Espandi menu

Trama

1810. Belle (Léa Seydoux) è una dei sei figli di un mercante che, caduto in disgrazia, ha perso ogni suo possedimento e ricchezza. A differenza delle altre sorelle, Belle è una ragazza dai modi gentili, umile e dotata di buon cuore che non ha mai dato peso al denaro. La sorte di Belle però è nelle mani del padre che stringe un redditizio accordo con la Bestia (Vincent Cassel), un orribile uomo maledetto in cerca di amore e redenzione che vive in un immenso castello. Quella che comincia come una storia di obblighi e costrizioni dettati dal materialismo e dal denaro si trasformerà presto in una grande storia d'amore, capace di vedere e spingersi oltre le apparenze.

Approfondimento

LA BELLA E LA BESTIA: L'EREDITÀ DI COCTEAU

Diretto da Christophe Gans e sceneggiato dal regista con Sandra Vo-Anh, La Bella e la Bestia si basa sull'omonimo racconto della scrittrice Madame de Villeneuve, una storia d'amore magica e simbolica già portata diverse volte sullo schermo. Mentre nell'immaginario moderno la storia della bella che si innamora della bestia è legata a un famoso film d'animazione targato Disney, il lavoro di Gans raccoglie l'eredità della versione cinematografica realizzata nel 1946 da Jean Cocteau ma si sofferma su aspetti che il maestro francese - basandosi su un breve testo di dieci pagne - aveva volutamente sottovalutato, come ad esempio la figura del mercante, la personalità delle due sorelle di Belle e le origini della maledizione della bestia, proponendo una personalissima versione del regista. Sin dal momento in cui stavano scrivendo la sceneggiatura, Gans e la Vo-Anh hanno immaginato come protagonisti di La Bella e la Bestia gli attori Vincent Cassel e Léa Seydoux.  A differenza del capolavoro di Cocteau che si concentra soprattutto sulla Bestia, Gans ha voluto porre l'accento sul personaggio di Belle, una giovane donna devota al padre (il mercante interpretato da André Dussolier) che riesce a trovare l'amore tra le braccia di una spaventosa ma struggente creatura.

IL RACCONTO DI MADAME DE VILLENEUVE

Il racconto di Madame de Villeneuve trae essenzialmente ispirazione dalla mitologia greco-romana e in particolare dalle Metamorfosi di Ovidio. In esso, gli dei sono burloni e prendono forme animali per mescolarsi con i mortali e sedurli. Questo aspetto divino serve a stabilire un legame tra l'uomo e le forze della natura, legame che nel mondo cinematografico è possibile notare nel lavoro del regista giapponese Hayao Miyazaki e che ha radici nelle antiche religioni animiste del Giappone.
Rispettando l'ottica di Madame de Villeneuve, La Bella e la Bestia di Gans è ambientato in due epoche differenti.La linea narrativa principale ha come anno il 1810, il periodo del primo impero di Napoleone e ciò è dovuto anche a una ragione semplicemente estetica: Napoleone si vedeva come un imperatore romano e con lui la mitologia classica ritornò in voga anche nelle arti decorative. La seconda linea narrativa (molto spesso presente nei sogni di Belle mentre è imprigionata nel castello della Bestia) invece è ambientata tre secoli prima, quando la Bestia era un principe e viveva un periodo d'oro, prima di commettere un terribile atto e subire la maledizione che lo ha trasformato per sempre.

RIPRESE NELLA CINECITTÀ BERLINESE

Girato soprattutto in studio, La Bella e la Bestia è stato realizzato negli studi Babelsberg, vicino Berlino, negli stessi teatri di posa dove sono stati messi a punto capolavori del cinema tedesco come Metropolis, I Nibelunghi e L'angelo azzurro. La postproduzione del film ha avuto luogo durante le stesse riprese: gli effetti digitali, per ammortizzare i costi, sono stati inseriti "a blocchi", man mano che le scene venivano girate su green screen coperti da sfondi dipinti.A occuparsi della direzione della fotografia e della supervisione degli effetti speciali sono stati rispettivamente Christophe Beaucarne e Louis Morin mentre le scenografie e i costumi portano le firme di Thierry Flamand e Pierre-Yves Gayraud.
La maschera della Bestia, il cui aspetto è ispirato alle creature fantastice dei film Hammer, è stata inoltre realizzata a mano e aggiunta sul volto di Vincent Cassel solo digitalmente, senza che l'attore si sottoponesse a interminabili sedute di trucco.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Infarcito di citazioni che passano anche per "Edward mani di forbice" di Tim Burton e per le candele che si illuminano sullo sfondo nero degli horror di Terence Fisher per la Hammer questo adattamento dell'omonimo romanzo di Madame Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve resta impantanato nella sua stessa smisurata ambizione. Vincent Cassel gioca abilmente sul doppio principe/Bestia, Léa Seydoux esalta l’innocenza del suo personaggio ma non è mai vera apparizione. Ci sono tutti gli oggetti del melodramma: specchi, lacrime (sulla statua), e soprattutto occhi. Quelli che non infiammano e fanno apparire questa versione già superata mentre Cocteau è oggi, ancora più di ieri, all’avanguardia.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

LA BELLA E LA BESTIA è una favola di grande tradizione letteraria, che ha le sue radici addirittura nelle Metamorfosi di Ovidio, raccontata a partire dal 1550 da Francesco Giovanni Straparola, per approdare alla versione edita da Madame Gabrielle–Suzanne Barbot de Villeneuve nel 1740, accorciata e purgata da elementi erotici poco adatti ai bambini da Jeanne Marie-Leprince de Beaumont nel... leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Ad uno dei più americani tra i registi francofoni di oggi (che tra l'altro è nativo di Antibes, proprio a due passi da Nizza, la mia citta' cinematografica di adozione, come ormai qualcuno sa), spetta la non facile staffetta e sfida cinematografica di riaffrontare un adattamento irreale, ridondante e soprattutto gia' mirabilmente (se non ineguagliabilmente) affrontato in due occasioni, sia... leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Scarlett Blu di Scarlett Blu
4 stelle

Un’ occasione sprecata, mi spiace dirlo. La fiaba de La Bella e la bestia mi ha sempre affascinato, ma questa ennesima versione francese liberamente ispirata alla favola originale scritta nel ‘700, ad opera del regista Christophe Gans de Il patto dei lupi, ha deluso parecchio le mie aspettative, e non sono bastate le attinenze e i richiami al bellissimo cartone disneyano del ‘91, che... leggi tutto

5 recensioni negative

Trasmesso il 24 gennaio 2017 su Canale 5
Il meglio del 2016
2016

Film fantasy

Warlock66 di Warlock66

Sono un appassionato di film fantasy, in particolare quei b-movies anni 70-80 che amavo guardare al cinema da ragazzino, ma che  amo tuttora. Seppur forse ingenui e non apprezzati dal grosso pubblico io li trovo...

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Ennesima rivisitazione di una storia che cinematograficamente ha già dato ottimi frutti, in questo caso una produzione francese di tutto rispetto prova a rinverdirne i fasti, peccato che le possibilità a disposizione non si esprimano con uniforme successo in tutti i sensi coinvolti. Infatti, se la vista è solleticata in lungo e in largo da uno sfarzo da fare invidia a...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Lord Holy di Lord Holy
5 stelle

In attesa di scoprire le sorti dei due futuri adattamenti cinematografici, quello per la Warner Bros. (arenato in seguito all'addio di Guillermo del Toro) e quello diretto da Bill Condon per la Disney, la celebre fiaba de La Bella e la Bestia torna già sui nostri schermi in questo progetto francese, che per me nulla aggiunge di particolare interesse alla storia che a grandi linee...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

LA BELLA E LA BESTIA è una favola di grande tradizione letteraria, che ha le sue radici addirittura nelle Metamorfosi di Ovidio, raccontata a partire dal 1550 da Francesco Giovanni Straparola, per approdare alla versione edita da Madame Gabrielle–Suzanne Barbot de Villeneuve nel 1740, accorciata e purgata da elementi erotici poco adatti ai bambini da Jeanne Marie-Leprince de Beaumont nel...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 24 febbraio 2014
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito