Espandi menu

Sex and the City

Regia di Michael Patrick King vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 260
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sex and the City

di bradipo68
4 stelle

Allora è ufficiale:sulle vampate improvvise di femmine attempatelle che pensano solo a due cose(e la seconda è la moda) ci si può fare un film.Le protagoniste di quello strano animale di sit com che era Sex and The city erano carine,provocanti,a loro modo buffe con le loro disavventure a sfondo modaiol-sessuale.Soprattutto erano giovani trentenni rampanti,fresche,con un grado di malizia discretamente sviluppato.E potevano anche risultare simpatiche.Nella macchinosa e lunghissima versione cinematografica non c'è nulla di tutto questo.Troviamo donnette quasi alla soglia della mezza età(chi ha detto che il tempo è galantuomo?) che sembrano di recitare nel video di "Non ho l'età" di Gigliola Cinquetti,femmine in fase estrale che cercano le ultime avventure prima della menopausa,mogli e amanti insoddisfatte comunque da quello che hanno.Ma bisognerebbe chiedere anche ai rispettivi partners.Vedere un film come questo fa tristezza:è una sfilata di moda nata già vecchia e ammuffita,un mondo di plastica in cui nulla è reale,una massacrante gara di chiacchiere su futilità assortite,una filosofia di vita improntata al "Ho una carta di credito quidi sono" in barba a ogni logica cartesiana.Un film che dovrebbe appartenere al genere commedia eppure è avvilente come pochi,quasi un rito funebre dell'edonismo newyorkese.E a proposito di New York si fa fatica a credere che il teatro mesto che fa da sfondo alle avventure delle vegliarde iguainate in abiti firmati(e ditemi che cosa pensereste se trovaste Kim Catrall a passeggio per una via equivoca)sia la stessa poetica città cantata da Woody Allen in Io e Annie o Manhattan.Sono davvero le stesse città?Per il resto inutile cercare di star dietro a tutte le griffe (onni)presenti.Probabilmente sono loro l'unica ragione dell'esistenza di questo Sex and the city,più un operazione di marketing selvaggio che qualcosa da ascrivere all'arte cinematografica.E pazienza se ogni tanto il film interrompe gli spot pubblicitari....

Su Michael Patrick King

avrà anche lui la cinepresa griffata?

Su Sarah Jessica Parker

quando si guarda allo specchio struccata è uno sfacelo che fa venire i brividi.Che cosa può fare il trucco....

Su Kim Cattrall

volgarotta come si acconcia...

Su Cynthia Nixon

insopportabile

Su Kristin Davis

da suicidio

Su Chris Noth

imbalsamato

Su Jason Lewis

grottesco

Su Jennifer Hudson

l'unica fatta di carne

Su Evan Handler

impalpabile

Su Willie Garson

mediocre

Su David Eigenberg

insostenibile

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati