Trama

Il soldato sudista John Carter (Taylor Kitsch) si risveglia senza un'apparente spiegazione sul pianeta Marte. Si trova in una terra desertica e popolata da due razze di creature diverse: i giganteschi e guerrafondai marziani verdi e i pacifici marziani rossi, da sempre in lotta per il potere. Scappato dalle grinfie dei primi, che lo avevano catturato, John incontra la principessa Dejah (Lynn Collins), che ha un bisogno disperato di trovare un salvatore per il suo regno di marziani rossi, e ha accettato di mettere le proprie forze al servizio di un nuovo ed epico conflitto.

Approfondimento

 

DALLA PENNA DEL PAPÀ DI TARZAN

L'universo di riferimento di John Carter è La principessa di Marte, il primo degli 11 libri della saga scritta da Edgar Rice Burroughs. Burroughs ha 36 anni quando nel 1911, a corto di soldi e sull'orlo del fallimento, inizia a scrivere il suo primo romanzo a puntate da pubblicare su alcune riviste di genere. Al centro della storia vi sono le vicende di un uomo che approda su Marte e si ritrova a vivere un'avventura di cappa e spada. Convinto che il suo nome non attiri l'attenzione del pubblico, lo scrittore usa lo pseudonimo di Norman Bean ma il successo è tale che, dopo aver esaurito la storia, decide di riunire il corpus delle puntate e farne un libro. Alle avventure de La principessa di Marte, però, non segue il riscontro per un secondo romanzo di carattere storico, tanto che per risollevarsi Burroughs ritorna alla fantasia dando vita a Tarzan, uno dei romanzi del XX secolo più venduti al mondo.

Mentre Tarzan, nel corso dei decenni, ha goduto di varie trasposizioni cinematografiche, la saga delle cronache di Marte ha dovuto attendere fino al 2012, quando la Disney ha portato sullo schermo il primo capitolo per ridare voce a una fantascienza pionieristica. Perché, nonostante possa suonare strano a chi lo associa soprattutto a Tarzan e al genere fantasy, Burroughs è anche stato soprattutto un autore di fantascienza, così come la intendiamo ancora oggi.

 

UNA STORIA DI CAPPA E SPADA

I romanzi di Burroughs non sono altro che avventure romantico-scientifiche. La molla che scatena le storie è sempre la stessa: un uomo e una donna vengono separati e l'uomo è costretto ad affrontare infinite prove per ricongiungersi a lei. Nell'affrontare i suoi nemici sul pianeta Marte, John Carter incontra strane creature, come il "cane da guardia alto quanto i pony", che diventa suo amico, o la pericolosa Scimmia Bianca, "alta come una giraffa e feroce come un leone", con cui dare spettacolo attraverso combattimenti di altissimo livello senza necessariamente ricorrere a soluzioni ardimentose. Nel tracciare il personaggio di Carter, Burroughs aveva infatti in mente l'eroe dei primi film di cappa e spada, Douglas Fairbanks. Leale, intergerrimo, onesto e coraggioso, anche Carter affronterebbe con sagace umorismo e stile unico mille e più pericolose creature piuttosto che abbandonare Wolla, il suo calot - un grosso cane lucertola dalle 10 zampe e dai denti molto affilati.

 

 

 

 

 

PRIMO VIAGGIO SU MARTE

Barsoom, come gli abitanti del pianeta chiamano Marte, è un mondo morente. I suoi oceani sono da tempo prosciugati e le coste sono punteggiate da città abbandonate. I famosi canali sono l'ombra di quello che erano e l'atmosfera è mantenuta vivibile solo attraverso una grande cappa di protezione. Ad essere più che viva, invece, è la civiltà marziana, sotto il controllo di orde di nomadi semi barbari, alti più di 3 metri e con quattro braccia, i Marziani verdi, in costante guerra con la razza umanoide dei Marziani rossi. La fantasia di Burroughs ha contribuito ad armarli di tecnologia utile a massimizzare l'azione. La principale forma di trasporto dei Marziani rossi è, ad esempio, una macchina volante, immune dalla forza di gravità e capace di raggiungere anche le 200 miglia orarie, mentre il trasporto terrestre è favorito da speciali "cavalli" a otto zampe. Le armi più usate sono soprattutto lance e spade ma i giganti non disdegnano l'uso di "cannoni radio", capaci di sparare con massima precisione proiettili esplosivi anche a 100 miglia di distanza, mentre rarissimo è l'uso di arco e frecce.

MAMMA, LI MARZIANI!

La cultura dominante di Barsoom è quella dei Marziani rossi. Organizzati in un sistema di città-stato, sono i discendenti degli antichi Marziani Gialli, un incrocio tra i Marziani bianchi e i Marziani neri, che vivono ancora in alcune aree isolate del pianeta, come le estremità polari. La loro presenza sul pianeta è aumentata quando i mari di Barsoom hanno cominciato a prosciugarsi, nella speranza di creare una forte razza in grado di sopravvivere nel nuovo ambiente. Sono altamente civilizzati, rispettano la proprietà privata, aderiscono a un codice d'onore e hanno un forte senso di equità, garantito anche da un sistema di leggi. Dotati di tecnologie all'avanguardia, sono capaci di amare e costituiscono nuclei familiari.

I Marziani verdi, invece, sono ben diversi, con le loro 4 braccia, gli occhi presenti solo su un lato della faccia e la loro straordinaria altezza. Nomadi e guerrieri barbari, non formano famiglie, non conoscono il significato dell'amicizia e dell'amore e godono nell'infliggere torture alle loro vittime. La loro è una struttura sociale gerarchica e piramidale, che fa capo a un Jeddak onnipotente, titolo che si ottiene sul campo di battaglia e non per tradizione ereditaria. Le varie tribù prendono il nome dal loro Jeddak, cavalcano animali aggressivi (i thoat) e sono armate di spade, lance e cannoni radio che hanno razziato nelle incursioni contro i Marziani rossi. Primitivi e intellettualmente poco evoluti, con un linguaggio sconosciuto ma realistico, vivono nelle rovine delle antiche città e sono nati da un esperimento biologico andato storto.

L'unico a far eccezione è Tars Tarkas, che ha conosciuto nel corso della sua vita l'amore della compagna e della figlia. 

 

 

 

 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Andrew Stanton tratta il muscoloso eroe come un cartoon, e nelle sequenze migliori il granitico veterano sudista diventa, nelle mani del regista, un pupazzo sballottato dall’assenza di gravità e da barbari alieni verdi. Purtroppo Stanton riesce raramente a far emergere la sua vena giocosa e divertita: la sottotrama romantica, che comprende estenuanti spiegoni sulle modalità di “teletrasporto” di Carter dalla Terra a Marte, sprofonda il film nella noia (colpa, anche, di due interpreti privi di carisma) e l’immaginario evocato (da Conan il barbaro a Prince of Persia. Le sabbie del tempo, passando per Star Wars) fa sembrare la pellicola una copia opaca di blockbuster già visti.

Commenti (6) vedi tutti

  • La scelta del attore principale non mi convince...il suo dopo barba è troppo profumato.

    commento di Nobre
  • Marte o morte !

    leggi la recensione completa di Immorale
  • Uno stile fantascientifico tutto nuovo. Trovano poco spazio gli approfondimenti tecnologici, a favore di molta azione. Parecchie trovate originali e un finale molto divertente.

    commento di bebabi34
  • meta' fantascienza, meta avventura ma dura troppo e alla fine stanca

    commento di raimea
  • si lascia guardare ,ma non che sia un bel film ..

    commento di danandre67
  • Voto al Film :  4

    commento di ripley77
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

GIANNISV66 di GIANNISV66
7 stelle

Da grande appassionato di Edgar Rice Burroughs, mi chiedevo se questo film avrebbe rispettato lo spirito originale del romanzo. Devo dire che alla fine della visione pur sentendomi in dovere di porre qualche osservazione e di non promuoverlo a pieni voti, questo John Carter si rivela come un buon prodotto in grado di regalare del sano intrattenimento e  per tale motivo sono convinto che... leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

PompiereFI di PompiereFI
6 stelle

John Carter (un Taylor Kitsch anonimo alle prese con il suo primo grande ruolo) è un cavalleggero dedito alla fuga facile. Si dilegua dalla morsa dell’esercito durante la Guerra di Secessione Americana con la stessa caparbietà con la quale sgattaiola dagli indiani e da mostri alti e verdi che abitano su Marte. John è un pacifista incallito e, durante la ricerca di una cava d’oro, si... leggi tutto

11 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

John Carter della Terra … John Carter di Marte … uhmmm … John Carter di E.R.! Ecco, forse col dottorino della celeberrima serie tv medica si sarebbe potuto avere qualcosa di più intrigante. Già la vedo, in questi scenari fantastici stra-stravisti, la faccia simpatica di Noah Wyle … il quale, armato dell’infallibile sapere, prima diagnostica la cronicità di una malattia virulenta... leggi tutto

9 recensioni negative

Recensione

champagne1 di champagne1
5 stelle

Il giovane John Carter, reduce della Guerra di Secessione dalla parte della Confederazione, si trova proiettato misteriosamente  dalla Virginia alle sabbie di Marte, dove scopre di possedere abilità di combattente che possono risultare utili alle popolazioni locali in perenne lotta fra loro... Curioso film di avventura/SF che diventa un mix fra un moderno fantasy e i "peplum"...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Trasmesso il 14 settembre 2017 su Rai 4
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 febbraio 2017 su Rai 4
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 4 gennaio 2017 su Rsi La1
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Dom Cobb di Dom Cobb
5 stelle

La storia legata al film John Carter, come avviene con una certa frequenza in quel di Hollywood, è quasi più interessante del film stesso: John Carter prende spunto dal primo romanzo scritto dal suo creatore Edgar Rice Burroghs, intitolato Sotto Le Lune Di Marte e che vede protagonista l'omonimo ufficiale confederato che, una volta teletrasportato sul pianeta rosso, ne diviene,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Fanta-kolossal (250 milioni di budget non si vedono spesso in circolazione), tratto da un romanzo di Edgar Rice Burroughs, che regala ciò che promette, ossia tanto spettacolo e qualche manchevolezza nel riassumere la storia che a volte pare dilungarsi troppo ed altre essere fin troppo stringente lasciando in ogni caso la sensazione che il film avrebbe potuto durare pure un pizzico di...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013

Recensione

Fanny Sally di Fanny Sally
6 stelle

Questa produzione Disney sembrerebbe la trasposizione di un videogame, invece è l'adattamento cinematografico di un curioso ciclo di romanzi fantascientifici scritti un secolo fa da tale Edgar Rice Burroughs. La trama mescola fantasia, azione ed esotismo ed è abbastanza convenzionale nello svolgimento, salvo il doppio finale, tuttavia a farla da padrone sono più gli effetti speciali, a...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Disponibile dal 16 gennaio 2013 in Dvd a 10,99€
Acquista
Il meglio del 2012
2012

Cronache Marziane

GIANNISV66 di GIANNISV66

La recente apparizione sugli schermi di John Carter, personaggio nato dalla fantasia di Edgar Rice Burroughs (e in merito al quale rimando al post pubblicato su CineRepublic) ha riportato in primo piano...

leggi tutto

Recensione

GIANNISV66 di GIANNISV66
7 stelle

Da grande appassionato di Edgar Rice Burroughs, mi chiedevo se questo film avrebbe rispettato lo spirito originale del romanzo. Devo dire che alla fine della visione pur sentendomi in dovere di porre qualche osservazione e di non promuoverlo a pieni voti, questo John Carter si rivela come un buon prodotto in grado di regalare del sano intrattenimento e  per tale motivo sono convinto che...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 5 marzo 2012
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito