREM: DA UNA STORIA DI UN PROF UNIVERSITARIO

    Diretto da Terry Gilliam, The Zero Theorem si basa una storia breve scritta nel 1999 dal professor Pat Rushin della University of Central Florida e intitolata in un primo momento Call. Ambientato in un mondo futuristico e originale, The Zero Theorem presenta personaggi che, dotati di molta umanità, si confrontano con sentimenti e temi universali trattati in maniera visionaria. Non stupisce, dunque, che la storia (trasformata in sceneggiatura dallo stesso Rushin) abbia attirato l'attenzione di Gilliam già nel 2008, momento in cui i progetti di Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo e The Man Who Killed Don Quixote (film mai realizzato e definitivamente abbandonato) distraevano però la sua attenzione dall'ipotesi di cominciare a lavorare a un suo adattamento cinematografico.Bisognerà infatti attendere ben quattro anni prima che la pre-produzione di The Zero Theorem prenda avvio a Bucarest il 13 agosto 2012 presso i MediaPro Studios, in attesa delle riprese (in digitale, per scelta del direttore della fotografia Nicola Pecorini) iniziate poi il 22 ottobre e protrattesi per 36 giorni.

    I PERSONAGGI PRINCIPALI

    Iniziando a lavorare su The Zero Theorem, Terry Gilliam aveva sin da subito chiaro in mente chi avrebbe interpretato il ruolo del protagonista Qohen Leth, optando per l'attore austriaco Christoph Waltz. Qohen lavora alle strette dipendenze del capo Joby, che ha le fattezze di David Thewlis.
    L'attrice francese Mélanie Thierry impersona invece Bainsley, colei che cerca di distrarre Qohen con il sesso offerto usando la tecnologia della realtà virtuale e con il suo aspetto a metà strada tra Judy Holliday e Marilyn Monroe.Il giovane attore Lucas Hedges è stato scelto invece per dare vita a Bob, il figlio adolescente e super intelligente del boss dei boss Management. Ad interpretare l'autoritario ed impenetrabile Management, ruolo accettato senza neanche aver letto il copione, è l'attore Matt Damon.
    Un'irriconoscibile Tilda Swinton (con denti e capelli posticci) presta il volto alla dottoressa Shrink-Rom, la psicologa on line di Qohen, mentre Sanjeev Bhaskar, Peter Stormare e Ben Whishaw portano in scena tre eccentrici dottori, chiamati a valutare la richiesta di pensione anticipata di Qohen.

    ATMOSFERE TRA FUTURO E PASSATO

    Poiché la storia di The Zero Theorem prevede un grande numero di scene visionarie ed oggetti spettacolari, grande lavoro è stato quello richiesto allo scenografo David Warren, già al fianco di Terry Gilliam per le scenografie di Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo. Sin dalla preproduzione, Gilliam ha suggerito al team creativo di trarre ispirazione dal pittore Neo Rauch, le cui surreali opere contengono una ricca gamma di colori ed elementi che provengono da diverse epoche temporali, per mischiare stile futuristico e retro. Con un mondo pittorescamente colorato, l'unico personaggio ad essere grigio e monocromatico è il protagonista Qohen, non del tutto integrato alla realtà circostante.Qohen, inoltre, vive in una cappella all'interno di una chiesa abbandonata, ricostruita all'interno di uno studio di Bucarest. Senza necessariamente essere anglicana o cattolica, la chiesa è utile a sottolineare l'agorafobia di Qohen ed è metafora di vecchi sistemi e vecchie credenze. Quasi ironicamente, nonostante abbia scelto la solitudine, Qohen nella chiesa è costantemente circondato da statue e da facce che sembrano osservarlo in continuazione.
    Le scene che coinvolgono la struttura Mancom, il computer che contiene le storie, i bisogni e i desideri della gente, in un primo momento dovevano essere girate in un complesso di altiforni risalenti all'era di Ceausescu a Calarasi, nel sud della Romania, ma le difficoltà di ripresa in loco hanno spinto a ricreare il tutto in studio.
    Ad occuparsi dei costumi di The Zero Theorem è stato invece il costumista italiano Carlo Poggioli, che aveva già collaborato con Gillam in Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo e Le avventure del Barone di Münchausen come assistente di Gabriella Pescucci, mentre trucco e parrucco sono stati opera di Kirstin Chalmers.

    Leggi tuttoLeggi meno

    Commenti (4) vedi tutti

    • C'era grande attesa a Venezia tre anni orsono, alla presentazione in Concorso dell'ultima attesa bizzarria del geniale Gilliam. Ce n'è ancora oggi all'uscita - era ora! - in sala.Ma il film, che parte illudendoci di farci sognare,si eclissa e soffoca in se stesso, sepolto da un pesante sovraccarico di suggestioni senza una vera storia a sorreggerlo

      leggi la recensione completa di alan smithee
    • Fantascienza distopica, con notevoli elementi di visionarietà, molto vicina ai giorni nostri, tentativo di scoprire il vero senso dell'esistenza,opera imperdibile del grande Terry Gilliam

      leggi la recensione completa di bufera
    • La malinconia ha invaso il Cinema visionario di Terry Gilliam, tornato alla ricerca del senso della vita.

      leggi la recensione completa di AlbertoBellini
    • MI ASPETTAVO DI MEGLIO…UN FILM NOIOSO, HO CERCATO DI VEDERLO E PER TRE VOLTE MI SONO ADDORMENTATO, E UN FILM CHE SI RISPETTI NON DEVE FARTI CADERE LA PALPEBRA. LA TRAMA POTEVA SVILUPPARSI IN MANIERA DIVERSA..

      commento di ROBERTO800
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    bufera di bufera
    8 stelle

    Dopo tre anni dalla produzione(2013 )e la presentazione al Festival di Venezia di allora, finalmente è approdato nelle nostre sale THE ZERO THEOREM, di Terry Gilliam, grande artista, disegnatore di animazione, sceneggiatore, attore e regista, anche di teatro (fondatoredel gruppo Monthy Python) . Lontano dal punto di vista generazionale, come Eastwood o l’ultimo Altman, Gilliam... leggi tutto

    9 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    Spaggy di Spaggy
    6 stelle

    The Zero Theorem, croce e delizia di quest’edizione del Festival di Venezia 2013. Il tormento nasce dal non voler sparare a zero contro uno dei maestri più visionari che il mondo del cinema ricordi. La delizia, invece, dal ritrova temi, colori e ossessioni che il tempo ha reso ormai familiari. Ambientato in un futuristico mondo in cui anche le pubblicità sono personalizzate e seguono gli... leggi tutto

    5 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    alan smithee di alan smithee
    4 stelle

    FESTIVAL DI VENEZIA 2013 - VENEZIA 70 Le atmosfere orwelliane facevano sospirare noi "ragazzi" ingenui, in un qualcosa che potesse avvicinarsi a Brazil. La realtà dei fatti ci spingeva a sostenere che fosse sufficiente non scendere al di sotto de "I fratelli Grimm e la Bellucci" e non incasinarci più di quanto era riuscito con "Parnassus". Speranze vane entrambe... leggi tutto

    3 recensioni negative

    Recensione

    champagne1 di champagne1
    7 stelle

    In un mondo futuro dai caratteri decisamente retro, Qohen è un genio informatico che crede di essere due persone diverse, entrambe affette da misantropia e agorafobia, e che stenta a capire il significato della vita. Probabilmente il traguardo di tutte le esistenze è l'annullamento in una sorta di buco cosmico a cui anche lui sente di tendere. Il potente Direttore dell'azienda in...

    leggi tutto

    Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 7 voti

    vedi tutti

    Disponibile dal 6 settembre 2016 in Dvd a 14,99€

    Acquista

    Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 7 voti

    vedi tutti

    I consigli dello Squalo

    LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano

    Allora in questa Playlist come da titolo vi consiglierò alcuni film che ho visto o rivisto , ultimamente e che mi sono piaciuti , e che inoltre ho avuto il piacere di recensire qui su Film.tv . Questa...

    leggi tutto
    Playlist

    Recensione

    logos di logos
    8 stelle

    In un futuro dispotico che potrebbe rispecchiare un ambiente molto similare al nostro, la tecnologia informatica e le reti virtuali hanno preso del tutto il sopravvento, gli esseri umani sono soltanto degli strumenti del grande ingranaggio della volontà di potenza completamente dispiegata, in cui dell’essere non è più nulla, ma conta soltanto il numerare del dominio...

    leggi tutto

    Recensione

    Supersonico di Supersonico
    8 stelle

    Film complesso, pieno di dettagli in apparenza insignificanti. Come film è interessante, un po nevrotico - l'attore protagonista Christoph Waltz è bravissimo, io l'avevo visto in Bastardi senza Gloria e l'interpretazione di questo, piu che hacker, di questo maniaco ossessivo-compulsivo è davvero superlativa. Per quanto riguarda la storia, beh, ci sono aspetti...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Recensione

    LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano
    8 stelle

    The Zero Theorem è un film del 2013 preaentato alla 70° edizione del festival di Venezia e qui in Italia è arrivato soltanto il 7 luglio 2016 , inoltre ha avuto la candidatura come miglior film si fantascienza ai Saturn Awards del 2015 , il film è un misto di molti generi fantascienza/drammatico/sentimentale/esistenziale e con alcune parti che danno sulla commedia e...

    leggi tutto

    Recensione

    EvilDevin87 di EvilDevin87
    8 stelle

    Ci troviamo d'innanzi ad un sci-fi orwelliano che vive essenzialmente dell'inconfondibile stile visionario, grottesco e politico di Terry Gilliam e dell'ottima recitazione di Christoph Waltz (non ringrazieremo mai abbastanza Tarantino per aver portato alla luce questo grande talento). Quest'ultimo qui interpreta Qohen Leth, personaggio assegnato a lavorare al teorema zero che, se provato,...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 6 utenti

    Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 9 voti

    vedi tutti

    Recensione

    AlbertoBellini di AlbertoBellini
    9 stelle

      In seguito ad una riflessione, protratta per diversi anni, sono giunto ad una conclusione: NON si può amare il Cinema e odiare Terry Gilliam. Poco ma sicuro. Come è poco ma sicuro che chiunque si occupi - o sia in qualche modo coinvolto - della distribuzione di prodotti cinematografici nella nostra Italia, debba altamente vergognarsi, una volta per tutte. Il...

    leggi tutto

    Recensione

    bufera di bufera
    8 stelle

    Dopo tre anni dalla produzione(2013 )e la presentazione al Festival di Venezia di allora, finalmente è approdato nelle nostre sale THE ZERO THEOREM, di Terry Gilliam, grande artista, disegnatore di animazione, sceneggiatore, attore e regista, anche di teatro (fondatoredel gruppo Monthy Python) . Lontano dal punto di vista generazionale, come Eastwood o l’ultimo Altman, Gilliam...

    leggi tutto

    Uscito nelle sale italiane il 4 luglio 2016

    locandina
    Foto

    Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Il meglio del 2015

    2015

    Recensione

    AgentCooper di AgentCooper
    8 stelle

    Cosa ci rende umani? Siamo davvero tutti strumenti nella mani di qualcuno più in alto di noi? Vale davvero la pena di goderci la vita se un giorno tutto finirà? Le gioie, i dolori, il buon cibo sono tutte cose superficiali? Queste sono tutte domande che il nostro protagonista Qohen si pone. La sua vita, la sua fede verso una precisa telefonata lo ha ridotto a praticare una...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 6 utenti

    Il meglio del 2014

    2014

    Recensione

    JigglyJude di JigglyJude
    8 stelle

    Terry Gilliam è un regista che certamente non lascia indifferenti. O lo si ama o lo si odia, in genere. Io da anni appartengo alla prima categoria, per cui mi sento sempre un po' di parte nel giudicare i suoi film, in quanto affascinata da quell'immaginario fantastico, sempre presente dei lavori di Gilliam.     The Zero Theorem è un film senza dubbio contorto,...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 4 utenti

    Il meglio del 2013

    2013

    Recensione

    Spaggy di Spaggy
    6 stelle

    The Zero Theorem, croce e delizia di quest’edizione del Festival di Venezia 2013. Il tormento nasce dal non voler sparare a zero contro uno dei maestri più visionari che il mondo del cinema ricordi. La delizia, invece, dal ritrova temi, colori e ossessioni che il tempo ha reso ormai familiari. Ambientato in un futuristico mondo in cui anche le pubblicità sono personalizzate e seguono gli...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 15 utenti

    I nostri top user

    Scopri chi sono i top user

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono i top user

    Come si diventa un top user

    I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare un top user?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito